FEDERER E L’OBIETTIVO 20 TITOLI SLAM: “È UN SOGNO, MA TUTTO È ANCORA POSSIBILE”

Roger Federer si da ancora una possibilità nei tornei del Grand Slam: a quota 18 titoli, l'obiettivo 20 non sembra poi così utopico.

Tennis. In un’intervista per l’Equipe Roger Federer ha svelato sensazioni e obiettivi dell’attuale stagione tennistica, parlando in particolare dei tornei del Grand Slam.

20 titoli? Raggiungerli sarebbe un sogno” ha dichiarato il pluricampione svizzero. A quota 18 titoli, con l’ultimo vinto in questa stagione a Melbourne, Federer torna a parlare dei traguardi che potrebbe raggiungere nei tornei più prestigiosi. Non è però il prossimo Slam l’obiettivo dello svizzero: “L’Open di Francia già so che sarà difficile conquistarlo perché richiede una preparazione adeguata sulla terra rossa. Bisogna chiedersi quanti tornei si è disposti a giocare su quella superficie per essere pronti.”

Escluso dunque il Roland Garros, non resta che puntare tutto su Wimbledon e Us Open: “Se gioco bene -ha dichiarato ancora Roger- se sono in buona salute e sono in grado di giocare su campi più rapidi, ho una possibilità. Raggiungere 20 titoli è un sogno, ma punto tutto su Wimbledon.

Dov’è dunque il segreto della sua longevità? Impegnato attualmente nel torneo di Dubai, lo svizzero ha svelato alcuni retroscena: “Quando sono diventato n.1 al mondo non ho giocato ogni possibile torneo. Ho gestito bene la mia programmazione, la mia vita personale e il mio tennis, questo mi ha permesso di restare in forma.”


Nessun Commento per “FEDERER E L'OBIETTIVO 20 TITOLI SLAM: "È UN SOGNO, MA TUTTO È ANCORA POSSIBILE"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.