FINALI DERBY?

Prosegue indisturbato il cammino del fortissimo francese Blancaneaux all'Under 12 del Canottieri Roma. In semifinale sarà l'italiano Andrea Zanchi a tentare di fermarlo

Roma, 6 maggio 2010 – Tre game in tre partite. E’ quanto ha lasciato agli avversari Geoffrey Blancaneaux agli Internazionali d’Italia BNL under 12. Il numero 1 di Francia anche oggi ha passeggiato contro il pur forte marchigiano Samuele Ramazzotti che, dopo aver vinto il primo game, ha perso i successivi 12 in meno di tre quarti d’ora.Sembra di rivivere il monologo recitato la settimana scorsa a poche centinaia di metri di distanza da Rafael Nadal. Troppo forte Blancaneaux con le sue accelerazioni e le sue molteplici soluzioni da ogni parte del campo, e troppo intimoriti i suoi avversari nell’affrontarlo.

Si spera che vada meglio ai 3 italiani semifinalisti che separano Blancaneaux dalla vittoria finale. Ci proverà per primo Matteo Zanchi, che sotto 5-3 nel primo set è stato bravo a recuperare e battere Federico Gaio dopo una dura lotta intervallata anche dalla pioggia. Nella parte bassa del tabellone, una semifinale incertissima vedrà opposti Galvano e Moroni. Galvano, recente vincitore del Lemon Bowl e in crescita col passare dei giorni, ha battuto Federico Iannaccone senza lasciargli nemmeno un game. Roba da far paura anche al numero 1 d’Italia, Gianmarco Moroni, che ha sofferto più del previsto per battere Nicolas Merzetti, l’unico ’99 arrivato ai quarti.

Anche in campo femminile c’è la possibilità di un derby in finale. Possibilità qui molto più concrete, perché le britanniche Plews e Simpson continuano a giocare su livelli superiori. Infatti hanno rispettivamente sconfitto in 2 set la rumena Cristian e l’italiana Cecilia Castelli. Esce anche l’altra rumena Ivascu, battuta da un’altra tennista da tener d’occhio per l’immediato futuro, la russa Bryzgalova. Ma a portare almeno un’italiana alle semifinali ci ha pensato Eleonora Palumbo, che nel quarto di finale italiano ha vinto nettamente contro Alessia D’Auria. Adesso per lei c’è un penultimo round difficilissimo contro la Plews, mentre dall’altra parte si affrontano Simpson e Brzygalova. Se ci sarà almeno un derby in finale, si vedrà venerdì, con inizio previsto alle 10. Pioggia permettendo.

Nella foto di Paolo Pagliai: il semifinalista Matteo Zanchi


Nessun Commento per “FINALI DERBY?”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • GLI ITALIANI NON DELUDONO Sono 7 gli italiani nei quarti del torneo Under 12 al Circolo Canottieri Roma, ma il favorito è il francese Blancaneaux. Si fanno notare anche 3 azzurrine
  • AVANTI TUTTI I PIU’ FORTI Nella prima giornata degli Internazionali BNL d'Italia al Circolo Canottieri Roma hanno passato il turno tutti i favoriti. Anche oggi non mancherà lo spettacolo...
  • JUNIORES AZZURRO Gianmarco Moroni tiene alti i colori della nostra bandiera trionfando nella finale Under 12 al Canottieri Roma. Il titolo femminile va alla britannica Simpson
  • POPYRIN STUPISCE TRA GLI UNDER 12 Australiano con genitori russi, Alexei Popyrin, 12 anni ad agosto, è in semifinale agli Internazionali BNL d’Italia under 12
  • SOTTO LE ACQUE DEL TEVERE La spettacolare esondazione del Flavus Tiber dello scorso mese ha invaso gli impianti di diversi Circoli della Capitale, tutti da subito prontamente al lavoro per ripristinare l'ordine
  • AL PARIOLI TRIONFA IL CANOTTIERI ROMA Il Circolo Canottieri Roma vince la terza edizione della Stanleybet Cup, il Torneo di calcio a 8 riservato ai Circoli storici della Capitale e organizzato dal TC Parioli. Il Club di Monte […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.