FEDERER, IL SEGRETO: “CRACK PER UN BAGNETTO ALLE MIE FIGLIE”

Roger Federer finalmente svela come si è procurato l'infortunio al ginocchio: colpa...delle figlie

Tennis. Roger Federer ha finalmente svelato come si è procurato l’infortunio al ginocchio che lo ha costretto ai box dagli ultimi Australian Open sino a Miami, torneo che sarebbe dovuto essere quello del rientro dell’elvetico in gara, prima che l’influenza lo costringesse al forfait, impedendoci di assistere ad una sfida amarcord con Del Potro. 

L’operazione al ginocchio, Dubai e Rotterdam saltati, l’ultima partita lontana ormai oltre due mesi e la maledizione che continua a Miami, dove sarebbe rientrato contro Delpo: un secondo turno oggi, che in passato valeva invece una finale Slam o una semifinale olimpica rimasta nella storia di questo sport. Così il 17 volte vincitore di uno torneo dello Slam spiega il misfatto: “Stavo per fare un bagnetto alle bimbe. Ho fatto un movimento molto semplice, un passo all’indietro, e ho sentito un “click” al ginocchio. Un movimento tutt’altro che violento ma che lo ha messo k.o. Poi siamo andati allo zoo. E la mia gamba era gonfia“.

Ecco la spiegazione fornita dal Re Roger nella conferenza stampa di Miami, Masters 1000 che avrebbe dovuto sancire il suo ritorno in campo. Invece tutto rinviato a Montecarlo, che in realtà doveva essere da programma l’evento previsto per rivedere lo svizzero in attività. Solo influenza, dunque, nessun allarme relativo a possibili problemi ulteriori al ginocchio operato.

 


Nessun Commento per “FEDERER, IL SEGRETO: "CRACK PER UN BAGNETTO ALLE MIE FIGLIE"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora