ERRANI E VINCI, TOCCA A VOI

Sara è prima testa di serie a Budapest, Roberta a Estoril. In Portogallo c'è anche la Brianti

La prossima settimana si giocheranno due WTA International, in attesa dell’accoppiata Madrid-Roma. Estoril (Portogallo) e Budapest (Ungheria) le location, in cui le italiane Vinci e Errani saranno le prime teste di serie.

ESTORIL

Ieri – Tredici campionesse in 14 anni nel torneo portoghese; solo l’iberica Magui Serna si è ripetuta. Sfortunate Na Li e Iveta Benesova, che hanno giocato due finali senza vincerle. Li-Sun, coppia cinese, sono le uniche ad aver bissato il successo nella specialità. Nel 2008 la russa Maria Kirilenko ha conquistato singolare e doppio, quest’ultimo insieme alla nostra Flavia Pennetta.

Oggi – L’unica italiana ammessa direttamente al tabellone principale è anche la prima testa di serie, Roberta Vinci, che ha rinunciato a difendere il titolo in Ungheria per tentare questa nuova avventura. Il resto del seeding è completato da Kirilenko (2), Medina Garrigues (3), Cetkovska (4), Zheng (5), Kanepi (6), Petrova (7) e Barthel (8).

Domani – La vera favorita per il titolo è, stando a quanto ha fatto vedere nelle ultime uscite, la tedesca Mona Barthel, che esordirà contro l’austriaca Paszek. Per la Vinci, debutto contro la wild-card Bratchikova e poi, nel caso, una tra la giapponese Morita e la portoghese Koehler. Buone chance di successo anche per Kirilenko mentre, fuori dal seeding, attenzione a Hercog, Suarez Navarro e Makarova.

BUDAPEST

Ieri – Edizione n° 17 del Budapest Grand Prix, il più importante torneo che si svolge in Ungheria. Nell’albo d’oro, solo due giocatrici hanno alzato il trofeo due volte (peraltro consecutive): l’israeliana Anna Smashnova e la tennista locale Agnes Szavay. Due anche le vittorie italiane: Tathiana Garbin nel 2000 e Roberta Vinci lo scorso anno, oltre alla finale conquistata da Silvia Farina nel 1998.

Oggi – Un’azzurra sugli scudi anche quest’anno ma non sarà la campionessa uscente Vinci bensì Sara Errani, a cui è stata assegnata la testa di serie numero 1. In tabellone anche Alberta Brianti. Le altre teste di serie sono Pervak (2), Pironkova (3), Zakopalova (4), Erakovic (5), Martic (6), Peer (7) e Begu (8).

Domani – “Sarita” punta al tris (dopo Acapulco e Barcellona) sulla terra rossa, superficie che la vede imbattuta da dieci match e, più in generale, che nel 2012 la premia con un record di 14-2 (e una delle due sconfitte è stato il ritiro in Fed Cup contro la Tsurenko). Il campo di partecipazione non è certo straordinario ma non mancheranno le insidie per la romagnola, che debutterà contro la lussemburghese Minella e poi troverà, in caso di vittoria, una qualificata. Alla Brianti invece è toccata in sorte la Begu. Fuori dalle teste di serie, un occhio di riguardo meritano la giovane Babos e la ceca Strycova.

ESTORIL – ALBO D’ORO

1998    B.Schwartz-R.Sandu  62 63    Dhenin-Loit

1999    K.Srebotnik-R.Kuti Kis  63 61    Torrens V.-Ortuno

2000    A.Huber–N.Dechy  62 16 75    Srebotnik-Krizan

2001    A.Montolio–E.Bovina  36 63 62    Hrdlickova-Rittner

2002    M.Serna–A.Barna  64 62    Bovina-Gubacsi

2003    M.Serna–J.Schruff  64 61    Mandula-Wartusch

2004    E.Loit–I.Benesova  75 76    Husarova-Gagliardi

2005    L.Safarova–N.Li  67 64 63    Li-Sun

2006    J.Zheng–N.Li  67 75 ritiro    Li-Sun

2007    G.Arn–V.Azarenka  26 61 76    Ehritt Vanc-Rodionova

2008    M.Kirilenko-I.Benesova  64 62    Kirilenko-Pennetta

2009    Y.Wickmayer-E.Makarova  75 62    Spears-Kops Jones

2010    A.Sevastova-A.Parra Santonja  62 75    Cirstea-Medina G.

2011    A.Medina G.-K.Barrois  61 62    Kleybanova-Voskoboeva

BUDAPEST – ALBO D’ORO

1996    R.Dragomir–M.Schnell  76 61    Adams-Graham

1997    A.Coetzer– S.Appelmans  61 63    Coetzer-Fusai

1998    V.Ruano Pascual–S.Farina  64 46 63    Ruano Pascual-Suarez

1999    S.Pitkowski–C.Torrens Valero  62 62    Koulikovskaya-Nacuk

2000    T.Garbin–K.Boogert  62 76    Bacheva-Torrens Valero

2001    Mag.Maleeva–A.Kremer  36 62 64    Garbin-Husarova

2002    M.Muller–M.Casanova  62 36 64    Barclays-Loit

2003    M.Serna–A.Molik  36 75 64    Mandula-Tatarkova

2004    J.Jankovic–M.Sucha  76 63    Mandula-Schett

2005    A.Smashnova–C.Castano  62 62    Loit-Srebotnik

2006    A.Smashnova–L.Dominguez Lino  61 63    Husarova-Krajicek

2007    G.Dulko–S.Cirstea  67 62 62    Szavay-Hulirova

2008    A.Cornet-A.Klepac  76 63    Cornet-Husarova

2009    A.Szavay-P.Schnyder  26 64 62    Kleybanova-Niculescu

2010    A.Szavay-P.Schnyder  62 64    Bacsinszky-Garbin

2011    R.Vinci-I.Begu  64 16 64    Medina G.-Rosolska


Nessun Commento per “ERRANI E VINCI, TOCCA A VOI”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora