IBI17, STAN WAWRINKA: “DEVO ANCORA ABITUARMI ALLA TERRA ROSSA”

Tanti i momenti di nervosismo per Stan Wawrinka, che è riuscito comunque a cavarsela contro un grande Paire. Ora, davanti a lui, c'è Isner...
mercoledì, 17 maggio 2017

Tennis – Dopo i vari lanci della racchetta, e l’ambita vittoria su Paire non senza poche difficoltà per i suoi troppi errori di rovescio, Stan Wawrinka può finalmente tirare un sospiro di sollievo: “Non sono stato molto costante, specie nel secondo set, Paire è un ottimo giocatore, oltre che un amico, e bisogna sempre stare attenti. Personalmente devo ancora abituarmi alla terra rossa, nonostante i match devo ancora trovare una mia dimensione e il mio ritmo. Il rovescio sfuggiva via, perché non ero solido sui piedi, ovviamente la cosa era frustrante e non riuscendo a colpire come volevo mi sono lasciato andare a gesti di frustrazione (nel secondo set Wawrinka ha spaccato la racchetta, mentre nel terzo l’ha usata per colpirsi la coscia tre volte ndr). Devo urgentemente abituarmi alla terra rossa di un campo diverso da Madrid e Montecarlo” ha dichiarato Stan Wawrinka durante la conferenza stampa.

Wawrinka è stato molto condizionato dalla situazione terra rossa, tanto da compromettere il suo gioco. Paire ovviamente ne ha abbondantemente approfittato, essendo anche un giocatore imprevedibile. Ora Stan the Man affronterà John Isner, un altro osso duro che vuole a tutti i costi avanzare.

Be Sociable, Share!

Nessun Commento per “IBI17, STAN WAWRINKA: "DEVO ANCORA ABITUARMI ALLA TERRA ROSSA"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.