BELGRADO ORFANA DI DJOKOVIC

Il numero uno del mondo salterà il "suo" torneo. Del Potro e Tsonga favoriti a Estoril e Monaco

In attesa dei due super-appuntamenti di Madrid e Roma, il circuito ATP propone tre tornei 250 in Europa. A Monaco di Baviera si gioca il BMW Open; a Belgrado siamo appena al quarto anno mentre a Estoril si spegne la candelina n° 23. Passiamo in rassegna la storia dei tornei, l’entry-list 2012 e i possibili protagonisti.

MONACO

Ieri – Si gioca sulla terra rossa del Tennis Club Iphitos di Monaco di Baviera il BMW Open, giunto alla 39esima. Gli argentini hanno mostrato di apprezzare, negli anni, il torneo tedesco tanto che ben quattro di loro hanno concesso il bis: Vilas, Perez Roldan e Squillari. Quattro i tedeschi profeti in patria: Fassbender, Gehring, Stich e Kohlschreiber. Nel 1993 l’unica finale che ha visto di fronte due vincitori di prove dello slam: Lendl sconfisse Stich. Per l’Italia, bene Simone Bolelli, finalista in singolare nel 2008 e vincitore del doppio lo scorso anno (insieme a Zeballos). In doppio una sola coppia è riuscita vincere due titoli: quella composta da Luxa e Stepanek.

Oggi – C’è un top-ten in cima al main-draw in Baviera: si tratta del francese Jo-Wilfried Tsonga, che precede Feliciano Lopez (2), Marin Cilic (3), Philipp Kohlschreiber (4), Bernard Tomic (5), Mikhail Youzhny (6), Nikolay Davydenko (7) e Marcos Baghdatis (8). L’Italia è rappresentata da Potito Starace; il campano è collocato nella metà inferiore del tabellone e debutterà contro un qualificato.

Domani – É Tsonga il favorito, anche se “Alì” non ha mai disputato nemmeno una finale sulla terra nel circuito ATP. In assenza di specialisti spagnoli (Lopez è un iberico piuttosto anomalo), attenzione a Youzhny.

BELGRADO

Ieri – Quarta edizione del torneo voluto fortemente da Novak Djokovic, nella capitale serba. Il numero uno del mondo si è aggiudicato due delle prime tre ed è stato costretto al ritiro nei quarti nel 2010, contro Krajinovic. In quell’occasione vinse Querrey, che sconfisse Isner nell’insolito derby statunitense su terra rossa.

Oggi – Per la prima volta Djokovic non sarà ai nastri di partenza; la scelta, in parte sofferta, rientra nella programmazione del serbo che punta al Roland Garros e, avendo giocato a Montecarlo, non poteva caricarsi di troppi tornei. Ci sarà il fratello Marko, opposto subito al nostro Volandri. Filippo è uno dei tre italiani ammessi al tabellone principale; gli altri sono Andreas Seppi (n°2) e Fabio Fognini (6). La testa di serie n°1 è lo spagnolo Andujar; le altre sono Nieminen (3), Nalbandian (4), Kubot (5), Harrison (7) e Muller (8).

Domani – Fognini arriverà con il fiato corto dopo Bucarest e, anche in virtù della prolungata assenza, non gli si può chiedere più di tanto. Tra le teste di serie, i più interessanti sembrano Nalbandian e Harrison.

ESTORIL

Ieri – All’Estadio Nacional-Jamor di Estoril si disputa la 23esima edizione dell’Open portoghese, evento combined dal 1998. Nell’albo d’oro del torneo figurano i nomi di ben cinque numeri 1 del mondo: Muster, Moya, Ferrero, Djokovic e Federer. Nei primi anni ci fu un netto predominio iberico (nove titoli su dodici dal 1990 al 2001), poi il testimone passò temporaneamente agli argentini (quattro successi in cinque anni) prima delle vittorie di Federer e Djokovic. Nell’ultimo triennio, di nuovo sfida Spagna (doppietta di Montanes) contro Argentina (Del Potro, campione uscente). Solo in 4 hanno vinto due volte il torneo: Carlos Costa, Muster, Nalbandian e Montanes. In doppio invece nessuna coppia è riuscita a concedere il bis.

Oggi – Il primo della lista è l’argentino Juan Martin Del Potro, seguito nell’ordine da Gasquet (2), Wawrinka (3), Ramos (4), Istomin (5), Haase (6), Montanes (7) e Cipolla (8). Oltre a Flavio, sono in tabellone anche Lorenzi, che esordirà contro il francese Roger-Vasselin, e Bolelli, che ha pescato subito l’olandese Haase. Cipolla invece se la vedrà con l’argentino Diego Junqueira.

Domani – JMDP è a caccia della riconferma, dopo il successo del 2011, nonché del suo 11° titolo in carriera. Proveranno a fermarlo Wawrinka e gli spagnoli Montanes e Ramos. Meno chance a Gasquet, mentre per Cipolla c’è la possibilità di una semifinale.

MONACO – ALBO D’ORO

1974    J.Fassbender–F.Jauffret  62 57 61 64    Munoz-Orantes

1975    G.Vilas–K.Meiler  26 60 62 61    Fibak-Kodes

1976    M.Orantes-K.Meiler  61 64 61    Orantes-Gisbert

1977    Z.Franulovic–V.Pecci  61 61 67 75    Pala-Taroczy

1978    G.Vilas–C.Mottram  61 63 63    Tiriac-Vilas

1979    M.Orantes–W.Fibak  63 62 64    Fibak-Okker

1980    R.Gehring–C.Freyss  62 06 62 62    Gunthardt-Hewitt

1981    C.Lewis–C. Roger Vasselin  46 62 26 61 61    Carter-Kronk

1982    G.Mayer–P.Elter  36 63 62 61    Hooper-Purcell

1983    T.Smid–J.Nystrom  60 63 46 26 75    Lewis-Slozil

1984    L.Pimek–G.Mayer  64 46 76 64    Becker-Fibak

1985    J.Nystrom–H.Schwaier  61 60    Edmondson-Warwick

1986    E.Sanchez–R.Osterthun  61 63    Casal-E.Sanchez

1987    G.Perez Roldan–M.Vajda  63 76    Pugh-Willenborg

1988    G.Perez Roldan–J.Svensson  75 63    Leach-Pugh

1989    A.Chesnokov–M.Strelba  57 76 62    J.Sanchez-Taroczy

1990    K.Novacek–T.Muster  64 62    Riglewski-Stich

1991    M.Gustafsson–G.Perez Roldan  36 63 43 rit.  Galbraith-Witsken

1992    M.Larsson–P.Korda  64 46 61    Adams-Oosting

1993    I.Lendl–M.Stich  76 63    Damm-Holm

1994    M.Stich–P.Korda  62 26 63    Kafelnikov-Rikl

1995    W.Ferreira–M.Stich  75 76    Kronemann-Macpherson

1996    S.Dosedel–C.Moya  64 46 63    Bale-Noteboom

1997    M.Philippoussis–A.Corretja  76 16 64    Albano-Corretja

1998    T.Enqvist–A.Agassi  67 76 63    Woodbridge-Woodforde

1999    F.Squillari–A.Pavel  64 63    Orsanic-Puerta

2000    F.Squillari–T.Haas  64 64    Adams-De Jager

2001    J.Novak–A.Dupuis  64 75    Luxa-Stepanek

2002    Y.El Aynaoui-R.Schuttler  64 64    Luxa-Stepanek

2003    R.Federer–J.Nieminen  61 64    W.Black-Ullyett

2004    N.Davydenko–M.Verkerk  64 75    Blake-Merklein

2005    D.Nalbandian–A.Pavel  64 61    Ancic-Knowle

2006    O.Rochus–K.Vliegen  64 62    Pavel-Waske

2007    P.Kohlschreiber–M.Youzhny  26 63 64    Kohlschreiber-Youzhny

2008    F.Gonzalez-S.Bolelli  76 67 63    Berrer-Schuettler

2009    T.Berdych-M.Youzhny  64 46 76    Hernych-Minar

2010    M.Youzhny-M.Cilic    63 46 64    Marach-Ventura

2011    N.Davydenko-F.Mayer    63 36 61    Bolelli-Zeballos

BELGRADO – ALBO D’ORO

2009  N.Djokovic-L.Kubot  63 76    Kubot-Marach

2010  S.Querrey-J.Isner  36 76 64    S.Gonzalez-Rettenmaier

2011  N.Djokovic-F.Lopez  76 62    Cermak-Polasek

ESTORIL – ALBO D’ORO

1990    E.Sanchez–F.Davin  63 61    Casal-E.Sanchez

1991    S.Bruguera–K.Novacek  76 61    Haarhuis-Koevermans

1992    C.Costa–S.Bruguera  46 62 62    Davids-Pimek

1993    A.Medvedev–K.Novacek  64 62    Adams-Olhovskiy

1994    C.Costa–A.Medvedev  46 75 64    Brandi-Mordegan

1995    T.Muster-A.Costa  64 62    Kafelnikov-Olhovskiy

1996    T.Muster–A.Gaudenzi  76 64    Carbonell-Roig

1997    A.Corretja–F.Clavet  63 75    Kuerten-Meligeni

1998    A.Berasategui–T.Muster  36 61 63    Johnson-Montana

1999    A.Costa–T.Martin  76 26 63    Carbonell-Johnson

2000    C.Moya–F.Clavet  63 62    Johnosn-Norval

2001    J.C.Ferrero–F.Mantilla  76 46 63    Stepanek-Tabara

2002    D.Nalbandian–J.Nieminen  64 76    Braasch-Olhovskiy

2003    N.Davydenko–A.Calleri  64 63    Bhupathi-Mirnyi

2004    J.I.Chela–M.Safin  67 63 63    Chela-Gaudio

2005    G.Gaudio–T.Robredo  61 26 61    Cermak-Friedl

2006    D.Nalbandian–N.Davydenko  63 64    Dlouhy-Vizner

2007    N.Djokovic–R.Gasquet  76 06 61    Melo-Sa

2008    R.Federer-N.Davydenko  76 12 ritiro    Coetzee-Moodie

2009    A.Montanes-J.Blake  57 76 60    Butorac-Lipsky

2010    A.Montanes-F.Gil  62 67 75    M.Lopez-Marrero

2011    J.M.Del Potro-F.Verdasco  62 62    Butorac-Rojer


Nessun Commento per “BELGRADO ORFANA DI DJOKOVIC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.