IBI17, ALEXANDER ZVEREV: “HO IL 25% DI CHANCE”

Sascha è carico a pallettoni: "Ho lavorato duramente nella off-season e non vedo l'ora di giocare contro di Isner, le emozioni non mancheranno".

Tennis – Continuano le sorprendenti vittorie di questo talento di nome Alexander Zverev, detto Sascha, che sta seminando il terrore tra i tennisti che si trovano più in alto di lui in classifica: “Domani sarò uno dei quattro semifinalisti del torneo…mi dò il 25% di chance – ha esordito ridendo Alexander Zverev. Oggi ho giocato molto bene e risposto altrettanto bene“.

Domani lo attenderà John Isner: “Sono davvero contento di essere arrivato in semifinale e di scontrarmi con John, che conosco molto bene da Saddlebrook. Ci siamo allenati insieme in off-season e non vedo l’ora di giocare contro di lui, sarà emozionante per entrambi“.

“Sono felice di aver vinto, sono fiero della mia sicurezza perché so bene quanto abbia lavorato duramente nella off-season e quanto lo stia facendo ora. È tutta una questione di consapevolezza, per questo so che qualcosa arriverà” ha concluso Alexander Zverev.


Nessun Commento per “IBI17, ALEXANDER ZVEREV: "HO IL 25% DI CHANCE"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora