ERRANI RITORNA AL BEST RANKING, BENE MAKAROVA E IVANOVIC

TENNIS - Il torneo madrileno appena concluso non porta cambiamenti sostanziali nel ranking. Sara Errani ritorna alla sesta posizione, scavalcando la Kerber. Scalano alcune posizioni Ekaterina Makarova e Ana Ivanovic, rispettivamente quartista e semifinalista nel "Mutua Madrilena Open". Avanzano Schiavone e Giorgi. Karin Knapp rientra nella top 100.

La classifica non presenta enormi stravolgimenti nelle primissime posizioni. La finale del “Mutua Madrilena Open” disputata ieri ha confermato la vincitrice Serena Williams al primo posto del ranking, a spese di Maria Sharapova, che rimane seconda a circa cinquecento punti di distanza.

Con la vittoria di misura sulla siberiana, Serena Williams non solo ha vanificato le speranze di Masha di ritornare n. 1 (dopo una comparsata nel 2012 dopo il Roland Garros) ma ha vinto il suo 50esimo titolo in carriera e il primo titolo sulla terra rossa dopo ben undici anni. Un trionfo che conferma la vittoria nel torneo madrileno conquistato l’anno scorso e ribadendo, ancora una volta, un dato di fatto più o meno sottaciuto: lei è tre spanne sopra tutte le altre. In qualsiasi superficie.

Bene anche Sara Errani, che ritorna al suo best ranking, n. 6, con 5.640, scavalcando Angelique Kerber e raggiungendo il suo massimo punteggio mai ottenuto. La top five è indubbiamente vicina, e potrebbe raggiungerla dopo gli Internazionali d’Italia: è a soli 115 punti di distanza dalla n. 5 Na Li, che qui a Roma deve difendere la bellezza di una finale. Nella top ten vi è un’unica altra variazione, che vede la risalita della danese Caroline Wozniacki dalla posizione n. 10 alla n. 9, alle spese di Samantha Stosur.

Scala di quattro posizioni la russa Ekaterina Makarova, quartista a Madrid (che da n. 24 approda al n. 20) e la serba Ana Ivanovic, da n. 16 a n. 13, alle spese di Roberta Vinci, che scende alla quindicesima posizione, superata anche da Marion Bartoli.

Tra le italiane, scende di due posizioni Francesca Schiavone (da n. 34 a n. 36) superata da Yeroslava Shvedova e Sabine Lisicki. Sale di sei posizioni Camila Giorgi, che dal novantatreesimo posto sale all’ottantasettesima posizione.

Buona notizia, infine, per Karin Knapp la quale, grazie alla finale ottenuta la settimana scorsa nell’ITF di Trnava (persa con la rientrante Barbora Zahlavova Strycova) entra nuovamente nella top 100, proprio alla centesima posizione.
Le prime trenta:

1 Serena Williams USA 11115
2 Maria Sharapova RUS 10690
3 Victoria Azarenka BLR 8510
4 Agnieszka Radwanska POL 6475
5 Na Li CHN 5755
6 Sara Errani ITA 5640
7 Angelique Kerber GER 5530
8 Petra Kvitova CZE 5225
9 Caroline Wozniacki DEN 3625
10 Samantha Stosur AUS 3545
11 Nadia Petrova RUS 3075
12 Maria Kirilenko RUS 2971
13 Ana Ivanovic SRB 2895
14 Marion Bartoli FRA 2845
15 Roberta Vinci ITA 2730
16 Dominika Cibulkova SVK 2690
17 Sloane Stephens USA 2515
18 Jelena Jankovic SRB 2335
19 Anastasia Pavlyuchenkova RUS 2010
20 Ekaterina Makarova RUS 1880
21 Kirsten Flipkens BEL 1872
22 Carla Suarez Navarro ESP 1805
23 Klara Zakopalova 1785
24 Venus Williams USA 1770
25 Julia Goerges GER 1660
26 Sorana Cirstea ROU 1660
27 Lucie Safarova CZE 1595
28 Yaroslava Shvedova KAZ 1572
29 Tamira Paszek AUT 1568
30 Alize Cornet FRA 1540

Italiane nelle prime cento:

6 Sara Errani ITA 5640

15 Roberta Vinci ITA 2730

36 Francesca Schiavone ITA 1445

87 Camila Giorgi ITA 748

100 Karin Knapp ITA 663

 

 


Nessun Commento per “ERRANI RITORNA AL BEST RANKING, BENE MAKAROVA E IVANOVIC”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.