IBI17, ALEXANDER ZVEREV: “HO IL 25% DI CHANCE”

Sascha è carico a pallettoni: "Ho lavorato duramente nella off-season e non vedo l'ora di giocare contro di Isner, le emozioni non mancheranno".

Tennis – Continuano le sorprendenti vittorie di questo talento di nome Alexander Zverev, detto Sascha, che sta seminando il terrore tra i tennisti che si trovano più in alto di lui in classifica: “Domani sarò uno dei quattro semifinalisti del torneo…mi dò il 25% di chance – ha esordito ridendo Alexander Zverev. Oggi ho giocato molto bene e risposto altrettanto bene“.

Domani lo attenderà John Isner: “Sono davvero contento di essere arrivato in semifinale e di scontrarmi con John, che conosco molto bene da Saddlebrook. Ci siamo allenati insieme in off-season e non vedo l’ora di giocare contro di lui, sarà emozionante per entrambi“.

“Sono felice di aver vinto, sono fiero della mia sicurezza perché so bene quanto abbia lavorato duramente nella off-season e quanto lo stia facendo ora. È tutta una questione di consapevolezza, per questo so che qualcosa arriverà” ha concluso Alexander Zverev.


Nessun Commento per “IBI17, ALEXANDER ZVEREV: "HO IL 25% DI CHANCE"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.