FORBES, E’ FEDERER IL TENNISTA PIU’ RICCO DEL 2016

Federer è il quarto atleta più pagato al mondo nella classifica Forbes. Anche Djokovic, sesto, in top-10. Serena Williams è la prima donna (40ma), la più infuente sui social network.

Tennis – Non ha eguali l’appeal commerciale di Roger Federer. Con 67.8 milioni di dollari di ricavi commerciali, grazie agli accordi con Nike, Wilson, Rolex, Mercedes-Benz, Credit Suisse e Moët & Chandon, è il tennista più pagato al mondo e il quarto sportivo in assoluto nella classifica stilata come ogni anno da Forbes dietro Cristiano Ronaldo, Lionel Messi e LeBron James.

Sono altri quattro i tennisti fra i primi 100. L’unico in top-10 è Novak Djokovic, sesto ($55.8M, partnership con Uniqlo, Adidas, Head, ANZ, Peugot, Seiko), che si accompagna a Rafael Nadal (21mo, $37.5M), Kei Nishikori (29mo, $33.5M), Andy Murray (74mo, $23M).

Il tennis si conferma la disciplina più remunerativa per lo sport femminile. La WTA, infatti, monopolizza con otto rappresentanti la top-10 delle atlete più pagate (quest’anno è entrata per la prima volta Muguruza con 7.6 milioni di dollari da sponsorizzazioni). La squalifica per la positività al meldonium ha portato Maria Sharapova a cedere il primo posto dopo undici anni di fila. Con 28,9 milioni di sponsorizzazioni, la tennista più pagata al mondo è adesso Serena Williams, quarantesima nel ranking assoluto. Serena raggiunge l’89% di “awareness” nella Celebrity DBI, la classifica di Repucom che misura come oltre 4mila celebrità vengono percepite dal pubblico: i termini che i tifosi associano maggiormente all’ormai ex numero 1 del mondo sono influenza e aspirazione.

È una figura di riferimento, dunque, sempre più appetibile, come dimostra l’accordo firmato l’anno scorso e rinnovato nel 2016 con Chase che l’ha scelta come volto per la campagna Mastery sui prodotti digitali della compagnia. “E’ una delle figure più dominanti e riconoscibili dello sport femminile” ha detto Donna Vieira, Chief Marketing Officer di Chase Consumer Banking. “Ci ha aiutato a realizzare una delle nostre campagne più memorabili” che ha coinvolto anche la stella NBA Stephen Curry. Williams ora ha accordi di sponsorizzazione con una dozzina di marchi, come Nike, Wilson, Audemars Piguet, Beats Electronics, Burlei, Delta Air Lines, IBM, Kinder Joy, Mini e Wheels Up.

Serena Williams e Djokovic sono anche i tennisti che creano più valore per i propri sponsor attraverso i social network. Tra giugno 2015 e giugno 2016, Djokovic ha scatenato 74 milioni di interazioni su 527 post, secondo Hookit: una chat con i tifosi ha raggiunto gli 8,8 milioni di visite e più di mezzo milione di “like”. Il serbo è infatti in grado di generare una media di 140 mila interazioni per post, il 38% in più di ogni altro tennista, anche se il numero 1 è solo quinto per numero complessivo di follower. I 56 milioni di interazioni, il 57% in più di Maria Sharapova, fanno di Serena Williams la regina dei social network. I 115 post con il logo o l’hashtag Nike hanno generato un media value di 8.1 milioni di dollari, più di Federer, Nadal e Sharapova messi insieme.

Il re dei social è invece Cristiano Ronaldo, con 215 milioni di follower tra Facebook, Instagram e Twitter, il 60% più di ogni altro atleta. Con 88 milioni di dollari, Ronaldo è l’atleta più pagato al mondo nell’ultimo anno: è la prima volta dal 2001 che la classifica risulta guidata da uno sportivo diverso da Floyd Mayweather o Tiger Woods. Complessivamente, i primi 100 atleti in classifica hanno guadagnato 3,15 miliardi di dollari nei 12 mesi fra giugno 2015 e giugno 2016, con un leggero calo rispetto ai 3,22 dell’anno precedente segnato dall’incontro blockbuster fra Mayweather e Manny Pacquiao.

Nella lista dei 100 atleti più ricchi si trovano rappresentate dieci discipline sportive. Domina il baseball, con 26 giocatori, guidati da Clayton Kershaw (33mo con $32 milioni). Seguono poi football americano (21 gli atleti della NFL), basket NBA (18) e calcio (12), soprattutto grazie all’esplosione dei diritti tv. Oltre ai sette tennisti, si registrano poi sei piloti automobilistici, cinque golfisti, tre pugili, un campione di arti marziali (Conor McGregor, 85mo con $22 milioni) e Usain Bolt (32mo, $32,5 milioni), unico fenomeno dell’atletica leggera in classifica.

Dal punto di vista geografico, gli Stati Uniti portano da soli 65 atleti in top-100 grazie ai salari milionari della MLB, della NBA e della NFL. Altre 22 nazioni si spartiscono le altre 35 posizioni, a cominciare dai cinque britannici (su tutti Lewis Hamilton, 11mo con 46 milioni di dollari di introiti) e dai tre rappresentanti di Argentina, Germania e Repubblica Dominicana.

Lo sport business, secondo quanto emerge dalla classifica di Forbes, non è un terreno per giovani. L’età media dei top-100 è infatti di 31 anni, spinta in alto dai sette over 40: il più anziano è il golfista 46enne Phil Mickelson, seguito dalla leggenda della Nascar Dale Earnhardt Jr., 41 come Alex Rodriguez dei New York Yankees. Anche il più giovane, curiosamente, è un golfista: si tratta del 22enne Jordan Spieth, che ha 16 mesi meno di Kyrie Irving e Neymar, rispettivamente secondo e terzo in questa speciale classifica.

Sono 33 infine, gli atleti che non erano presenti fra i 100 più ricchi l’anno scorso. La miglior new entry è Cam Newton, il quarterback dei Carolina Panthers, settimo con 53,1 milioni di dollari di introiti, compresi i 10 di bonus maturati a marzo 2016 che però incasserà nel 2017, di cui 12 di endorsement. Esce invece l’omologo Ben Roethlisberger, undicesimo un anno fa grazie al bonua da 31 milioni di dollari.


Nessun Commento per “FORBES, E' FEDERER IL TENNISTA PIU' RICCO DEL 2016”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.