FOLLIA FEDERER: KO A DUBAI, “NON ERO CONCENTRATO”

Roger Federer spreca l'impossibile contro il russo Donskoy e perde nel secondo turno di Dubai

Tennis. Nessuno poteva aspettarselo. La sconfitta di Federer arriva come un fulmine a ciel sereno, causata da un russo praticamente sconosciuto e lontano persino dalla top 100. L’Atp 500 di Dubai perde il suo Re e saluta la Svizzera, dopo il clamoroso ko all’esordio di Wawrinka.

Tre match point nel secondo set, un vantaggio di 5-2 nel terzo e addirittura di 5-1 nel tie-break decisivo. Ma a destrare ancor più scalpore, come se non bastasse l’esito ed andamento del match, sono le parole del campione agli Australian Open: “Ho avuto queste strane sensazioni dentro di me tutto il giornoho avuto difficoltà a trovare il timing sulla palla e sono stato molto più lento sulle gambe rispetto al primo turno. Mi sono preparato come per ogni altro incontro, ma oggi non ci sono scuse. Credo comunque di dover prendere tutto ciò di positivo che c’è stato oggi, mi sento comunque abbastanza bene fisicamente e sono contento di aver recuperato dall’infortunio degli Australian Open. Per me questo è ancora l’inizio del mio comeback.

Non accadeva da 17 anni che perdesse con un tennista oltre la centesima posizione mondiale. E spiega Re Roger come proprio quest’aspetto paradosalmente possa averli procurati dei problemi: “Semplicemente non conoscevo Donskoy. Non sapevo quali fossero i suoi schemi e le sue preferenze. Questo mi ha creato un po’ di tensione e non mi ha permesso di giocare liberamente, cosa abbastanza sorprendente, considerando come ho giocato in Australia”.

Resta un’occasione mancata per guadagnare qualche prezioso punto in classifica rispetto allo zero dello scorso anno e di vincere un ulteriore torneo, con il solo Murray quale possibile avversario di livello.


Nessun Commento per “FOLLIA FEDERER: KO A DUBAI, "NON ERO CONCENTRATO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ATP DUBAI: MURRAY AI QUARTI DI FINALE, FEDERER KO Il numero uno del mondo ha liquidato Guillermo Garcia-Lopez con un netto 6-2 6-0, mentre lo svizzero è stato eliminato in tre set da Evgeny Donkosy nonostante i tre match-point avuti a […]
  • ATP DUBAI, FEDERER E MONFILS AL SECONDO TURNO Lo svizzero ha superato agevolmente Benoit Paire 6-1 6-3, il francese invece ha sconfitto Mohamed Safwat 6-4 6-3. Ad Acapulco avanzano Goffin e Coric
  • DUBAI, BUONA LA PRIMA PER SEPPI E FEDERER L'altoatesino porta a casa un match molto difficile contro Florian Mayer, che lo precede di una posizione in classifica. Due ore di battaglia e vittoria in rimonta per il nostro […]
  • FEDERER E DJOKOVIC AI QUARTI DI FINALE. FUORI SEPPI TENNIS - Negli Emirati Arabi nessun problema per Berdych e Djokovic. Tsonga non deve nemmeno scendere in campo, mentre Federer deve rimanerci più di due ore in un match ostico e duro […]
  • CHALLENGER. LORENZI VINCE A CORTINA E sono quattordici Paolino. Il senese vince sulle Dolomiti battendo Maximo Gonzalez ed entra nella top ten dei vincitori di tornei Challenger. Evgeny Donskoy trionfa a Segovia e Tobias […]
  • FEDERER, BOMBARDIERE A QUOTA 9000 Superato il muro degli aces, è il quarto a riuscire nell'impresa: davanti a lui Karlovic e Roddick, più distante Ivanisevic oltre i diecimila. Riviviamo i momenti salienti e le statistiche […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.