EVGENY DONSKOY, LA SORPRESA OLTRE FEDERER

È il russo Evgeny Donskoy per il momento la sorpresa di Dubai, grazie alla vittoria contro Roger Federer nel secondo turno del torneo.

Tennis. Dopo aver annullato tre match-point Evgeny Donskoy è diventato il nuovo eroe del Dubay Duty Free Tennis di Dubai: nel secondo turno contro Re Roger non si è fatto impressionare dal suo prestigioso avversario e si è guadagnato i riflettori del momento oltre che i quarti di finale.

“È stato molto difficile in un primo momento, avevo un sacco di tensione perché stavo giocando contro Federer. Giocare contro di lui è qualcosa di diverso.” Queste le parole di un incredulo Donskoy al termine della partita contro il pluricampione svizzero: giocare contro tennisti del calibro di Roger è sempre difficile, ma spesso può accadere il “miracolo”.
Forse però proprio di un caso non si è trattato: già ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro il 26enne russo era riuscito ad imporsi sul top15 David Ferrer, annullando anche allo spagnolo due match-point. In questa stagione a Rotterdam è riuscito a superare il primo turno eliminando il n.40 Atp Marcel Granollers; a Marsiglia invece ha superato allo stesso modo le qualificazioni prima di fermarsi al primo turno. È una stagione che promette effettivamente bene quella che sta disputando il n.116 della classifica: con la vittoria su Roger Federer oltre a scrivere la sua carriera il russo può aspirare a vincere il suo primo titolo Atp e a tornare tra le prime 100 posizioni, cercando di migliorare il suo attuale best ranking che lo vedeva a Luglio del 2013 n.65 del mondo.

Tra le curiosità da conoscere del nuovo eroe russo c’è l’inaspettata amicizia con Mikhail Youzhny; ma anche l’influenza nel suo gioco di Marat Safin che considera come idolo.
E dopo la vittoria contro Roger Federer, Donskoy mira a risalire la classifica per giungere tra i migliori: “Si ha sempre l’ambizione di diventare il n.1; in questo sport si vuole sempre vincere. Comprendo di essere oltre i 100 in classifica ma si ha sempre l’obiettivo di voler migliorare.”

Foto: Donskoy, Dubai 2017 (zimbio.com)


Nessun Commento per “EVGENY DONSKOY, LA SORPRESA OLTRE FEDERER”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • ATP AWARDS 2015: DJOKOVIC IL MIGLIORE, MA È FEDERER IL PIÙ AMATO Decisi i consueti premi Atp dell’anno: primo posto per Djokovic e Federer, ma tra i votati ci sono anche Fabio Fognini e Simone Bolelli arrivati secondi nella categoria doppio favorito dai fan.
  • ATP WORLD TOUR FINALS, RAONIC SFIDA NOLE NEL GRUPPO MCENROE Terza giornata delle finali ATP di Londra. Dopo la vittoria contro Thiem, Djokovic affronta l'ostacolo rappresentato dal canadese Raonic.
  • ROBIN, ROTTERDAM E’ SUA Soderling vince l’Atp 500 olandese grazie al ritiro di Youzhny per un problema all’anca. Per il n. 8 del mondo è il primo titolo del 2010, il 5° in carriera
  • MERVAILLEUX GASQUET, TRIONFO A DOHA Gasquet vince il torneo di Doha rimontando un set a Davydenko. Il russo spreca e subisce il rientro del francese, caparbio e sempre attaccato alla partita. Per lui ottavo titolo Atp
  • DUBAI. DEL POTRO, LACRIME AMARE. BENE DJOKOVIC TENNIS - L'argentino si arrende ancora al polso malandato che non gli consente di terminare il match d'esordio con Devvarman. Passano facile al secondo turno Djokovic e Berdych. Domani si […]
  • CICLONE MISHA Tra i match di secondo turno a Miami, spicca il netto successo di Youzhny, che lascia un solo gioco a Giraldo. Senza problemi Verdasco e Baghdatis. Soderling soffre un set

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.