FED CUP, DAY 1: REGNA L’EQUILIBRIO

Olanda-Bielorussia, Repubblica Ceca-Spagna, Svizzera-Francia: tre 1-1. La Fed Cup attende USA-Germania per il completamento del sabato

TENNIS – Non solo Italia-Slovacchia nel sabato di Fed Cup. Il World Group scende in campo per quattro sfide ad alto tasso tecnico ed emotivo, considerando la posta in palio del weekend. Fino a questo momento, però, nessuna delle Nazionali impegnate ha ancora preso il largo sulle rispettive avversarie. Tre programmi già conclusi, tutti sul punteggio di parità, ed un’altra sfida che si completerà nella notte.

REPUBBLICA CECA-SPAGNA – Ad Ostrava va in scena uno dei quarti più intriganti. La Repubblica Ceca va subito in svantaggio: Garbine Muguruza supera al terzo set Barbora Zahlavova-Strycova e porta in vantaggio la Spagna. Subito un 6-0 dell’iberica che zittisce il pubblico di casa, poi il 6-3 che rimette in piedi il match, infine il 6-1 della detentrice del Roland Garros. La risposta delle ceche arriva nell’incontro successivo, quello di Karolina Pliskova: 6-4 7-5 ai danni della Arruabarrena, che non riesce a contenere la spinta della più quotata avversaria e deve già giocarsi il jolly del vantaggio iniziale. Il sabato si chiude con un punto a testa.

SVIZZERA-FRANCIA – Il tennis elvetico punta a proseguire sulla scia di gennaio, ma a Ginevra c’è una Francia combattiva. La Svizzera prova a mettere in chiaro le cose con il primo singolare: Timea Bacsinszky supera in due set Alize Cornet, che cede 7-5 6-4 e costringe le transalpine agli straordinari per riportarsi in carreggiata. Il compito dell’1-1 spetta a Kiki Mladenovic, che piazza il punto del pareggio nel match contro Belinda Bencic. 6-3 6-4 della tennista francese ai danni della rivale, che non riesce a difendere il risultato della connazionale ottenuto nel match precedente. Pari e patta aspettando domani.

BIELORUSSIA-OLANDA – Da Minsk può emergere l’outsider in grado di far saltare il banco. Finora, però, nessuna delle due è capace di mettere la testa davanti all’altra. La Bielorussia lancia subito un messaggio all’Olanda, con la vittoria della Sasnovich ai danni della Kraijcek. La tennista oranje si porta avanti 6-4, ma subisce la rimonta della padrona di casa, che chiude al terzo set con il 6-3 del secondo e il 6-2 del parziale decisivo. La risposta non si fa attendere, Kiki Bertens rischia ma si fa valere contro la Sabalenka: 3-6 7-6[6] 6-4. Come negli altri due casi, 1-1 e testa alla domenica.

STATI UNITI-GERMANIA – Il suggestivo scenario di Maui chiuderà il day-one di Fed Cup. Gli Stati Uniti ospitano la Germania e il primo match è in corso di svolgimento. Alison Riske e Andrea Petkovic si contendono il primo punto del confronto, a seguire toccherà a Coco Vandeweghe e Julia Goerges affrontarsi per la seconda sfida di giornata. Ancora tutto aperto, dunque, per una notte di tennis tra due delle Nazionali più quotate.


Nessun Commento per “FED CUP, DAY 1: REGNA L'EQUILIBRIO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora