IBI17, THIEM: COSÌ HO SCONFITTO NADAL

Dopo Barcellona e Madrid ce l'ho fatta. È stato un match bello e io ho giocato benissimo, forse uno dei migliori match della mia carriera

Tennis – “Sapevo che avrei dovuto giocare di aggressività perché, se volevo una chance, questo era il modo giusto. Oggi è stato uno di quei giorni in cui ho sentito molto bene la palla sulla racchetta e parecchi colpi rischiosi sono rimasti in campo. È stato un match bello e io ho giocato benissimo, forse uno dei migliori match della mia carriera” così in conferenza stampa Dominic Thiem, dopo la vittoria contro Rafa Nadal.

Sconfiggere Nadal è stato sicuramente un grande traguardo: “È stata davvero una grande conquista battere Nadal. Anche se sei sopra di un set non puoi sentirti al sicuro, perché non ti regala assolutamente nulla. Quand’è così è necessario chiudere il match. È il miglior guerriero e secondo me il miglior giocatore, specialmente sulla terra rossa una delle superfici più difficili su cui batterlo” ha continuato Thiem.

È stata una stagione ricca di cambiamenti per Thiem: “Ho allenato diversamente il servizio e la risposta. La percentuale del primo servizio è infatti salita, e non servo a meno di 200kmh. Anche la risposta ha iniziato a migliorare; ieri contro Querrey non ho risposto benissimo. Posso solo dire che, rispetto all’anno scorso, sto riuscendo ad avvicinarmi molto alle righe del campo.

Assieme a Zverev, che ha battuto Raonic, è stato creato quasi un nuovo periodo del tennis: “Sono molto felice per Alexander, infatti domani sarà la sua prima semifinale in un Master all’età di 20 anni. Penso che ci sia effettivamente un cambiamento nel tennis, molte persone riescono ad arrivare fino in fondo nei grandi tornei e credo che negli anni prima non era così..vedi qui a Roma o al French Open” ha concluso Dominic Thiem.


Nessun Commento per “IBI17, THIEM: COSÌ HO SCONFITTO NADAL”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora