ROLAND GARROS, IL QUARTO FRATELLO

E' l'ottantaduesima candelina per i French Open. Nadal punta al record assoluto di titoli in singolare: 7, uno in più rispetto a Borg

Parigi – I French Open, che iniziano domani sui campi del Roland Garros, sono arrivati all’82esima edizione, essendo stati disputati per la prima volta nel 1925. Si tratta dell’ultimo nato tra i quattro fratelli che compongono il Grande Slam. Proviamo a vedere quali sono stati i protagonisti al maschile di ieri e quali potranno essere quelli di domani.

Ieri – Non poteva che essere uno dei quattro moschettieri, per la precisione Henri Cochet, il tennista che vanta il maggior numero di titoli: ben 9 tra singolare (4), doppio (3) e misto (2). In singolare il record appartiene a Borg e Nadal, gli stessi che detengono il primato di successi consecutivi (4 a testa: 1978-1981 per lo svedese, 2005-2008 per l’iberico). Roy Emerson è il pluri-titolato in doppio (6). Sono divisi da appena sei mesi i due più giovani vincitori del torneo: Mats Wilander aveva 17 anni e 9 mesi quando sconfisse Vilas nella finale del 1982 ma venne superato nel 1989 dallo statunitense Michael Chang che, quando si impose a Edberg, aveva appena 17 anni e 3 mesi. Spetta invece allo spagnolo Andres Gimeno la palma di vincitore più anziano: nel 1972 aveva 34 anni e 10 mesi.

Sono tre i tennisti che hanno vinto il torneo senza perdere alcun set: Ilie Nastase (1973) e, due volte a testa, Borg (1978 e 1980) e Nadal (2008 e 2010). Sei invece quelli che, per alzare la coppa, hanno dovuto annullare almeno un match-point: Lacoste nel 1927 (2 in finale contro Tilden), Von Cramm nel 1934 (1, in finale contro Crawford), Laver nel 1962 (1, nei quarti contro Mulligan), Panatta nel 1976 (1, al 1° turno contro Hutka), Kuerten nel 2001 (1, al 4° turno contro Russell) e Gaudio nel 2004 (2, in finale contro Coria).

Quattro i vincitori del torneo non compresi tra le teste di serie: Marcel Bernard (1946), Mats Wilander (1982), Gustavo Kuerten (1997) e Gaston Gaudio (2004). Kuerten è anche il vincitore con il ranking più basso: era n° 66 del mondo all’epoca del primo dei suoi tre titoli. Spetta invece a Andrei Medvedev la palma di finalista con il peggior ranking: era n° 100 del mondo quando perse con Agassi nel 1999.

Da quando è stato introdotto il tie-break (1973), la finale più lunga in termini di giochi è stata quella tra Lendl e McEnroe nel 1984, per un totale di 51, mentre sono due gli incontri più lunghi, entrambi di 71 games: Agenor-Prinosil, 2° turno del 1994 (67 67 63 64 1412) e Santoro-Clement, 1° turno del 2004 (64 63 67 36 1614). Quest’ultimo è anche il match più lungo in termini di tempo: 6 ore e 33 minuti. La finale più lunga invece è quella tra Wilander e Vilas dell’82: 4 ore e 42 minuti, per soli 4 sets.

Infine, le migliori performance per qualificati, wild-card e lucky-looser. Nel 1997, il belga Filip De Wulf raggiunse le semifinali partendo dalle qualificazioni; nel 1992 Henri Leconte, n° 200 del mondo, ottenne la wild-card e si spinse fino alle semifinali; nel 2004 il coreano Hyung-Taik Lee entrò in tabellone da perdente fortunato e superò due turni, perdendo al terzo.

Oggi – Il solito tormentone relativo alla collocazione dei primi quattro è stato sciolto con il sorteggio del main-draw. Ancora una volta Roger Federer (3) è dalla parte di Novak Djokovic (1) mentre Andy Murray (4) è dalla parte di Rafael Nadal (2). Le altre teste di serie eccellenti sono Tsonga (5), Ferrer (6), Berdych (7), Tipsarevic (8), Del Potro (9), Isner (10), Simon (11), Almagro (12), Monaco (13), Verdasco (14), Lopez (15) e Dolgopolov (16). Primo turno molto impegnativo per buona parte degli italiani: Starace-Djokovic, Seppi-Davydenko, Cipolla-Wawrinka, Lorenzi-Almagro e Bolelli-Nadal. É andata meglio a Fognini (Mannarino) e Volandri (qualificato).

Domani – Tanto per cambiare, è ben più che azzardato pronosticare un vincitore che esca dalla ristrettissima cerchia dei primi tre giocatori del mondo. Il numero 1 Novak Djokovic aspira a conquistare l’unico major che manca alla sua collezione e, se dovesse centrare l’obiettivo, resterebbe in corsa per il Grande Slam. Il numero 2 del mondo Rafael Nadal difende il titolo conquistato un anno fa e punta al record assoluto di vittorie in singolare; è lui, senza dubbio, il grande favorito del torneo. Il numero 3 Roger Federer è sempre in grado di ben figurare, come dimostrano le cinque finali disputate in passato, ma per avere concrete chance di vittoria dovrebbe evitare Nadal, dal quale ha sempre perso su questi campi. Per lo svizzero possibile insidia al secondo turno, qualora dovesse affrontare Nalbandian. Il resto della compagnia può proporre alcune valide alternative ma solo per exploit temporanei. Tra gli outsider, il più credibile è David Ferrer, il più imprevedibile è Tomas Berdych, il più solido è Juan Martin Del Potro. Poi c’è Murray, a cui abbiamo già troppe volte assegnato il ruolo di potenziale mina vagante; stavolta lo mettiamo tra le possibili delusioni e magari ci smentirà.

PARIGI – ALBO D’ORO SINGOLARE E DOPPIO MASCHILE

1925  R.Lacoste-J.Borotra  75 61 64    Lacoste-Borotra

1926  H.Cochet-R.Lacoste  62 64 63    Richards-Kinsey

1927  R.Lacoste-W.Tilden  64 46 57 63 119    Brugnon-Cochet

1928  H.Cochet-R.Lacoste  57 63 61 63    Borotra-Brugnon

1929  R.Lacoste-J.Borotra  63 26 60 26 86    Lacoste-Borotra

1930  H.Cochet-W.Tilden  36 86 63 61    Cochet-Brugnon

1931  J.Borotra-C.Boussus  26 64 75 64    Lott-Van Ryn

1932  H.Cochet-G.De Stefani  60 64 46 63    Cochet-Brugnon

1933  J.Crawford-H.Cochet  86 61 63    Hughes-Perry

1934  G.Von Cramm-J.Crawford  64 79 36 75 63 Borotra-Brugnon

1935  F.Perry-G.Von Cramm  63 36 61 63    Crawford-Quist

1936  G.Von Cramm-F.Perry  60 26 62 26 60    Borotra-Bernard

1937  H.Henkel-H.Austin  61 64 63    Von Cramm-Henkel

1938  D.Budge-R.Menzel  63 62 64    Destremau-Petra

1939  W.McNeill-B.Riggs  75 60 63    McNeill-Harris

1946  M.Bernard-J.Drobny  36 26 61 64 63    Bernard-Petra

1947  J.Asboth-E.Sturgess  86 75 64    Fannin-Sturgess

1948  F.Parker-J.Drobny  64 75 57 86    Bergelin-Drobny

1949  F.Parker-B.Patty  63 16 61 64    Gonzalez-Parker

1950  B.Patty-J.Drobny  61 62 36 57 75    Talbert-Trabert

1951  J.Drobny-E.Sturgess  63 63 63    McGregor-Sedgman

1952  J.Drobny-F.Sedgman  62 60 36 64    McGregor-Sedgman

1953  K.Rosewall-V.Seixas  63 64 16 62    Hoad-Rosewall

1954  T.Trabert-A.Larsen  64 75 61    Seixas-Trabert

1955  T.Trabert-S.Davidson  26 61 64 62    Seixas-Trabert

1956  L.Hoad-S.Davidson  64 86 63    Cooper-Hoad

1957  S.Davidson-H.Flam  63 64 64    Cooper-Anderson

1958  M.Rose-L.Ayala  63 64 64    Howe-Segal

1959  N.Pietrangeli-I.Vermaak  36 63 64 61    Pietrangeli-Sirola

1960  N.Pietrangeli-L.Ayala  36 63 64 46 63    Emerson-Fraser

1961  M.Santana-N.Pietrangeli  46 61 36 60 62    Laver-Emerson

1962  R.Laver-R.Emerson  36 26 63 97 62    Emerson-Fraser

1963  R.Emerson-P.Darmon  36 61 64 64    Emerson-Santana

1964  M.Santana-N.Pietrangeli  63 61 46 75    Emerson-Fletcher

1965  F.Stolle-T.Roche  36 60 62 63    Emerson-Stolle

1966  T.Roche-I.Gulyas  61 64 75    Graebner-Ralston

1967  R.Emerson-T.Roche  61 64 26 62    Newcombe-Roche

1968  K.Rosewall-R.Laver  63 61 26 62    Rosewall-Stolle

1969  R.Laver-K.Rosewall  64 63 64    Newcombe-Roche

1970  J.Kodes-Z.Franulovic  62 64 60    Nastase-Tiriac

1971  J.Kodes-I.Nastase  86 62 26 75    Ashe-Riessen

1972  A.Gimeno-P.Proisy  46 63 61 61    Hewitt-McMillan

1973  I.Nastase-N.Pilic  63 63 60    Newcombe-Okker

1974  B.Borg-M.Orantes  26 67 60 61 61    Crealy-Parun

1975  B.Borg-G.Vilas  62 63 64    Gottfried-Ramirez

1976  A.Panatta-H.Solomon  61 64 46 76    McNair-Stewart

1977  G.Vilas-B.Gottfried  60 63 60    Gottfried-Ramirez

1978  B.Borg-G.Vilas  61 61 63    G.Mayer-Pfister

1979  B.Borg-V.Pecci  63 61 67 64    Mayer-Mayer

1980  B.Borg-V.Gerulaitis  64 61 62    Amaya-Pfister

1981  B.Borg-I.Lendl  61 46 62 36 61    Gunthardt-Taroczy

1982  M.Wilander-G.Vilas  16 76 60 64    Stewart-Taygan

1983  Y.Noah-M.Wilander  62 75 76    Jarryd-H.Simonsson

1984  I.Lendl-J.McEnroe  36 26 64 75 75    Leconte-Noah

1985  M.Wilander-I.Lendl  36 64 62 62    Leconte-Noah

1986  I.Lendl-M.Pernfors  63 62 64    Fitzgerald-Smid

1987  I.Lendl-M.Wilander  75 62 36 76    Fitzgerald-Smid

1988  M.Wilander-H.Leconte  75 62 61    Gomez-E.Sanchez

1989  M.Chang-S.Edberg  61 36 46 64 62    Grabb-P.McEnroe

1990  A.Gomez-A.Agassi  63 26 64 64    Casal-E.Sanchez

1991  J.Courier-A.Agassi  36 64 26 61 64    Fitzgerald-Jarryd

1992  J.Courier-P.Korda  75 62 61    Hlasek-Rosset

1993  S.Bruguera-J.Courier  64 26 62 36 63    Jensen-Jensen

1994  S.Bruguera-A.Berasategui  63 75 26 61    B.Black-Stark

1995  T.Muster-M.Chang  75 62 64    Eltingh-Haarhuis

1996  Y.Kafelnikov-M.Stich  76 75 76    Kafelnikov-Vacek

1997  G.Kuerten-S.Bruguera  63 64 62    Kafelnikov-Vacek

1998  C.Moya-A.Corretja  63 75 63    Eltingh-Haarhuis

1999  A.Agassi-A.Medvedev  16 26 64 63 64    Bhupathi-Paes

2000  G.Kuerten-M.Norman  62 63 26 76 Woodbridge-Woodforde

2001  G.Kuerten-A.Corretja  67 75 62 60    Bhupathi-Paes

2002  A.Costa-J.C.Ferrero  61 60 46 63    Haarhuis-Kafelnikov

2003  J.C.Ferrero-M.Verkerk  61 63 62    Bryan-Bryan

2004  G.Gaudio-G.Coria  06 36 64 61 86    Malisse-O.Rochus

2005  R.Nadal-M.Puerta  67 63 61 75    Bjorkman-Mirnyi

2006  R.Nadal-R.Federer  16 61 64 76    Bjorkman-Mirnyi

2007  R.Nadal-R.Federer  63 46 63 64    Knowles-Nestor

2008  R.Nadal-R.Federer  61 63 60    Cuevas-Horna

2009  R.Federer-R.Soderling  61 76 64    Dlouhy-Paes

2010  R.Nadal-R.Soderling  64 62 64    Nestor-Zimonjic

2011  R.Nadal-R.Federer  75 76 57 61    Mirnyi-Nestor


Nessun Commento per “ROLAND GARROS, IL QUARTO FRATELLO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora