FEDERER, ROMA O NON ROMA? NELLA ENTRY-LIST C’E’…

Dopo la finale di Miami lo svizzero ha annunciato che quest'anno probabilmente il suo unico torneo sulla terra battuta sarà il Roland Garros, intanto però figura tra gli iscritti dell'edizione 2017 degli Internazionali d'Italia

TENNIS – Le dichiarazioni rilasciate dopo il trionfo nella finale del Masters 1000 di Miami contro Nadal hanno messo in ansia tutti gli appassionati italiani (e non solo), ma anche se Roger Federer ha annunciato che con ogni probabilità l’unico torneo che giocherà quest’anno sulla terra rossa sarà il Roland Garros, un piccolissimo spiraglio in funzione della sua partecipazione agli Internazionali d’Italia si potrebbe aprire. Il campione svizzero infatti figura regolarmente nella entry-list ufficiale, insieme a tutti gli altri “big” del circuito (nell’elenco sono presenti tra l’altro i primi 43 giocatori del ranking Atp), e anche se non è una garanzia della sua presenza sui campi del Foro Italico, rimane almeno la speranza di una possibile decisione dell’ultimo momento come era accaduto ad esempio un anno fa.

Anche nel 2016 infatti, sempre per motivi legati alla gestione della sua condizione fisica, Federer aveva fatto sapere che con ogni probabilità non sarebbe sceso in campo a Roma, poi però, dopo i risultati non esaltanti ottenuti nelle settimane precedenti (a partire da Montecarlo), decise di prendere parte agli Internazionali d’Italia, per la gioia delle migliaia di tifosi accorsi nella capitale. Ma quest’anno, dopo l’esaltante inizio di stagione che lo ha visto prima trionfare agli Australian Open e poi piazzare un incredibile “Sunshine Double” a Indian Wells e Miami, la sua presenza sarebbe ancora più apprezzata e celebrata, soprattutto perché, considerando quanto è riuscito a fare in questi primi mesi del 2017, qualsiasi tifoso spererebbe di vederlo trionfare per la prima volta anche a Roma.

Tutto però dipenderà dalle condizioni fisiche di Federer, che dopo la finale di Miami ha affermato di avere bisogno di un periodo di riposo abbastanza prolungato, anche perché lui stesso non si aspettava di giocare tante partite ravvicinate ad un livello così alto ed intenso, ma di certo sarebbe quanto meno singolare se si presentasse a Parigi senza un minimo di “rodaggio” su una superficie particolare come la terra battuta. L’unica cosa da fare quindi, ad oltre un mese dall’inizio dell’edizione 2017 degli Internazionali d’Italia, è attendere qualche settimana, e tutti tifosi del campione svizzero possono solo cominciare a sperare: del resto Federer ha indicato proprio Roma, insieme a Shanghai, come migliore Masters 1000 della passata stagione, e magari all’ultimo momento deciderà anche questa volta di scendere in campo al Foro Italico, regalando questa grande gioia a tutti gli appassionati. In caso contrario, visto che Roger ha dichiarato di voler giocare ancora qualche anno, non si potrà fare altro che sperare nel 2018.

(Nella foto Roger Federer – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “FEDERER, ROMA O NON ROMA? NELLA ENTRY-LIST C'E'...”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.