I NODI DI MARTINA HINGIS

Quando vincere diventa un'ossessione, tutto il resto passa in secondo piano. La perfezionista Martina Hingis, che oggi compie 36 anni, dopo aver interrotto la collaborazione con Sania Mirza si prepara ad affrontare un periodo molto delicato. Le due, intanto, hanno già ottenuto la qualificazione per le Finals

TENNIS – Il tennis parla di vincitori e vinti, di imprese e cadute. Di celebrità, di uomini, di donne. E in un mondo che corre veloce, il tennis parla anche di Martina Hingis e della sua ineguagliabile voglia di vincere, stupire, migliorare. E le 36 candeline, che spegne proprio oggi, ne sono la testimonianza. La predestinata nata a Kosice, che ha abbattuto tutti i record da teenager e ha sfiorato il Grande Slam, con una splendida seconda carriera è riuscita nell’ardua impresa di ripetersi in doppio, dove a cavallo tra il 1996 e il 1998 ha vinto tutte e quattro le prove dello Slam.

Dalla collaborazione con Flavia Pennetta, a quella con Sabine Lisicki, l’elvetica ha trovato confidenza con il gioco e ha optato di affidarsi ad una ragazza che, dal 2010, si dedica solo al doppio. Dopo un anno e mezzo di collaborazione con Sania Mirza, la compagna più efficace che abbia mai avuto,  Martina ha deciso di interrompere il rapporto professionale più prolifico della sua carriera a causa degli scarsi risultati ottenuti negli ultimi mesi di partnership.

Le due hanno vinto un totale di 14 tornei, di cui 3 dello Slam, e hanno collezionato18 successi consecutivi a cavallo tra gennaio e febbraio. Al Foro Italico hanno ottenuto l’ultimo grande acuto di una collaborazione che, appena prima delle Olimpiadi, si è interrotta in maniera brusca. Martina, che nel frattempo ha sfiorato la sua prima medaglia d’oro alle Olimpiadi in coppia con Timea Bacsinzsky, dopo una parentesi con Coco Vandeveghe, dovrà sciogliere alcuni dubbi. La Martina perfezionista che non accetta altro risultato all’infuori della vittoria.

Con Sania Mirza ha già strappato un pass per le Finals. Quindi gli interrogativi sono almeno un paio:  cosa deciderà di fare? A quale compagna di doppio si affiderà per provare a vincere ancora nel 2017? Per la neo 36enne, ancora affamata di vittorie, un bivio molto importante in un momento molto importante. Gli anni passano, le abitudini no.


Nessun Commento per “I NODI DI MARTINA HINGIS”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora