FEDERER E L’OBIETTIVO 20 TITOLI SLAM: “È UN SOGNO, MA TUTTO È ANCORA POSSIBILE”

Roger Federer si da ancora una possibilità nei tornei del Grand Slam: a quota 18 titoli, l'obiettivo 20 non sembra poi così utopico.

Tennis. In un’intervista per l’Equipe Roger Federer ha svelato sensazioni e obiettivi dell’attuale stagione tennistica, parlando in particolare dei tornei del Grand Slam.

20 titoli? Raggiungerli sarebbe un sogno” ha dichiarato il pluricampione svizzero. A quota 18 titoli, con l’ultimo vinto in questa stagione a Melbourne, Federer torna a parlare dei traguardi che potrebbe raggiungere nei tornei più prestigiosi. Non è però il prossimo Slam l’obiettivo dello svizzero: “L’Open di Francia già so che sarà difficile conquistarlo perché richiede una preparazione adeguata sulla terra rossa. Bisogna chiedersi quanti tornei si è disposti a giocare su quella superficie per essere pronti.”

Escluso dunque il Roland Garros, non resta che puntare tutto su Wimbledon e Us Open: “Se gioco bene -ha dichiarato ancora Roger- se sono in buona salute e sono in grado di giocare su campi più rapidi, ho una possibilità. Raggiungere 20 titoli è un sogno, ma punto tutto su Wimbledon.

Dov’è dunque il segreto della sua longevità? Impegnato attualmente nel torneo di Dubai, lo svizzero ha svelato alcuni retroscena: “Quando sono diventato n.1 al mondo non ho giocato ogni possibile torneo. Ho gestito bene la mia programmazione, la mia vita personale e il mio tennis, questo mi ha permesso di restare in forma.”


Nessun Commento per “FEDERER E L'OBIETTIVO 20 TITOLI SLAM: "È UN SOGNO, MA TUTTO È ANCORA POSSIBILE"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora