BARCELLONA, TERRA DI NADAL

"Rafa" non perde in Catalogna dal 2003. A Bucarest favorito Simon, ma ci sono anche gli italiani

La stagione europea sulla terra rossa prosegue, dopo Montecarlo, con due appuntamenti tradizionali. Si giocano infatti il Master 500 di Barcellona e il Master 250 di Bucarest. In Catalogna, manco a dirlo, dominio degli spagnoli e di Nadal mentre in Romania c’è l’abitudine di cambiare campione praticamente ogni edizione. Vediamo nel dettaglio la storia dei due tornei, con uno sguardo al tabellone e ai possibili protagonisti.

BUCAREST

Ieri – Nella capitale della Romania si gioca dal 1993 e quindi sulla torta celebrativa di quest’anno ci saranno 20 candeline. Dalla passata edizione il torneo ha preso la denominazione di BRD Nastase Tiriac Trophy, in onore dei due tennisti più famosi della nazione rumena. Trattandosi di un torneo di terza fascia, non ha mai beneficiato di standard di partecipazione particolarmente elevati anche se tra i suoi vincitori può annoverare due “tipi da Slam” come Ivanisevic e Muster. L’albo d’oro suggerisce che ci sono stati ben 18 campioni diversi nelle 19 edizioni precedenti; solo il francese Gilles Simon ha saputo ripetersi, confermando nel 2008 il titolo conquistato l’anno precedente. In doppio addirittura nessuna coppia è riuscita a bissare la vittoria anche se Tarango, Arnold Ker e Mertinak ci sono riusciti con partner differenti.

Oggi – Il semifinalista di Montecarlo, Gilles Simon, è la prima testa di serie del torneo e accederà direttamente al secondo turno insieme a Florian Mayer (2), Jurgen Melzer (3) e Viktor Troicki (4). Completano il seeding nell’ordine Baghdatis, Seppi, Kubot e Dodig. Per l’Italia, ammessi direttamente in tabellone anche Filippo Volandri (che affronterà il tedesco Mathias Bachinger), Fabio Fognini (debutto con il brasiliano Souza) e Potito Starace (Baghdatis il suo primo avversario); Naso e Di Mauro impegnati nelle qualificazioni.

Domani – Non solo perché è l’unico ad aver conquistato due volte il titolo, Simon è il naturale favorito del torneo anche se gli italiani potrebbero mettersi in luce. Tra i possibili outsider, il bulgaro Dimitrov che però dovrà subito superare l’esame dell’esperto Malisse.

BARCELLONA

Ieri – Il prestigioso “Trofeo Conde de Godò” celebra quest’anno la 60esima edizione. Il torneo risale infatti al 1953 e venne istituito per celebrare l’apertura del Real Club Tennis di Barcellona. Da allora numerosi campioni, quasi tutti specialisti della terra battuta, hanno arricchito l’albo d’oro che vede il “solito” Rafael Nadal detenere in solitario il record di titoli in singolare (6) seguito da Emerson, Orantes e Wilander (3). Orantes è anche il giocatore che ha disputato il maggior numero di finali: 7. Guillermo Vilas il più sfortunato: 4 finali consecutive, tutte perse. In doppio Roy Emerson è per il momento irraggiungibile: 7 vittorie, con cinque compagni diversi. Agli svedesi Jarryd e Hans Simonsson la palma di coppia più vincente (tre titoli consecutivi). Il più anziano vincitore del torneo è stato Manolo Santana nel 1970 (31 anni e mezzo) mentre il più giovane è stato Mats Wilander nel 1982 (poco più di 18 anni). Nel 1997 lo spagnolo Albert Portas conquistò la finale partendo dalle qualificazioni e battendo Kuerten, Rios, Vicente, Alami e Berasategui.

Oggi – Tabellone dominato dagli spagnoli e non poteva essere diversamente anche se la presenza di Murray e Berdych propone qualche alternativa credibile. Dunque Nadal n°1, Murray n°2, Ferrer n°3 e Berdych n°4; poi, nell’ordine, Tipsarevic, Almagro, F.Lopez e Nishikori completano i primo otto. Derby italiano tra i due azzurri presenti in tabellone: chi vincerà tra Lorenzi e Cipolla se la vedrà con Feliciano Lopez.

Domani – Il numero 2 del mondo, Nadal, non perde a Barcellona dal 2003 (Corretja, unico ad averlo sconfitto al Real Tennis Club) e un suo ko sarebbe semplicemente clamoroso. Murray non è attrezzato per batterlo sul rosso e i connazionali del maiorchino ancora meno. L’unico che potrebbe impensierirlo (ma il condizionale è quantomeno d’obbligo) è Berdych, che si trova dalla sua parte di tabellone.

BUCAREST – ALBO D’ORO

1993  G.Ivanisevic-A.Cherkasov  62 76    Oosting-Pimek

1994  F.Davin-G.Ivanisevic  62 64    Arthurs-Youl

1995  T.Muster-G.Schaller  63 64    Keil-Tarango

1996  A.Berasategui-C.Moya  61 76    Ekerot-Tarango

1997  R.Fromberg-A.Gaudenzi  61 76    Lobo-J.Sanchez

1998  F.Clavet-A.Di Pasquale  64 26 75    Pavel-Trifu

1999  A.Martin-K.Alami  62 63    Arnold Ker-Garcia

2000  J.Balcells-M.Hantsck  64 36 76    A.Martin-Ran

2001  Y.El Aynaoui-A.Montanes  76 76    Kitinov-Landsberg

2002  D.Ferrer-J.Acasuso  63 62    Knippschild-Nyborg

2003  D.Sanchez-N.Massu  62 62    Braasch-Sargsian

2004  J.Acasuso-I.Andreev  63 60    Arnold Ker-Hood

2005  F.Serra-I.Andreev  63 64    Acasuso-Prieto

2006  J.Melzer-F.Volandri  61 75    Fyrstenberg-Matkowski

2007  G.Simon-V.Hanescu  46 63 62    Marach-Mertinak

2008  G.Simon-C.Moya  63 64    Devilder-Mathieu

2009  A.Montanes-J.Monaco  76 76    Cermak-Mertinak

2010  J.I.Chela-P.Andujar  75 61    Chela-Kubot

2011  F.Mayer-P.Andujar  63 61    Bracciali-Starace

BARCELLONA – ALBO D’ORO

1953  V.Seixas-E.Morea  63 64 2220    Morea-Seixas

1954  T.Trabert-V.Seixas  61 60 63    Seixas-Trabert

1955  A.Larsen-B.Patty  75 36 75 26 64    Rose-Worthington

1956  H.Flam-M.Rose  62 63 60    Candy-Hoad

1957  H.Flam-M.Rose  64 46 63 64    Howe-Rose

1958  S.Davidson-M.Rose  46 62 75 61    Drobny-Patty

1959  N.Fraser-R.Emerson  62 64 36 62    Emerson-Fraser

1960  A.Gimeno-G.Merlo  61 62 61    Emerson-Fraser

1961  R.Emerson-M.Santana  64 64 61    Hewitt-Stolle

1962  M.Santana-R.Krishnan  36 63 64 86    Emerson-Fraser

1963  R.Emerson-J.M.Couder  06 64 63 46 63    Emerson-santana

1964  R.Emerson-M.Santana  26 75 63 63    Emerson-Fletcher

1965  J.Gisbert-M.Mulligan  64 46 61 26 62    Emerson-Krishnan

1966  T.Koch-N.Pilic  63 62 36 75    Emerson-Stolle

1967  M.Mulligan-R.Osuña  57 75 64 63    Koch-Mandarino

1968  M.Mulligan-I.Buding  60 61 60    Fernandez-Rodriguez

1969  M.Orantes-M.Santana  64 75 64    Orantes-Rodriguez

1970  M.Santana-R.Laver  64 63 64    Hoad-Santana

1971  M.Orantes-B.Lutz  64 63 64    Franulovic-Gisbert

1972  J.Kodes-M.Orantes  63 62 64    Gisbert-Orantes

1973  I.Nastase-M.Orantes  26 61 86 64    Nastase-Okker

1974  I.Nastase-M.Orantes  86 97 63    Gisbert-Nastase

1975  B.Borg-A.Panatta  16 76 63 62    Borg-Vilas

1976  M.Orantes-E.Dibbs  61 26 26 75 64    Gottfried-Ramirez

1977  B.Borg-M.Orantes  62 75 62    Fibak-Kodes

1978  B.Taroczy-I.Nastase  16 75 46 63 64    Franulovic-Gildmeister

1979  H.Gildmeister-E.Dibbs  64 63 61    Bertolucci-Panatta

1980  I.Lendl-G.Vilas  64 57 64 46 61    Denton-Lendl

1981  I.Lendl-G.Vilas  60 63 60    Jarryd-H.Simonsson

1982  M.Wilander-G.Vilas  63 64 63    Jarryd-H.Simonsson

1983  M.Wilander-G.Vilas  60 63 61    Jarryd-H.Simonsson

1984  M.Wilander-J.Nystrom  76 64 06 62    Slozil-Smid

1985  T.Tulasne-M.Wilander  06 62 36 64 60    Casal-E.Sanchez

1986  K.Carlsson-A.Maurer  62 62 60   Gunnarsson-Nystrom

1987  M.Jaite-M.Wilander  76 64 46 06 64    Mecir-Smid

1988  K.Carlsson-T.Muster  63 63 36 61    Casal-E.Sanchez

1989  A.Gomez-H.Skoff  64 64 62    Luza-Miniussi

1990  A.Gomez-G. Perez Roldan  60 76 36 06 62    Gomez-J.Sanchez

1991  E.Sanchez-S.Bruguera  64 76 62    De la Peña-Nargiso

1992  C.Costa-M.Gustafsson  64 76 64    Gomez-J.Sanchez

1993  A.Medvedev-S.Bruguera  67 63 75 64    Cannon-Melville

1994  R.Krajicek-C.Costa  64 76 62    Kafelnikov-Rikl

1995  T.Muster-M.Larsson  62 61 64    Kronemann-Macpherson

1996  T.Muster-M.Rios  63 46 64 61    Lobo-J.Sanchez

1997  A.Costa-A.Portas  75 64 64    Berasategui-Burdillo

1998  T.Martin-A.Berasategui  62 16 63 62    Eltingh-Haarhuis

1999  F.Mantilla-K.Alami  76 63 63    Haarhuis-Kafelnikov

2000  M.safin-J.C.Ferrero  63 63 64    Kulti-Tillstrom

2001  J.C.Ferrero-C.Moya  46 75 63 36 75    Johnson-Palmer

2002  G.Gaudio-A.Costa  64 60 62    Hill-Vacek

2003  C.Moya-M.Safin  57 62 62 30 rit.    Bryan-Bryan

2004  T.Robredo-G.Gaudio  63 46 62 36 63    Knowles-Nestor

2005  R.Nadal-J.C.Ferrero  61 76 63    Paes-Zimonjic

2006  R.Nadal-T.Robredo  64 64 60    Knowles-Nestor

2007  R.Nadal-G.Cañas  63 64    Pavel-Waske

2008  R.Nadal-D.Ferrer  61 46 61    Bryan-Bryan

2009  R.Nadal-D.Ferrer  62 75    Nestor-Zimonjic

2010  F.verdasco-R.Soderling  63 46 63    Nestor-Zimonjic

2011  R.Nadal-D.Ferrer  62 64    S.Gonzalez-Lipsky


Nessun Commento per “BARCELLONA, TERRA DI NADAL”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora