DOMINIC THIEM. ELOGIO AD ALEX STOBER: “È STATA UNA SCELTA DECISIVA”

“Da quando ho iniziato a lavorare con lui ho notato subito la differenza” dice il numero 9 del mondo parlando del suo fisioterapista. Un autentico guru che ha lavorato con Sampras, Kerber, Haas e Kuerten. Il brasiliano: “Secondo me Alex Stober è il miglior fisioterapista al mondo”.

Tennis – Come ha fatto Dominic Thiem a giocare più di cento partite nel 2016? Non è normale. Non è normale soprattutto in un momento in cui i tennisti e le tenniste si lamentano a più riprese dell’eccessiva densità del calendario professionistico. In effetti, il tennista austriaco ha il suo segreto. Si chiama Alex Stober, fa il fisioterapista e in passato a lavorato alla corte di personaggi della portata di Pete Sampras e Gustavo Kuerten.

Si è unito al team del numero 9 del mondo alla fine del 2015, praticamente all’inizio di quella che per l’austriaco è stata stagione della consacrazione, quella in cui ha raggiunto la top ten del tennis mondiale. “Il mio allenatore Gunther Bresnik voleva che Stober si unisse a noi già da tempo. Ma lui era impegnato con altri giocatori. Si è liberato nel novembre del 2015 e ci ha dato la sua disponibilità. È stata una delle decisioni più importanti della mia carriera” ha raccontato Thiem. Il recente campione del torneo di Rio de Janeiro deve molta della sua freschezza atletica alla competenza e all’esperienza di Alex Stober: “Da quando ha iniziato a lavorare con me ho notato subito la differenza. Mi sottopongo a lunghi trattamenti durante la notte e il giorno dopo mi sento nuovo” ha raccontato a Globo Esporte.

Il fisioterapista, dal canto suo, sa dove inizia e dove finisce il proprio lavoro: “Io non sono responsabile del calendario – racconta Alex Stober quando gli viene chiesto come mai Thiem giochi così tanto – so solo il torneo che sta per giocare e lavoro in questo senso. Cerco sempre tempi e luoghi perfetti per preparare le partite più importanti. L’anno scorso è stato un anno fantastico per Dominic. Ha 23 anni, è in forma e ha tanta voglia di lavorare. Si sente bene e ha tanta fiducia nei propri mezzi. E va sempre meglio di settimana in settimana. È questa la ragione per cui è stato in grado di giocare così tante partite nella scorsa stagione”.

Gli obiettivi sono molto ambiziosi, ma il progetto di collaborazione tra Stober e Thiem è a lungo termine: “Ho fatto la mia parte con lui, aiutandolo nella velocità di piedi e nell’equilibrio complessivo. Se si cresce fisicamente si può crescere anche mentalmente. Le due cose sono legate. Cerco sempre di immaginare quale possa essere il risultato del nostro lavoro – continua il fisioterapista tedesco – non è magia, è la passione per il gioco che mi porta a esplorare sempre orizzonti nuovi e mi piace anche stare sempre vicino ai miei assistiti”.

Alex Stober è stato nel team di grandi tennisti come Pete Sampras, Andre Agassi, Li Na, Petra Kvitova, Angelique Kerber e Tommy Haas. Un curriculum di tutto rispetto: “Con ogni tennista è sempre diverso. Ogni sfida è diversa. Non è facile dire quale sia stata la più interessante” ammette. Sicuramente è stata interessante quella affrontata al fianco di Gustavo Kuerten. Il brasiliano due volte vincitore del Roland Garros è uno dei più grandi estimatori del fisioterapista: “Alex è stato con noi anche in Coppa Davis. Non posso dimenticare i successi che ha ottenuto al fianco di Pete Sampras. I successi di Dominic Thiem non sono solo merito di Alex, ma certamente lui è straordinario. Per me è il migliore fisioterapista del mondo. Nessuno, nessuna macchina è come le sue dita e come le sue mani. Ha una grande capacità” conclude l’ex numero 1 del mondo.

Foto: Dominic Thiem (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “DOMINIC THIEM. ELOGIO AD ALEX STOBER: “È STATA UNA SCELTA DECISIVA””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.