FEDERER, IL SEGRETO: “CRACK PER UN BAGNETTO ALLE MIE FIGLIE”

Roger Federer finalmente svela come si è procurato l'infortunio al ginocchio: colpa...delle figlie

Tennis. Roger Federer ha finalmente svelato come si è procurato l’infortunio al ginocchio che lo ha costretto ai box dagli ultimi Australian Open sino a Miami, torneo che sarebbe dovuto essere quello del rientro dell’elvetico in gara, prima che l’influenza lo costringesse al forfait, impedendoci di assistere ad una sfida amarcord con Del Potro. 

L’operazione al ginocchio, Dubai e Rotterdam saltati, l’ultima partita lontana ormai oltre due mesi e la maledizione che continua a Miami, dove sarebbe rientrato contro Delpo: un secondo turno oggi, che in passato valeva invece una finale Slam o una semifinale olimpica rimasta nella storia di questo sport. Così il 17 volte vincitore di uno torneo dello Slam spiega il misfatto: “Stavo per fare un bagnetto alle bimbe. Ho fatto un movimento molto semplice, un passo all’indietro, e ho sentito un “click” al ginocchio. Un movimento tutt’altro che violento ma che lo ha messo k.o. Poi siamo andati allo zoo. E la mia gamba era gonfia“.

Ecco la spiegazione fornita dal Re Roger nella conferenza stampa di Miami, Masters 1000 che avrebbe dovuto sancire il suo ritorno in campo. Invece tutto rinviato a Montecarlo, che in realtà doveva essere da programma l’evento previsto per rivedere lo svizzero in attività. Solo influenza, dunque, nessun allarme relativo a possibili problemi ulteriori al ginocchio operato.

 


Nessun Commento per “FEDERER, IL SEGRETO: "CRACK PER UN BAGNETTO ALLE MIE FIGLIE"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.