FED CUP, ITALIA-CINA TAIPEI A BARLETTA

Il CT "Hugo Simmen" di Barletta ospiterà lo spareggio per la permanenza nel World Group II. Obiettivo: riscattare il ko contro la Slovacchia

TENNIS – La sconfitta di Forlì contro la Slovacchia è una ferita ancora apertissima, ma l’Italia ha l’obbligo di rimettersi immediatamente in carreggiata e dare una risposta forte e concreta al mondo del tennis femminile. La Fed Cup torna nel penultimo weekend di aprile, per la precisione sabato 22 e domenica 23, sulla terra rossa del Circolo Tennis Hugo Simmen di Barletta. Le azzurre se la vedranno con la Cina Taipei per la permanenza nel World Group II.

Prima tappa nella Città della Disfida per la competizione a squadre femminile, mentre esiste un precedente per quel che riguarda la Coppa Davis. Nel 1969, quattro anni dopo la fondazione del circolo, la terra battuta pugliese ha ospitato Italia-Austria, con la netta vittoria per 5-0 di Pietrangeli e compagni. Adesso, l’auspicio è che la tradizione positiva continui anche per le ragazze del tennis italiano, a distanza di 48 anni dall’ultimo appuntamento nella location adriatica. Tra l’altro, dall’8 al 16 aprile, gli stessi campi di via del Santuario ospiteranno la diciottesima edizione del Challenger cittadino, strategicamente e storicamente fondamentale per la sua collocazione nel calendario maschile nell’ambito della stagione sul rosso.

Tra 40 giorni, dunque, Tathiana Garbin dovrà imbastire il riscatto dopo il ko maturato in Romagna, inatteso quanto bruciante per la selezionatrice della Nazionale. Sara Errani e Francesca Schiavone rappresenteranno ancora i punti di riferimento del team azzurro, in attesa di capire quale ruolo potrà avere Roberta Vinci. Da scartare, ovviamente, una convocazione di Camila Giorgi, ancora sotto accusa per i comportamenti anti-etici dei mesi scorsi, lasciando quindi aperta la porta alle esordienti. Già a Forlì, la Nazionale ha potuto contare su due esordi e non è escluso che Paolini e Trevisan possano rimanere nel giro anche per quest’occasione.

Per la Cina Taipei, invece, lo spauracchio principale risponde al nome di Su-Wei Hsieh, che proverà a trascinare le compagne di squadra verso un compito che si prospetta abbastanza arduo, considerando le opposte tradizioni tennistiche delle due nazionali. Ciò non toglie che l’Italia dovrà imparare dallo schiaffo incassato dalla Slovacchia, evitando di sottovalutare l’avversario in un periodo così delicato per l’intero movimento. Mantenere quantomeno il proprio ruolo nel World Group II, in attesa di rientrare nell’élite del tennis femminile a squadre, è la prerogativa che accompagnerà la Garbin e le sue giocatrici fino a sabato 22 aprile.


Nessun Commento per “FED CUP, ITALIA-CINA TAIPEI A BARLETTA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.