IL RITORNO DI JELENA DOKIC

I problemi alla tiroide e il difficile rapporto col padre sono pagine tristi ma ormai superate per l’ex tennista australiana, che adesso rientra nel circus come allenatrice e commentatrice degli Australian Open per Fox Sports

Tennis – Semifinalista a Wimbledon 2000. Quarti di finale al Roland Garros 2002, stagione nella quale divenne numero 4 del mondo. Jelena Dokic, classe 1983, è stata un baby fenomeno del tennis femminile. La tennista di origini serbe ha lasciato il tennis nel 2014, ma adesso ha deciso di rientrare nel circus della Wta. Lo farà in veste di allenatrice e anche di commentatrice degli Australian Open per Fox Sports.

Una vita e una carriera segnate da eventi tristi e difficili da affrontare quella di Jelena Dokic. Il difficile rapporto con il padre violento e possessivo ha segnato tutti gli anni di carriera della tennista capace di vincere 6 tornei Wta. I due si sono poi riconciliati nel 2011 dopo anni di assoluta lontananza. E dopo il ritiro, avvenuto nel 2014, Jelena ha persino dovuto affrontare gravi problemi alla tiroide. Adesso le si profila davanti una nuova, grande opportunità per restare al 100% nel mondo del tennis, iniziando proprio da Melbourne, la città in cui la Dokic realizzò uno dei suoi capolavori spingendosi fino ai quarti di finale nel 2009 da numero 187 Wta.

La 33enne sarà allenatrice dei bambini che giocheranno il Kooyong Classic durante la prossima settimana, quella che precede gli Australian Open. In quel di Melbourne, successivamente, Jelena Dokic si unirà alla squadra di commentatori inviata da Fox Sports per raccontare il primo Grand Slam della stagione: “Credo di avere un buon senso dell’intuito. So cosa significa giocare davanti a 15mila spettatori e posso essere d’aiuto ai tennisti” ha riferito l’ex numero 4 del mondo all’Herald Sun parlando della sua seconda carriera dal coach. Il problema alla tiroide sembra superato e Jelena Dokic è apparsa in splendida forma mentale, pronta per questa sua nuova avventura nel mondo del tennis: “È una vera battaglia quella che si combatte contro i problemi alla tiroide. Bisogna cercare di stare in buona salute perché questo tipo di problemi coinvolge il metabolismo, influisce sul peso corporeo”.

Il tennis, però, è e resta la vera passione della vincitrice dell’edizione 2001 degli Internazionali d’Italia: “Amo tantissimo questo gioco. Ho ancora tanta voglia di fare le cose che fanno parte di questo mondo”. Poco importa se questo mondo le ha portato tanto dolore. Jelena Dokic ha vissuto momenti difficili a causa del tennis, dovendosi dividere tra Australia e Serbia prima e dovendo fare la coraggiosa scelta di fuggire dalla famiglia – e dal padre Damir – nel 2002 prima di riconciliarvisi nel 2011. Una pagina drammatica che è costata tanto sia alla tennista nata a Osijsek sia allo stesso Damir Dokic, per lungo tempo considerato il peggior papà del mondo del tennis. Celebri le sue liti con gli ufficiali di gara. Ancora più celebre la sua espulsione da Wimbledon 2000 per aver distrutto il telefono a un giornalista, agli US Open per aver insultato il personale per i prezzi troppo alti dei ristoranti, agli Australian Open 2001 per aver millantato un sorteggio truccato a danno della figlia. Tutto questo solo per quel che riguarda il tennis. Perché il caro Damir è stato in carcere per 15 mesi, siamo nel 2009, per aver minacciato l’ambasciatore australiano in Serbia con una granata.

Verosimile, dunque, che Jelena Dokic sia stata spesso schiacciata dalla personalità vulcanica e ingombrante del padre. Una condizione psicologica difficile, che però non le ha impedito di raggiungere ottimi risultati in carriera, soprattutto tra il 1999 e il 2002. E non le ha impedito nemmeno di tornare alla vittoria a Kuala Lumpur nel 2011, dopo anni di infortuni, crisi nervose e una inesorabile discesa nel ranking Wta. La vita non è stata troppo gentile con l‘ex tennista serba-australiana, ma lei non ha ancora perso il sorriso e con quel sorriso si prepara a questa sua nuova, stimolante esperienza nel mondo e nei luoghi che più ha amato.

Foto: Jelena Dokic è stata numero 4 Wta nel 2002 (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “IL RITORNO DI JELENA DOKIC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ANDY MURRAY GIURA FEDELTÁ ALLA REGINA Il numero 1 del mondo giocherà il torneo del Queen’s fino al termine della sua carriera: “Aver vinto per cinque volte questo torneo significa molto per me”. E anche la Bbc rinnova il […]
  • VICTORIA AZARENKA: “TORNERÓ A GIOCARE IN ESTATE” L’ex numero 1 del mondo rivela a Tennis Channel di stare bene dopo il parto e la nascita del piccolo Leo. E confessa che il suo rientro avverrà la prossima estate: “Per preparare al meglio […]
  • NENAD ZIMONJIC: “VORREI VINCERE LA DAVIS NEI PROSSIMI ANNI. MA ANCHE NEL 2017”. Il capitano giocatore della Serbia mostra tutto il suo ottimismo in vista dell’impegno contro la Russia. E riceve lodi e ringraziamenti dal numero 2 del mondo Novak Djokovic: “Vorrei […]
  • PETER FLEMING, LO SCUDIERO DI THE GENIUS L’ex tennista originario del New Jersey è stato uno dei doppisti più forti della storia. In coppia con John McEnroe ha vinto 50 titoli, di cui sette Grand Slam. Meno prestigiosa la sua […]
  • BOB HEWIT, IL MITO SFATATO Non è un felice compleanno quello dell’ex tennista australiano naturalizzato sudafricano. Le sentenze dei giudici sono inequivocabili, ma non possono gettare ombre sulla sua brillante carriera.
  • COPPA DAVIS. LE CONVOCAZIONI PER IL 1° TURNO Si giocherà nel weekend tra il 3 e il 5 febbraio. L’Italia sarà impegnata contro i campioni uscenti dell’Argentina. Ma in campo ci saranno anche Novak Djokovic, Milos Raonic e il […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.