QUATTRO AZZURRE A DEN BOSCH

Sono Errani, Vinci, Pennetta e Schiavone. A Eastbourne Radwanska prima testa di serie

In cammino verso Wimbledon, il circuito WTA fa tappa nei due combined di Eastbourne e Den Bosch. In Inghilterra la numero 1 è la polacca Agnieszka Radwanska; in Olanda invece ci sono quattro italiane al via, anche se la prima testa di serie è l’australiana Samantha Stosur. Cenni storici sui tornei, entry-list e le possibili protagoniste della settimana.

WTA EASTBOURNE

Ieri – Il torneo si disputa sui campi del Devonshire Park di Eastbourne e si tratta di un appuntamento di un certo rilievo nella stagione femminile, come dimostra l’abo d’oro ricco di nomi di grandissimo livello: 22 volte su 34, il torneo è stato vinto da una giocatrice che è stata o è diventata numero 1 al mondo. Martina Navratilova ha giocato 13 finali in singolare (di cui 11 consecutive) vincendone 11 e ha conquistato 6 titoli consecutivi in doppio, insieme a Pam Shriver. E’ dal biennio 2006/07 che la detentrice del titolo non riesce a confermarsi; allora ci riuscì Justine Henin.

Oggi – Queste nell’ordine le otto teste di serie, tutte Top-30 e la metà delle quali Top-10: 1 Radwanska, 2 Kvitova, 3 Wozniacki, 4 Bartoli, 5 Kerber, 6 Ivanovic, 7 Safarova, 8 Hantuchova. Non ci sono italiane in tabellone. Alberta Brianti ha provato a qualificarsi ma è stata sconfitta al primo turno dalla serba Jovanovski per 61 64.

Domani – La francese Bartoli inizia contro la rumena Cirstea il suo difficile cammino verso la riconferma. Marion è nella parte alta del tabellone, quella presidiata dalla Radwanska, che invece esordirà affrontando la pericolosa bulgara Pironkova. La vera favorita è la regina di Wimbledon 2011, Petra Kvitova, chiamata però subito a un test severo contro la mancina russa Makarova, che nel 2010 vinse questo torneo partendo dalle qualificazioni. Sono questi i nomi più gettonati, ma possono far bene anche Ivanovic e Safarova.

WTA DEN BOSCH

Ieri – Torneo di minore importanza, rispetto a Eastbourne, quello olandese. Tuttavia, non sono mancate le vincitrrici prestigiose, tra cui merita una citazione speciale Justine Henin, che qui ha colto, nel 2010, l’ultimo alloro della sua grande carriera. La belga ha giocato tre finali, vincendone due. Come lei (anche meglio, visto che è l’unica ad essersi confermata sul trono) Tamarine Tanasugarn, trionfatrice nel biennio 2008/09.

Oggi – Con quattro italiane in tabellone, parte oggi il torneo. Le teste di serie sono: 1 Stosur, 2 Errani, 3 Cibulkova, 4 Pennetta, 5 Kirilenko, 6 Vinci, 7 Jankovic, 8 Petrova. Francesca Schiavone debutterà contro la Kirilenko. Le altre italiane hanno pescato una Kateryna Bondarenko (la Errani), Olga Govortsova (la Pennetta) e Eleni Daniilidou (la Vinci).

Domani – Di rilievo il rientro di Kim Clijsters, che esordirà contro Romina Oprandi in un match per niente semplice. Roberta Vinci dovrà superare (oltra alla Daniilidou) una tra Niculescu e Strycova e nei quarti presumibilmente Wickmayer o Stosur (che esordiranno contro qualificate). Torneo di difficile lettura per quanto riguarda le possibili protagoniste. Da non sottovalutare Jankovic e Petrova. Esame subito impegnativo per Sara Errani.

WTA EASTBOURNE – ALBO D’ORO

1978  M.Navratilova-C.Evert  64 46 97    Evert-Stove

1979  C.Evert-M.Navratilova  75 57 1311    Stove-Turnbull

1980  T.Austin-W.Turnbull  76 62    K.Jordan-A.Smith

1981  T.Austin-A.Jaeger  63 64    Navratilova-Shriver

1982  M.Navratilova-H.Mandlikova  64 63    Navratilova-Shriver

1983  M.Navratilova-W.Turnbull  61 61    Navratilova-Shriver

1984  M.Navratilova-K.Jordan  64 61    Navratilova-Shriver

1985  M.Navratilova-H.Sukova  64 63    Navratilova-Shriver

1986  M.Navratilova-H.Sukova  36 63 64    Navratilova-Shriver

1987  H.Sukova-M.Navratilova  76 63    Cherneva-Savchenko

1988  M.Navratilova-N.Zvereva  62 62    Pfaff-Smylie

1989  M.Navratilova-R.Reggi  76 62    Adams-Garrison

1990  M.Navratilova-G.Magers  60 62  Savchenko-Zvereva

1991  M.Navratilova-A.Sanchez  64 64    Savchenko-Zvereva

1992  L.McNeil-L.Wild  64 64    Novotna-Savchenko

1993  M.Navratilova-M.Oremans  26 62 63    G.Fernandez-Zvereva

1994  M.McGrath-L.Wild  62 64    G.Fernandez-Zvereva

1995  N.Tauziat-C.Rubin  36 60 75    Novotna-Sanchez

1996  M.Seles-M.J.Fernandez  60 62    Novotna-Sanchez

1997  A.Sanchez-J.Novotna  non disputata   

1998  J.Novotna-A.Sanchez  61 75    De Swardt-Novotna

1999  N.Zvereva-N.Tauziat  06 75 63    Hingis-Kournikova

2000  J.Halard-D.Monami  76 64    Tauziat-Sugiyama

2001  L.Davenport-M.Serna  62 60    Raymond-Stubbs

2002  C.Rubin-A.Myskina  61 63    Raymond-Stubbs

2003  C.Rubin-C.Martinez  64 36 64    Davenport-Raymond

2004  S.Kuznetsova-D.Hantuchova  26 76 64    Molik-Serna

2005  K.Clijsters-V.Dushevina  75 60    Raymond-Stubbs

2006  J.Henin-A.Myskina  46 61 76    Kuznetsova-Mauresmo

2007  J.Henin-A.Mauresmo  75 67 76    Raymond-Stosur

2008  A.Radwanska-N.Petrova  64 67 64    Black-Huber

2009  C.Wozniacki-V.Razzano  76 75    Amanmuradova-Sugiyama

2010  E.Makarova-V.Azarenka  76 64    Raymond-Stubbs

2011  M.Bartoli-P.Kvitova  61 46 75    Peschke-Srebotnik

WTA DEN BOSCH – ALBO D’ORO

1996  A.Huber-H.Sukova  64 76    Savchenko-Schultz

1997  R.Dragomir-M.Oremans  57 62 64    Melicharova-Vildova

1998  J.Halard-M.Oremans  63 64    Appelmans-Oremans

1999  K.Brandi-S.Talaja  60 36 61    Farina-Grande

2000  M.Hingis-R.Dragomir  62 30 ritiro    De Lone-Pratt

2001  J.Henin-K.Clijsters  64 36 63    Dragomir-Petrova

2002  E.Daniilidou-E.Dementieva  36 62 63    Barclay-Muller

2003  K.Clijsters-J.Henin  67 30 ritiro    Dementieva-Krasnoroutskaja

2004  M.Pierce-K.Zakopalova  76 62    Mcshea-Sequera

2005  K.Zakopalova-L.Safarova  36 62 62    Medina-Safina

2006  M.Krajicek-D.Safina  63 64    Yan-Zheng

2007  A.Chakvetadze-J.Jankovic  76 36 63    Chan-Chuang

2008  T.Tanasugarn-D.Safina  75 63    Erakovic-Krajicek

2009  T.Tanasugarn-Y.Wickmayer  63 75    Errani-Pennetta

2010  J.Henin-A.Petkovic  36 63 64    Kudryavtseva-Rodionova

2011  R.Vinci-J.Dokic  67 63 75    Strycova-Zakopalova

 


Nessun Commento per “QUATTRO AZZURRE A DEN BOSCH”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • BLACK O NON BLACK La presunta black list dei 41 giocatori sotto la lente d'ingrandimento per possibili combine, sembra essere una bufala, visto che la stessa TIU nega di aver divulgato liste di ogni tipo. […]
  • SERENA CONTRO TUTTE È la più giovane delle sorelle Williams la favorita numero uno del torneo olimpico secondo i bookmakers. Dietro di lei, Azarenka e Sharapova seguono a debita distanza. Tra le outsiders […]
  • AL VIA DUBAI, BOGOTA E MEMPHIS TENNIS – Questa settimana occhi puntati sui tornei di Dubai e Bogota che vedono impegnate le stelle WTA. In campo Williams, Azarenka, Ivanovic, Jankovic, Errani, Vinci, Pennetta, […]
  • LE PAGELLE DELLE AZZURRE A conclusione degli Australian Open, proviamo a dare un giudizio alla nostra rappresentanza femminile, dove alle delusioni di Schiavone e Pennetta si è contrapposta la gioia di Sara Errani
  • FED CUP: LE CONVOCATE AZZURRE Il ct Barazzutti ha scelto Schiavone, Pennetta, Errani e Vinci in vista della semifinale contro la Repubblica Ceca del 21 e 22 aprile. Ma dall’altra parte della rete ci sarà Petra Kvitova, […]
  • MISTERI DELLA FED La pronosticabile sconfitta di Ostrava,pone inevitabilmente dubbi sul futuro di una nazionale ancora di buon livello, ma priva di ricambi generazionali e con un capitano al comando del […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.