DOMINIC THIEM. ELOGIO AD ALEX STOBER: “È STATA UNA SCELTA DECISIVA”

“Da quando ho iniziato a lavorare con lui ho notato subito la differenza” dice il numero 9 del mondo parlando del suo fisioterapista. Un autentico guru che ha lavorato con Sampras, Kerber, Haas e Kuerten. Il brasiliano: “Secondo me Alex Stober è il miglior fisioterapista al mondo”.

Tennis – Come ha fatto Dominic Thiem a giocare più di cento partite nel 2016? Non è normale. Non è normale soprattutto in un momento in cui i tennisti e le tenniste si lamentano a più riprese dell’eccessiva densità del calendario professionistico. In effetti, il tennista austriaco ha il suo segreto. Si chiama Alex Stober, fa il fisioterapista e in passato a lavorato alla corte di personaggi della portata di Pete Sampras e Gustavo Kuerten.

Si è unito al team del numero 9 del mondo alla fine del 2015, praticamente all’inizio di quella che per l’austriaco è stata stagione della consacrazione, quella in cui ha raggiunto la top ten del tennis mondiale. “Il mio allenatore Gunther Bresnik voleva che Stober si unisse a noi già da tempo. Ma lui era impegnato con altri giocatori. Si è liberato nel novembre del 2015 e ci ha dato la sua disponibilità. È stata una delle decisioni più importanti della mia carriera” ha raccontato Thiem. Il recente campione del torneo di Rio de Janeiro deve molta della sua freschezza atletica alla competenza e all’esperienza di Alex Stober: “Da quando ha iniziato a lavorare con me ho notato subito la differenza. Mi sottopongo a lunghi trattamenti durante la notte e il giorno dopo mi sento nuovo” ha raccontato a Globo Esporte.

Il fisioterapista, dal canto suo, sa dove inizia e dove finisce il proprio lavoro: “Io non sono responsabile del calendario – racconta Alex Stober quando gli viene chiesto come mai Thiem giochi così tanto – so solo il torneo che sta per giocare e lavoro in questo senso. Cerco sempre tempi e luoghi perfetti per preparare le partite più importanti. L’anno scorso è stato un anno fantastico per Dominic. Ha 23 anni, è in forma e ha tanta voglia di lavorare. Si sente bene e ha tanta fiducia nei propri mezzi. E va sempre meglio di settimana in settimana. È questa la ragione per cui è stato in grado di giocare così tante partite nella scorsa stagione”.

Gli obiettivi sono molto ambiziosi, ma il progetto di collaborazione tra Stober e Thiem è a lungo termine: “Ho fatto la mia parte con lui, aiutandolo nella velocità di piedi e nell’equilibrio complessivo. Se si cresce fisicamente si può crescere anche mentalmente. Le due cose sono legate. Cerco sempre di immaginare quale possa essere il risultato del nostro lavoro – continua il fisioterapista tedesco – non è magia, è la passione per il gioco che mi porta a esplorare sempre orizzonti nuovi e mi piace anche stare sempre vicino ai miei assistiti”.

Alex Stober è stato nel team di grandi tennisti come Pete Sampras, Andre Agassi, Li Na, Petra Kvitova, Angelique Kerber e Tommy Haas. Un curriculum di tutto rispetto: “Con ogni tennista è sempre diverso. Ogni sfida è diversa. Non è facile dire quale sia stata la più interessante” ammette. Sicuramente è stata interessante quella affrontata al fianco di Gustavo Kuerten. Il brasiliano due volte vincitore del Roland Garros è uno dei più grandi estimatori del fisioterapista: “Alex è stato con noi anche in Coppa Davis. Non posso dimenticare i successi che ha ottenuto al fianco di Pete Sampras. I successi di Dominic Thiem non sono solo merito di Alex, ma certamente lui è straordinario. Per me è il migliore fisioterapista del mondo. Nessuno, nessuna macchina è come le sue dita e come le sue mani. Ha una grande capacità” conclude l’ex numero 1 del mondo.

Foto: Dominic Thiem (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “DOMINIC THIEM. ELOGIO AD ALEX STOBER: “È STATA UNA SCELTA DECISIVA””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".