KERBER, 2016 DA N.1: A SINGAPORE DA REGINA

Angelique Kerber si terrà stretta la n.1 del mondo almeno sino a fine anno: ora i Wta Championships il grande obiettivo

Tennis. Angelique Kerber festeggia la chiusura della stagione da n.1 del mondo ma con ancora un obiettivo ben saldo e prestigioso nella testa: vincere i prossimi Wta Championship a Singapore. Per la tedesca sarebbe il modo migliore per chiudere un’annata pazzesca, che l’ha vista sollevare il titolo di Melbourne e l’ultimo agli Us Open, decisivo per diventare per la prima volta in carriera n.1 al mondo, spodestando il lungo trono di Serena Williams. 

Dopo la vittoria a Melbourne ho capito che potevo farcela. Diventare numero uno è un sogno che conservo da quando ero bambina e guardavo in tv il mio idolo Steffi Graff”ha affermato la capoguida del Ranking Wta. La tedesca sarà impegnata in un girone molto duro a Singapore, che comprenderà la Halep, Cibulkova e Keys.

L’ennesima dimostrazione che non è mai troppo tardi per raggiungere i vertici, Wawrinka ci è riuscito a 29 anni, lei una primavera prima: “Ho cambiato tante piccole cose, ma la chiave del mio successo è stata lavorare sulla forma fisica. Così il mio gioco è migliorato tantoMi piacerebbe vedere più donne avvicinarsi a questo sport. Non c’è un’età giusta per prendere una racchetta in mano, lo si può fare a 6 o 60 anni. Giocare con gli amici, con la famiglia, partecipare ad un piccolo torneo. Basta divertirsi”.


Nessun Commento per “KERBER, 2016 DA N.1: A SINGAPORE DA REGINA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora