ATP INDIAN WELLS, SOCK RAGGIUNGE FEDERER IN SEMIFINALE

Lo statunitense ha battuto a sorpresa Kei Nishikori in tre set, e si giocherà per la prima volta in carriera la possibilità di conquistare la finale di un Masters 1000

TENNIS – Dopo il passaggio alla seconda semifinale del torneo Atp di Indian Wells da parte di Roger Federer, qualificatosi in giornata senza nemmeno scendere in campo a causa del forfait di Nick Kyrgios, erano in molti ad aspettarsi una rivincita del match giocato dallo svizzero negli ottavi di finale degli ultimi Australian Open contro Kei Nishikori. Ma il giapponese, nell’ultimo quarto di finale del tabellone californiano, ha trovato sulla sua strada un Jack Sock in serata di grazia, capace di imporsi in tre set (6-3 2-6 6-2 lo score conclusivo) per la gioia del pubblico del centrale, e ha dovuto dire addio al sogno di arrivare fino in fondo al primo Masters 1000 della stagione.

Per lo statunitense, protagonista di un’altra partita ricca di emozioni e ribaltamenti di fronte (al terzo turno ha salvato quattro match-point contro Grigor Dimitrov e negli ottavi di finale è stato a due punti dalla sconfitta contro Malek Jaziri), si è trattato della prima vittoria della carriera contro un Top 5, senza dimenticare che quella che giocherà contro Roger Federer rappresenta anche la prima semifinale raggiunta in un torneo Masters 1000. E se si considera che contro i migliori cinque giocatori della classifica mondiale da quando è diventato professionista aveva perso in sette occasioni su sette, è facile comprendere quanto sia stata importante per il 24enne di Lincoln questa bella affermazione. Naturalmente non è stata una passeggiata, anzi, tutt’altro, perché dopo aver portato a casa il primo set sul 6-2, grazie al break ottenuto in apertura di incontro per il momentaneo 2-0 in suo favore, Sock ha dovuto fare i conti con la grinta e la determinazione di Nishikori, che nel secondo parziale ha reagito ritrovando la sua consueta solidità, fino al 6-2 che lo ha rimesso pienamente in partita.

L’americano però ha avuto il grande merito di riprendere subito il controllo del match all’inizio del terzo e decisivo set, con l’immediato break che gli ha permesso di salire sul 2-0, e dopo aver salvato una palla del possibile contro-break (sul 30-40) che ha dovuto fronteggiare nel quarto gioco, nel combattutissimo quinto game, alla quinta opportunità, ha strappato nuovamente il servizio al giapponese, e ha continuato poi a sfruttare il momento favorevole fino al definitivo 6-2 che gli ha regalato vittoria e passaggio del turno, a conferma dell’ottimo inizio di 2017 che ha saputo mettere insieme. Ora sulla sua strada verso la finale troverà Roger Federer, per una sfida che gli regalerà di sicuro grandi emozioni, e anche se l’ostacolo è certamente tutt’altro che semplice da superare, c’è da scommettere che lo statunitense proverà a dare seguito al suo “magic moment” con tutte le sue energie, forte anche della spinta del numeroso pubblico del campo centrale che sicuramente gli farà sentire tutto il suo sostegno.

(Nella foto Jack Sock – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “ATP INDIAN WELLS, SOCK RAGGIUNGE FEDERER IN SEMIFINALE”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.