IBI17, ALEXANDER ZVEREV: “LA SICUREZZA È IMPORTANTE”

È molto fiducioso sulle sue capacità Alexander Zverev, detto Sasha, ha sconfitto Fabio Fognini ed ora è ai quarti di finale di Roma., ma sempre con i piedi per terra...

Tennis – Ha gli occhi come il ghiaccio, Alexander Zverev, ed una calma da persona matura, nonostante i suoi 20 anni…”Penso di aver giocato piuttosto bene, questo è stato un grande match sono stato abbastanza aggressivo da fondo campo e ne sono contento. Fabio è un grande giocatore, ha sconfitto il numero 1 del mondo pochi giorni fa, anche lui è stato aggressivo ed è stato un bene l’aver giocato contro di lui” così ha esordito Zverev in conferenza stampa.

Molti stanno elogiando Alexandre Zverev che, in giovane età, sta giocando ad altissimi livelli. Forse il segreto è uno solo: la sicurezza. “La sicurezza fa bene, mi fa molto piacere che gli altri giocatori mi facciano tanti complimenti. In realtà non sono un tipo cui ci bada tanto, cioè ascolto molto me stesso e il mio team, ma sono davvero contento dei vari apprezzamenti. Il mio obiettivo è rimanere concentrato e migliorare ogni giorno. È molto bello sapere di poter competere con i grandi del tennis, sto lavorando molto e i frutti si stanno vedendo” ha detto il tedesco.

E il fratello Mischa? “È bello averlo vicino, ci alleniamo insieme, ci diamo consigli a vicenda e ci svaghiamo molto: ad esempio giochiamo alla Play o comunque qualcosa che lo faccia subito innervosire  – ha dichiarato sorridendo ironicamente. In ogni caso, lui non mi fa sentire la mancanza di casa“.


Nessun Commento per “IBI17, ALEXANDER ZVEREV: "LA SICUREZZA È IMPORTANTE"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora