NADAL PRINCIPE A MONTECARLO

Lo spagnolo ha vinto sette titoli consecutivi dal 2005 e punta all'ottavo. Riuscirà Djokovic a fermarlo? Ferrer è più di un outsider

A Montecarlo va in scena la tradizione. Dal 1897, il torneo che si svolge sui campi del prestigioso Country Club, il cui centrale sembra una terrazza rossa adagiata sull’azzurro del Mediterraneo, rappresenta l’apertura ufficiale della stagione europea sulla terra battuta. Vediamo dunque la storia di questo appuntamento che rientra nell’elenco degli ATP Masters 1000, con i protagonisti dell’edizione 2012.

Ieri – Nell’ultracentenaria storia del torneo, sono stati diversi i tennisti capaci di vincerlo più volte ma nessuno ha fatto come Rafael Nadal, che ha collezionato ben sette titoli consecutivi e quest’anno potrebbe allungare la striscia. Lo spagnolo, nel principato, ha un record clamoroso di 39 incontri vinti e uno solo perso (negli ottavi dell’edizione 2004, la prima a cui partecipò, contro l’argentino Guillermo Coria: 76 62 lo score). Dietro all’inarrivabile Nadal, si collocano Reggie Doherty e Anthony Wilding (rispettivamente 6 e 5 trofei) agli albori della competizione e, in tempi più recenti, Nicola Pietrangeli, Ilie Nastase, Bjorn Borg e Thomas Muster (ciascuno con tre titoli); curiosamente, ognuno di questi ha anche perso una finale. Particolarmente sfortunati invece il britannico George Rogers, il tedesco Boris Becker e lo svizzero Roger Federer: per loro tre finali, tutte perse. In doppio c’è stato spesso molto ricambio tanto che, dal 1960 al 2002, mai nessuna coppia è riuscita a confermare il titolo conquistato l’anno precedente; hanno interrotto la tradizione Bjorkman-Woodbridge.

Sono tre gli italiani che hanno trionfato a Montecarlo; oltre al già citato Pietrangeli, Giovanni Balbi di Robecco (che ebbe pure una carriera da calciatore nelle file del Genoa) nel 1922 e Giovanni Palmieri nel 1935. Hanno invece disputato la finale, perdendola, Uberto de Morpurgo (1929), Giorgio De Stefani (1934), Giovanni Cucelli (due volte consecutive, 1948/49) e, ultimo, Corrado Barazzutti nel 1977.

Dal dopoguerra (1946) ad oggi, è successo otto volte che il campione in carica o la testa di serie numero 1 abbia perso al debutto. Nel 1981 Borg (cc e 1) venne sconfitto da Victor Pecci 60 46 75; nel 1987 Joachim Nystrom (cc) perse 06 63 76 con Muster; nel 1997 Thomas Muster (cc) perse 62 76 con Santoro e Pete Sampras (1) venne sconfitto 36 62 63 da Larsson; nel 2000 Gustavo Kuerten (cc) si fece battere 64 06 62 da Kucera; nel 2001 Marat Safin (1) perse 63 61 con Di Pasquale; nel 2002 Lleyton Hewitt (1) cedette 64 63 a Moya e infine nel 2004 Juan Carlos Ferrero (cc) venne battuto dal connazionale Corretja per 62 63.

Oggi – Nonostante qualche forfait dell’ultima ora (i francesi Gasquet e Monfils) e di vecchia data (Federer e gli argentini Nalbandian e Del Potro), il Rolex Masters 1000 di Montecarlo rimane un appuntamento di altissimo livello, anche e soprattutto per la contemporanea presenza di Djokovic e Nadal (con Murray terzo incomodo). Il serbo, l’iberico e lo scozzese saranno nell’ordine le prime teste di serie, seguite da Ferrer, Tsonga, Berdych e Tipsarevic. Per l’Italia Seppi, Fognini, Volandri e Starace nel main-draw mentre avrebbe avuto possibilità di qualificarsi Flavio Cipolla, che però sarà impegnato a Casablanca e verosimilmente non sarà a Montecarlo.

Domani – Riuscirà Djokovic a interrompere il dominio di Nadal e vincere uno dei tre prestigiosi tornei che mancano alla sua ricca collezione (gli altri sono Cincinnati e, ovviamente, il Roland Garros)? Molto difficile e non solo perché questo è il regno del principe Rafa ma anche e soprattutto perché ci saranno altri avversari temibili. A partire da David Ferrer, imbattuto sulla terra nel 2012 e cliente ostico in particolare per Nole, che ci ha già perso 5 volte in carriera, di cui tre proprio sul rosso. Poi Murray, che promette battaglia, e Almagro, sempre da prendere con le molle su questa superficie. Un vincitore fuori da questo novero sarebbe molto più di una sorpresa ma, vedrete, non succederà.

MONTECARLO – ALBO D’ORO

1897  R.Doherty-B.Price  62 61 62

1898  R.Doherty-G.F.Voss  46 63 63 40 ritiro

1899  R.Doherty-G.F.Voss  62 ritiro

1900  L.Doherty

1901  L.Doherty-W.Eaves  62 57 61

1902  R.Doherty-G.Hillyard  61 64 63

1903  R.Doherty-F.Riseley  61 1614 ritiro

1904  R.Doherty-M.J.Ritchie  61 75 36 75

1905  L.Doherty-M.J.Ritchie  64 86 64

1906  L.Doherty-W.Eaves  63 119

1907  M.J.Ritchie-L.Doherty  86 75 86

1908  A.Wilding-W.Eaves  63 26 63 46 60

1909  F.Alexander-L.Doherty  75 64 61

1910 M.Decugis-M.J.Ritchie  63 60 60

1911  A.Wilding-M.Decugis  57 16 63 60 61

1912  A.Wilding-C.Moore  63 60 60

1913  A.Wilding-F.Poulin  62 60 61

1914  A.Wilding-G.Lowe  62 63 62

1919  N.Mishu-M.Decugis  62 60

1920  G.Lowe-M.J.Ritchie  62 75

1921  G.Lowe-M.A.Kingscote  61 06 64 62

1922  G.Balbi di Robecco-A.Gerbault  61 64 63

1923  G.Lowe-L.Crawford  62 64 64

1924  L.Crawford-L.Aslangul  64 36 62

1926  B.Von Kehrling-C.Kingsley  64 61 63

1927  B.Von Kehrling-E.Worm  forfait

1928  H.Cochet-B.Von Kehrling  36 26 63 63 62

1929  H.Cochet-U. de Morpurgo  86 64 64

1930  B.Tilden-B.Austin  64 64 61

1931  H.Cochet-G.Rogers  75 62 64

1932  R.Menzel-G.Rogers  64 75 62

1933  B.Austin-G.Rogers  119 63 75

1934  B.Austin-G. De Stefani  61 86 64

1935  G.Palmieri-B.Austin  61 61 75

1936  G.Von Cramm-H.Henkel  46 46 75 64 75

1937  G.Von Cramm-C.Boussus  62 36 62 26 62

1938  F.Puncec-C.Boussus  60 61 61

1939  P.Pelizza-Y.Petra  68 63 64 62

1946  P.Pelizza-Y.Petra  63 62 46 63  Pelizza-Bolelli

1947  L.Bergelin-B.Patty  63 68 16 62 86  Bergelin-Johansson

1948  J.Asboth-G.Cucelli  63 62 57 62  Drobny-Cernik

1949  F.Parker-G.Cucelli  26 63 60 64  Parker-Patty

1950  J.Drobny-B.Talbert  64 64 61  Talbert-Trabert

1951  S.Clark-F.Kovaleski  16 64 64 16 108  Patty-Savitt

1952  F.Sedgman-J.Drobny  75 62 57 61  Brichant-Washer

1953  W.Skonecki-J.Drobny  63 64 119  Patty-Bartzen

1954  L.Main-T.Vincent  97 36 75 64  Cucelli-Del Bello

1955  W.Skonecki-B.Patty  64 62 86  Patty-Mulloy

1956  H.Stewart-T.Vincent  16 86 60 62  Patty-Mulloy

1957  J.Brichant-P.Remy  36 55 ritiro  S.Davidson-Schmidt

1958  R.Haillet-J.Drobny  64 64 63  McKay-Stewart

1959  R.Haillet-B.Patty  97 63 46 63  Patty-Mulloy

1960  A.Gimeno-M.Davies  86 63 64  Patty-Mulloy

1961  N.Pietrangeli-P.Darmon  64 16 63 63  Mills-Wilson

1962  P.Darmon-B.Jovanovic  62 61 63  Mulloy-Rubinoff

1963  P.Darmon-J.E.Lundqvist  62 26 61 57 64  Arilla-Arilla

1964  M.Mulligan-J.E.Lundqvist  64 64  Mulligan-Stolle

1965  I.Gulyas-J.Javorsky  63 79 86 64  Hewitt-Fletcher

1966  M.Santana-N.Pietrangeli  86 46 64 61  Carmichael-Fletcher

1967  N.Pietrangeli-M.Mulligan  63 36 63 61  Holecek-Kukal

1968  N.Pietrangeli-A.Metreveli  62 62  Likhachev-Metreveli

1969  T.Okker-J.Newcombe  810 61 75 63  O.Davidson-Newcombe

1970  Z.Franulovic-M.Orantes  64 63 63  Riessen-Taylor

1971  I.Nastase-T.Okker  36 86 61 61  Nastase-Tiriac

1972  I.Nastase-F.Pala  61 60 63  Beust-Contet

1973  I.Nastase-B.Borg  64 61 62  Gisbert-Nastase

1974  A.Pattison-I.Nastase  57 63 64  Alexander-Dent

1975  M.Orantes-B.Hewitt  62 64  Hewitt-McMillan

1976  G.Vilas-W.Fibak  61 61 64  Fibak-Meiler

1977  B.Borg-C.Barazzutti  63 75 60  Jauffret-Kodes

1978  R.Ramirez-T.Smid  63 63 64  Fleming-Smid

1979  B.Borg-V.Gerulaitis  62 61 63  Nastase-Ramirez

1980  B.Borg-G.Vilas  61 60 62  Bertolucci-Panatta

1981  J.Connors-G.Vilas  55 sospesa  Gunthardt-Gunthardt

1982  G.Vilas-I.Lendl  61 76 63  McNamara-McNamee

1983  M.Wilander-M.Purcell  61 62 63  Gunthardt-Taroczy

1984  H.Sundstrom-M.Wilander  63 75 62  Edmondson-Stewart

1985  I.Lendl-M.Wilander  61 63 46 64  Slozil-Smid

1986  J.Nystrom-Y.Noah  63 62  Forget-Noah

1987  M.Wilander-J.Arias  46 75 61 63  Gildmeister-Gomez

1988  I.Lendl-M.Jaite  57 64 75 63  Casal-Sanchez

1989  A.Mancini-B.Becker  75 26 76 75  Smid-Woodforde

1990  A.Chesnokov-T.Muster  75 63 63  Korda-Smid

1991  S.Bruguera-B.Becker  57 64 76 76  Jensen-Warder

1992  T.Muster-A.Krickstein  63 61 63  Becker-Stich

1993  S.Bruguera-C.Pioline  76 60  Edberg-Korda

1994  A.Medvedev-S.Bruguera  75 61 63  Kulti-Larsson

1995  T.Muster-B.Becker  46 57 61 76 60  Eltingh-Haarhuis

1996  T.Muster-A.Costa  63 57 46 63 62  E.Ferreira-Siemerink

1997  M.Rios-A.Corretja  64 63 63  Johnson-Montana

1998  C.Moya-C.Pioline  63 60 75  Eltingh-Haarhuis

1999  G.Kuerten-M.Rios  64 21 ritiro  Delaitre-Henman

2000  C.Pioline-D.Hrbaty  64 76 76  W.Ferreira-Kafelnikov

2001  G.Kuerten-H.Arazi  63 62 64  Bjorkman-Woodbridge

2002  J.C.Ferrero-C.Moya  75 63 64  Bjorkman-Woodbridge

2003  J.C.Ferrero-G.Coria  62 62  Bhupathi-Mirnyi

2004  G.Coria-R.Schuttler  62 61 63  Henman-Zimonjic

2005  R.Nadal-G.Coria  63 61 06 75  Paes-Zimonjic

2006  R.Nadal-R.Federer  62 67 63 76  Bjorkman-Mirnyi

2007  R.Nadal-R.Federer  64 64  Bryan-Bryan

2008  R.Nadal-R.Federer  75 75  Nadal-Robredo

2009  R.Nadal-N.Djokovic  63 26 61  Nestor-Zimonjic

2010  R.Nadal-F.Verdasco  60 61  Nestor-Zimonjic

2011  R.Nadal-D.Ferrer  64 75  Bryan-Bryan


1 Commento per “NADAL PRINCIPE A MONTECARLO”


  1. vincenzo ha detto:

    federer sei uniko


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.