FEDERICO LUZZI NASCEVA 37 ANNI FA: VIVO IL RICORDO DI UN PRECOCE ADDIO

Oggi il tennista aretino avrebbe spento 37 candeline: è scomparso oltre 8 anni fa per una leucemia fulminante
lunedì, 2 gennaio 2017
Tennis. Sono passati più di 8 anni da quell’assurda giornata di ottobre quando Federico Luzzi giocava un match di A1 e, sentendosi male in campo, avrebbe poi fatto dei controlli utili a rilevare quella leucemia fulminante che ce l’avrebbe portato via appena 6 giorni dopo. Una circostanza assurda che ancora oggi viene ricordata da amici e colleghi tramite numerose iniziative e la creazione di una fondazione intitolata a suo nome, con lo scopo di raccogliere fondi per la ricerca scientifica.
Federico è stato all’alba del nuovo millennio una delle migliori promesse del tennis azzurro. Nel 2002 era già n.3 d’Italia e fra i primi 100 al mondo appena 22enne, raggiungendo la prima convocazione in Coppa Davis, i quarti di finale a Barcellona ma soprattutto l’esaltante cavalcata sino agli ottavi del Foro Italico, battendo gente come Clement allora n.7 del mondo o Arazi n.19.
Che la sfortuna avesse preso di mira la vita del povero toscano si intuì subito visto che, non appena toccato il best ranking, subirà un brutto infortunio alla spalla che lo condizionerà per sempre con ricadute ed altri acciacchi. Segue un lungo periodo di riabilitazione e difficoltà nel ritrovare i risultati passati, fino a quando nel 2005 tramite buoni piazzamenti risale sino alla n.137 del mondo, quarto giocatore d’Italia e trova anche la sua terza chiamata in Coppa Davis, vincendo il personale incontro disputato a cospetto del Lussemburgo. Anche il 2007 sarà un anno positivo, qualificandosi al torneo di Doha e battendo il n.39 del mondo Melzer. Sarà l’ultimo acuto di una carriera che avrebbe potuto riservare all’Italia un tennista di grande talento e speranze come mostrato all’inizio del suo avvento nel circuito. Da Juniores vinse svariati titoli europei ed anche un campionato del mondo, a dimostrazione delle qualità eccezionali dell’aretino, purtroppo stroncate da infortuni e qualche scelta di vita sbagliata.
Oggi, Federico, avrebbe compiuto solo 37 anni.

Nessun Commento per “FEDERICO LUZZI NASCEVA 37 ANNI FA: VIVO IL RICORDO DI UN PRECOCE ADDIO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora