LA STORIA DI MADRID

E' appena la quarta edizione alla Caja Magica. Federer e Nadal hanno vinto su entrambe le superfici. L'incertezza del torneo femminile

Madrid ospita, sui suoi campi in terra blu, il primo dei due combined-event ATP-WTA che precedono il Roland Garros. L’altro si giocherà la prossima settimana a Roma.

ATP MADRID

Ieri – Nella sua moderna concezione, il torneo è nato nel 2002 con la qualifica di Masters Series (poi Masters 1000). Eppure, dal 1979 al 1994, la capitale spagnola ha ospitato un evento del circuito su terra rossa con l’unica eccezione dell’edizione 1984, che si svolse sul sintetico indoor. Dal 2002 al 2008 il torneo si è svolto sul cemento indoor nel mese di ottobre; poi, con la creazione della Caja Magica, si è passati alla terra battuta dal 2009. Roger Federer e Rafael Nadal sono gli unici ad aver vinto su due superfici diverse e ad aver disputato quattro finali, con il medesimo record (2-2). In doppio, dominio dei gemelli Bryan e di Daniel Nestor (4 titoli).

Oggi – Ci saranno tutti i migliori tranne Murray, ritirato dell’ultima ora. Le prime otto teste di serie accederanno direttamente al secondo turno. Dovrebbe trattarsi di Djokovic, Nadal, Federer, Tsonga, Ferrer, Berdych, Tipsarevic e Isner. Assenti invece gli statunitensi Fish e Roddick, oltre all’infortunato cronico Robin Soderling. Hanno ricevuto le wild-card David Nalbandian, Angel Ramos, Juan Carlos Ferrero, Josè Marti e Albert Montanes.

Domani – Anche se in altura e tinta di blu, si tratta pur sempre di terra e il pronostico non può prescindere dall’indicare in Rafael Nadal il grande favorito. Il numero 2 del mondo è sempre andato in finale alla Caja Magica e si candida con autorità anche quest’anno. Djokovic, campione uscente, dovrà fare molto meglio che a Montecarlo mentre la lunga inattività (non gioca da Miami) potrebbe giocare un brutto scherzo a Federer. Berdych e Nalbandian le possibili mine vaganti (ma di un giorno), Ferrer la certezza (ma non di vincere il torneo).

WTA MADRID

Ieri – Dal 1996 al 2003 il torneo aveva un’importanza decisamente inferiore a quella attuale. Dal 2009 infatti, Madrid è diventato un Premier Mandatory anche se il triennio alla Caja Magica ha riservato più di una sorpresa. Eccezion fatta per la vittoria di Dinara Safina, che era prima testa di serie dell’edizione ’09, ci sono poi stati i successi della francese Rezai (che non era testa di serie) e della ceca Kvitova (n° 14 del seeding lo scorso anno).

Oggi – Anche qui, salvo defezioni, tutte le migliori ai nastri di partenza. Azarenka (1), Sharapova (2), Kvitova (3), Radwanska (4), Stosur (5), Wozniacki (6), Bartoli (7) e Li (8) le otto che accederanno direttamente al secondo turno. Le wild-card sono state assegnate alle spagnole Suarez Navarro, Soler-Espinosa, Muguruza-Blanco e Arruabarrena-Vecino e a Venus Williams, finalista dell’edizione 2010.

Domani – Le finaliste della passata edizione, Kvitova e Azarenka, sono le principali favorite anche quest’anno, con Maria Sharapova terzo incomodo. Nella parte alta ci sono Azarenka (subito un esordio delicato contro la Kuznetsova), Radwanska, Li e Bartoli ma anche Schiavone (11), Kerber (12), Ivanovic (13) e Cibulkova (14). In basso invece, insieme a Sharapova (debutto contro la rumena Begu), Kvitova, Stosur e Wozniacki ci sono Serena Williams (9), Zvonareva (10), Jankovic (15) e Kirilenko (16). Così le italiane: Schiavone contro una qualificata e Peer o Hercog in caso di vittoria; Errani subito con la sudafricana Scheepers poi Radwanska o Arruabarrena-Vecino e Vinci contro la Cibulkova e, in caso di successo, Wickmayer o Gajdosova. Pronostico molto difficile, tante sono le giocatrici che potrebbero ben figurare. Un azzardo: Jankovic.

ATP MADRID – ALBO D’ORO

1979  Y.Noah-M.Orantes  63 67 63 62    Kirmayr-Motta

1980  J.L.Clerc-G.Vilas  63 16 16 64 62    Gildmeister-Gomez

1981  I.Lendl-P.Arraya  63 62 62    Gildmeister-Gomez

1982  G.Vilas-I.Lendl  67 46 60 63 63    Slozil-Smid

1983  Y.Noah-H.Sundstrom  36 60 62 64    Gunthardt-Slozil

1984  J.McEnroe-T.Smid  60 64    Fleming-McEnroe

1985  A.Maurer-L.Duncan  75 62    Barbosa-Kley

1986  J.Nystrom-K.Carlsson  61 61    Jarryd-Nystrom

1987  E.Sanchez-J.Sanchez  63 36 62    Di Laura-J.Sanchez

1988  K.Carlsson-F.Luna  62 61    Casal-E.Sanchez

1989  M.Jaite-J.Arrese  63 62    Carbonell-C.Costa

1990  A.Gomez-M.Rosset  63 76    Baguena-Camporese

1991  J.Arrese-M.Filippini  62 64    Luza-Motta

1992  S.Bruguera-C.Costa  76 62 62    Galbraith-P.McEnroe

1993  S.Edberg-S.Bruguera  63 63 62    Carbonell-C.Costa

1994  T.Muster-S.Bruguera  62 36 64 75    Bergh-Oosting

2002  A.Agassi-J.Novak  w.o.    Knowles-Nestor

2003  J.C.Ferrero-N.Massu  63 64 63    Bhupathi-Mirnyi

2004  M.Safin-D.Nalbandian  62 64 63    Knowles-Nestor

2005  R.Nadal-I.Ljubicic  36 26 63 64 76    Knowles-Nestor

2006  R.Federer-F.Gonzalez  75 61 60    Bryan-Bryan

2007  D.Nalbandian-R.Federer  16 63 63    Bryan-Bryan

2008  A.Murray-G.Simon  64 76    Fyrstenberg-Matkowski

2009  R.Federer-R.Nadal  64 64    Nestor-Zimonjic

2010  R.Nadal-R.Federer  64 76    Bryan-Bryan

2011  N.Djokovic-R.Nadal  75 64    Bryan-Bryan

WTA MADRID – ALBO D’ORO

1996  J.Novotna-Mag.Maleeva  46 64 63    Novotna-Sanchez

1997  J.Novotna-M.Seles  75 61    M.J.Fernandez-Sanchez

1998  P.Schnyder-D.Van Roost  36 64 60    Labat-Van Roost

1999  L.Davenport-P.Suarez  61 63    Ruano Pascual-Suarez

2000  G.Leon Garcia-F.Zuluaga  46 62 62    Raymond-Stubbs

2001  A.Sanchez-A.Montolio  75 60    Ruano Pascual-Suarez

2002  M.Seles-C.Rubin  64 62    Navratilova-Zvereva

2003  C.Rubin-M.Sanchez Lorenzo  64 57 64    Craybas-L.Huber

2009  D.Safina-C.Wozniacki  62 64    Black-L.Huber

2010  A.Rezai-V.Williams  62 75    Williams-Williams

2011  P.Kvitova-V.Azarenka  76 64    Azarenka-Kirilenko


Nessun Commento per “LA STORIA DI MADRID”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora