FED CUP, ITALIA-SLOVACCHIA: L’ESORDIO DELLA GARBIN

Si giocherà a Forlì il prossimo febbraio il match che segna l'esordio della Garbin alla guida della selezione di Fed Cup

Tennis. Sarà un appuntamento storico quello del prossimo febbraio per la selezione femminile italiana di tennis. Dopo anni di presenze e trionfi in Fed Cup infatti sulla panchina italiana non siederà più Corrado Barazzutti, che resterà alla guida della Coppa Davis, bensì l’ex tennista azzurra Tathiana Garbin.

L’occasione sarà delicata, la sfida del tabellone II del World Group contro la temibile Slovacchia, che tra le proprie fila dovrebbe schierare l’ex finalista degli Australian Open Dominika Cibulkova. Una sfida cruciale per il neo capitano di Fed Cup, utile a risalire subito nel tabellone principale, che compete alla Nazionale più medagliata e decorata degli ultimi 10 anni.

Quest’oggi a Forlì in conferenza stampa saranno presenti il nuovo e il vecchio Capitano della squadra, con il sindaco della città Davide Drei per presentare l’appuntamento che si svolgerà l’11 e 12 febbraio 2017 presso il PalaGalassi su terra rossa indoor. Presente alle 11.30 in sala stampa anche l’assessore allo sport Sara Samori.


Nessun Commento per “FED CUP, ITALIA-SLOVACCHIA: L'ESORDIO DELLA GARBIN”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.