IBI17: SCHIAVONE E MANCATA WILD-CARD, E’ UNA QUESTIONE DI RISPETTO

A margine di un evento promozionale di cui è stata protagonista sul campo numero 8 del Foro Italico, la tennista azzurra è tornata sulla polemica legata alla sua mancata presenza a Roma

TENNIS – “Ci sarebbe da stare qui a parlare più di un’ora, e magari quando smetterò farò una conferenza stampa per analizzare a fondo solo questo argomento, ma adesso voglio pensare solo al presente e a prepararmi al meglio per il Roland Garros”. Con queste parole Francesca Schiavone, a margine dell’evento organizzato da Levissima sul campo numero 8 del Foro Italico, e della quale la campionessa azzurra è stata protagonista insieme a tanti ragazzini, è tornata sulla questione della mancata wild-card riservatale agli Internazionali d’Italia.

“Di certo – ha proseguito la Schiavone – abbiamo tutti apprezzato i miglioramenti e la crescita di questa struttura bellissima che è il Foro Italico, così come anno dopo anno è cresciuto anche il torneo, in futuro quindi mi auguro che possa accadere lo stesso anche per quanto riguarda i rapporti con le persone. Ma non voglio andare oltre perché lo ripeto, in questo momento voglio pensare solo al mio tennis”. Del resto il Roland Garros si avvicina e Francesca Schiavone vuole arrivarci al top. “Sono stata a Miami per risolvere il problema alla schiena – ha spiegato la campionessa di Parigi del 2010 – e adesso mi sento molto meglio, anzi, sono proprio entusiasta all’idea di scendere in campo a Parigi. Cercherò di dare tutto e di giocare il tennis che ho saputo esprimere il mese scorso”.

Nonostante la soglia dei 37 anni si avvicini quindi, il ritiro può ancora aspettare. “So che si avvicina sempre di più – ha affermato Francesca con un sorriso – e so anche che non potrò rinviarlo in eterno, ma adesso ho ancora grande entusiasmo e penso solo a giocare e a divertirmi in campo. Nell’ultimo mese prima del problema alla schiena ho giocato un tennis bellissimo, che mi ha anche fatto ottenere risultati importanti, per cui voglio continuare così sapendo che anche alla mia età si può essere competitivi ad alti livelli”.

Infine, e non poteva essere altrimenti, la Schiavone ha rivolto un pensiero anche alla sua amica Flavia Pennetta per la nascita del suo bambino. “Le ho fatto un milione di auguri – ha detto la Schiavo – e l’ho sentita veramente felice. Sono contenta per lei, perché so che è stata una grande gioia, sia per lei che per Fabio, e anche se ripensando a quando ci siamo conosciute, ovvero oltre mezzo secolo fa, mi suona un po’ strano vederla come mamma, è bello sapere che abbia fatto questo splendido passo nella sua vita”.

(Nelle foto Francesca Schavone)


Nessun Commento per “IBI17: SCHIAVONE E MANCATA WILD-CARD, E' UNA QUESTIONE DI RISPETTO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora