KAYLA DAY, 17 ANNI E UN FUTURO DA CAMPIONESSA

A Indian Wells è stata eliminata da Garbiñe Muguruza, ma Kayla Day ha mostrato tutto il suo potenziale. E di lei si parla già come prossima numero 1 del mondo.

Tennis – Carisma, determinazione e talento. Quando hai 17 anni e metti in mostra doti così importanti hai già un bel futuro davanti a te. Sembra essere questo il caso di Kayla Day, nata a Santa Barbara il 28 settembre 1999 e già accreditata di un grandissimo potenziale tennistico.

La giovane californiana ha perso il match di terzo turno giocato a Indian Wells contro Garbiñe Muguruza. Ma è riuscita a strappare un set alla numero 7 del mondo facendola sudare non poco sul cemento americano. La sua crescita, negli ultimi ventiquattro mesi, è stata fulminea e l’ha portata a vincere ben tre tornei ITF a partire dal 2015.

Il suo nome, tuttavia, è salito agli onori delle cronache tennistiche agli Us Open 2016, edizione del major a stelle e strisce durante la quale Kayla Day ha superato Madison Brengle al primo turno dopo aver ottenuto una wild card, mentre è stata eliminata da Madison Keys nel match successivo: “Vincere un match agli Us Open è stata una bella esperienza. Inoltre, ho potuto giocare contro una delle migliori giocatrici di quel momento, Madison Keys. Per me era la prima volta in un impianto così grande” aveva dichiarato al termine del suo torneo, prima di rientrare nella sua California.

Sono passati pochi mesi e sulla costa ovest l’attuale numero 175 del mondo ha realizzato una nuova impresa, battendo al primo turno Kurumi Nara (85) e sbarazzandosi di Mirjana Lucic-Baroni al secondo turno. “La pazienza è una delle mie virtù e il mio allenatore mi dice sempre di restare concentrata” ha riferito al sito Wta poco dopo la vittoria contro la Lucic-Baroni. “Mi piace molto ridere e scherzare. Il tennis in questo modo sembra molto divertente” ha proseguito. Alta 172 centimetri, Kalya Day ha un’estrema facilità di movimento e velocità di piedi. Non è una che si arrende facilmente e il fatto di essere mancina è un plus in grado di mettere in difficoltà chiunque. La vittoria contro Lucic-Baroni è stata un capolavoro e ha evidenziato un salto di qualità nelle prestazioni della giovane nata a Santa Barbara. Ad ogni modo, i suoi risultati sono sempre stati convincenti come dimostra la vittoria agli Us Open juniores ottenuta nel 2016. Il problema principale era quello di capire quanto potesse essere competitiva da professionista, ma ormai non sembrano esserci troppi dubbi in merito.

Anche se, come dice la stessa Kayla, nel circus professionistico: “Tutte le ragazze sono molto preparate e ogni partita è difficile. Nei tornei junior i primi due turni erano molto agevoli. Invece tra i professionisti conta molto anche l’aspetto fisico oltre a quello tecnico. Ma aver vinto un titolo Slam juniores è una buona base d’appoggio da cui partire” ha concluso quella che è ormai una stellina del tennis mondiale.

Se ne sarà accorta Garbiñe Muguruza. La campionessa in carica del Roland Garros ha dovuto tirare fuori il suo miglior tennis e al termine del match ha reso l’onore delle armi alla sua giovane avversaria: “Kayla gioca benissimo, mi ricorda me da giovane quando ero motivatissima: oggi mi sono salvata grazie all’esperienza, ma un paio d’anni fa non so come sarebbe finita“. Esperienza che Kayla Day non ha ancora. Ma ormai è una tennista professionista a tutti gli effetti. Sembrano lontanissimi i giorni del dubbio: andare all’università o giocare a tennis? Una domanda che ha trovato più di una risposta. Prima la grande performance offerta a Flushing Meadows. Poi la wild card e il primo turno giocato a Melboune. Ora i colpi, il carattere e il talento messi in mostra a Indian Wells. Non stiamo parlando di una tennista qualunque osservata sui campi dietro casa. Forse, in un tennis femminile alla costante ricerca di stelle e di personaggi in grado di riempire gli impianti, stiamo parlando di una futura numero 1 del mondo.

Foto: Kalya Day (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “KAYLA DAY, 17 ANNI E UN FUTURO DA CAMPIONESSA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • GARBINE MUGURUZA FA I PIANI PER GLI STATES: “SONO IMPAZIENTE DI TORNARE IN CAMPO” La vincitrice di Wimbledon è già pronta per la lunga estate sui campi a stelle e strisce: “Giocherò tre tornei prima degli Us Open, iniziando settimana prossima a Stanford per poi giocare […]
  • MARAT SAFIN: “IL TENNIS È DIVENTATO TROPPO PROFESSIONALE” L’ex numero 1 del mondo festeggia l’ingresso nella Hall of Fame del tennis e con ironia confessa di non credere ancora ai risultati raggiunti in carriera: “La vittoria agli Us Open contro […]
  • RANKING WTA: TUTTO FERMO NELLA TOP TEN Kalrolina Plislova mantiene il primato in Wta. Seguono Simona Halep, Angelique Kerber e la vincitrice di Wimbledon Gabiñe Muguruza. Prima delle italiane è Roberta Vinci, numero 39. […]
  • GARBINE MUGURUZA È GIÁ A WIMBLEDON La vincitrice del Roland Garros 2016 ha iniziato gli allenamenti in vista del torneo più prestigioso. Avrà sei giorni di tempo per adattarsi alla superficie prima del suo debutto, previsto […]
  • PETRA KVITOVA, L’ALTRA REGINA DI WIMBLEDON Due volte campionessa a Wimbledon, quattro volte sul tetto del mondo con la sua Repubblica Ceca, Petra Kvitova ha vinto in totale 17 titoli Wta, approdando in semifinale agli Australian […]
  • MARAT SAFIN, TALENTO FRAGILE Ex numero uno del mondo, vincitore di due Slam in carriera, il russo è considerato come uno dei migliori talenti che il tennis abbia mai avuto. Un talento che, purtroppo, è rimasto troppe […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.