INDIAN WELLS: SERENA SI RITIRA, KERBER SARA’ DI NUOVO NUMERO 1

Serena Williams annuncia il forfait a Indian Wells. Completerà la settimana numero 316 in vetta al ranking. Ma perderà i 650 punti di vantaggio su Kerber, che tornerà dopo il torneo in testa alla classifica.

TENNIS – Serena Williams si ritira da Indian Wells. Si chiuderà con la 316ma settimana, dunque, il settimo periodo in vetta al ranking della più anziana numero 1 del mondo nella storia della WTA,

Serena avrebbe dovuto presentarsi al primo Premier Mandatory stagionale da prima testa di serie per il terzo anno di fila, dopo la semifinale del 2015, la sua prima partecipazione dopo 14 anni per il boicottaggio dovuto agli insulti, percepiti come razzisti, dopo la vittoria su Kim Clijsters nel 2001, e la finale persa l’anno scorso. L’attuale numero 1 del mondo che qui ha vinto il titolo la prima volta nel 1999, da non testa di serie battendo in finale Steffi Graf, perderà i 650 punti di vantaggio su Angelique Kerber che, avendo perso al primo turno l’anno scorso, tornerà in vetta alla classifica.

Resta da chiedersi perché Serena Williams non abbia annunciato il forfait prima della compilazione del tabellone. In queste ultime settimane, infatti, la numero 1 del mondo ha posato per la Swimswuit edition di Sports Illustrated con Wozniacki e Bouchard e si è perfino fermata a giocare a tennis con due tifosi incontrati per strada mentre stava portando a spasso il cane insieme al promesso sposo Alexis Ohanian. Tranquillità che invece Kerber non è riuscita a mantenere dopo essere diventata la “woman at the top”. “All’inizio non è stato facile abituarmi” ha ammesso, “sono esperienze nuove, sfide nuove. Se giochi bene e ottieni risultati con continuità, allora sarai naturalmente numero 1 del mondo, è questo che l’anno scorso mi ha insegnato. Se sei numero 1 hai molte più cose a cui pensare e non è sempre semplice gestirsi. Ora penso di essermi abituata a questa situazione, non è come due anni fa che potevo camminare per gli impianti e quasi nessuno mi riconosceva”. Anche da numero 2, però, “la pressione è la stessa, le cose non cambiano tanto. Per questo non penso ai punti, alla classifica, ma soprattutto a ritrovare il mio tennis e a giocare il mio tennis migliore”.

Indian Wells, ha spiegato, è un torneo che le piace, per l’ambiente, per la calma che ancora si respira sul centrale, per l’abbondanza di campi di allenamento “in cui puoi stare, volendo, anche tutto il giorno”, e per i tifosi che assistono con entusiasmo anche alle sessioni di pratica. Tuttavia, almeno negli ultimi tre anni, i risultati non le hanno certo sorriso. Dopo le due semifinali del 2012 e del 2013, infatti, Kerber a Indian Wells non ha più vinto una partita. Ha perso all’esordio nel 2014 contro la spagnola Torro-Flor, nel 2015 ha ceduto a Sloane Stephens e l’anno scorso si è fatta sorprendere da Denisa Allertova. “Sto bene adesso, mi sono riposata due giorni dopo Dubai e l’infortunio al ginocchio: mi fa ancora un po’ male ma non è niente di grave. Vengo a Indian senza niente da perdere” ha detto Kerber. “So che posso giocare meglio dell’anno scorso qui”.

L’obiettivo sarà snche far meglio di un balbettante inizio di stagione, in cui aveva vinto solo quattro partite su otto prima di Dubai. Una stagione in cui è stata già battuta due volte da Daria Kasatkina, all’esordio a Sydney e Doha, e da Svitolina, che l’aveva battuta anche a Brisbane. Sconfitte, queste, maturate contro avversarie che hanno sistematicamente neutralizzato i suoi punti di forza, che hanno fatto aumentare i dubbi della tedesca perché hanno saputo leggere il suo tennis e sfruttare una certa mancanza di alternative. Diversa, perché più atipica, la sconfitta contro una Coco Vandeweghe in una giornata semplicemente perfetta, capace di squadernare una potenza al servizio e nei primi colpi dello scambio tale da mettere subito la partita a Melbourne sui suoi binari e lasciando solo poche possibilità alla difesa reattiva ma quasi mai attiva di Kerber.

“E’ vero, nell’ottavo di finale dell’Australian Open non ho giocato al meglio” ha ammesso, “ma ho imparato molto anche da quella partita. Per me è comunque cambiato poco, ho sempre lo stesso staff e so come tornare a vincere. Sento che mi sto allenando davvero bene, devo solo riuscire a trasferire di nuovo queste buone sensazioni in campo durante i match. Mi basteranno, credo, una o due partite positive perché le cose cambino. Comunque, la stagione è ancora lunga, in fondo siamo ancora a febbraio. Il mio primo obiettivo rimane quello di giocare bene”.

Ora starà a lei gestire al meglio questa seconda chance da numero 1.


Nessun Commento per “INDIAN WELLS: SERENA SI RITIRA, KERBER SARA' DI NUOVO NUMERO 1”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora