FEDERER: “TRA ME E RAFA? AMICIZIA È UN PAROLONE”

TENNIS- Non se la prendano troppo i ‘Fedal’, ma pare che la tanto acclamata amicizia tra i due rivali storici sia soltanto un’esagerazione mediatica e un castello in aria di parecchi tifosi. Federer: “Non so esattamente quanto io e Rafa possiamo definirci amici”.

TENNIS- Nessuno aveva mai creduto profondamente all’immagine artificiale creata intorno alla figura dei due più influenti tennisti dell’ultimo decennio. Certo, era bello credere che si andasse oltre il semplice e sincero rispetto reciproco, ma sarebbe stato davvero da ingenui pensare che tra Roger Federer e Rafael Nadal si fosse instaurato un rapporto di reale amicizia, quella con la A maiuscola.
I due campioni hanno sempre avuto parole di stima l’uno nei confronti dell’altro, ma le congetture dei così detti “Fedal” (alimentate non poco dagli sponsor di riferimento) su un legame d’amicizia anche al di fuori dei campi da tennis, sono sempre sembrate ai più attenti piuttosto forzate.

Arrivano quindi, non proprio come un fulmine a ciel sereno, le dichiarazioni di Roger, che, in un’intervista di qualche giorno fa ha fatto intendere che il suo rapporto con il rivale non è come potrebbe sembrare ad alcuni: “Non sono sicuro di quanto possiamo definirci ‘amici’. Mi chiedo quanto rimarremo in contatto quando tutto questo finirà e noi saremo fuori dal circuito; voglio dire, non facciamo cose come andare a cena insieme”.

 

Con Nadal a soli 4 titoli dall’eguagliare il record di Slam di Federer, si può sicuramente parlare più di rivalità che di amicizia, ed è lo stesso svizzero a riconoscere che forse hanno sbagliato a sottolineare così poco l’antagonismo che, per forza di cose, li oppone: Devo dire che spesso siamo anche troppo gentili tra noi giocatori”, ha affermato Federer. “Con questo non voglio dire che i tennisti di oggi siano eccessivamente carini gli uni con gli altri- o che questa non sia una buona cosa- ma sarebbe giusto ricalcare ogni tanto la volontà di ognuno di fare meglio degli avversari”.


E’ vero, Roger e Rafa si sono incontrati spesso, ma la maggior parte delle volte è stata sul campo: si sono sfidati in ben 8 finali del Grande Slam, per un totale di 33 scontri diretti. Oltre gli “scontri” e le chiacchierate nelle serate di gala, però, i due sembrano aver condiviso ben poco.
D’altronde, come potrebbe conciliarsi la vita da padre di famiglia dell’elvetico (residente a Dubai) con quella del ragazzo di Manacor?


Nessun Commento per “FEDERER: “TRA ME E RAFA? AMICIZIA È UN PAROLONE””


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • FEDERER: “LA CHIAVE ERA MELBOURNE” Giocare come in finale degli Australian Open per vincere a Indian Wells, le parole di Federer dopo un'altra vittoria su Nadal
  • RANKING ATP: SI CONFERMA LA TOP 15, FEDERER FA 600 TENNIS- Stabili big e italiani in questa nuova settimana del calendario ATP: degna di nota la 600esima presenza di Re Roger nella top 10.
  • “BUON 2007”: IL CLIMA VINTAGE DEL FEDAL I social si scatenano in chiave "Ritorno al futuro". Il Fedal riporta indietro nel tempo sia gli Australian Open, sia i fan di Roger e Rafa
  • IL SOGNO DI.. BABBO NADAL Il maiorchino tira il bilancio del suo 2014: “Un anno senza tregua, sgradevole dall’inizo alla fine”. E risponde alla polemica sulla cura con le staminali: "Come si fa a parlare di doping? […]
  • RAFA L’INCONTENTABILE Il numero 2 del mondo, a dispetto dei risultati, si fa notare sempre più per una strana tendenza alla “piangina”. Non si tratta di semplici lamentele, ma di un atteggiamento che i social […]
  • MURRAY: “QUANTO MI MANCANO ROGER E RAFA!” Quello che non ti aspetti da Andy Murray: senza Federer e Nadal, lo scozzese ha più campo libero e si è visto a Shanghai. Ma a che prezzo?

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.