MASHA-ATTACK, AVANTI UN’ALTRA: KERBER, “WILD-CARD STRANA”

Anche la Kerber, prossima n.1 al mondo, si schiera contro la wild card alla Sharapova per Stoccarda

Tennis. Deve ancora rientrare ufficialmente nel circuito che Maria Sharapova fa già parlare di se quanto e più di quando calcava i campi da tennis. Il 26 aprile debutterà nel Wta di Stoccarda, una nuova carriera per lei dopo lo stop forza causa doping. La russa è al centro di forti polemiche e pareri sfavorevoli nei suoi confronti dalle stesse colleghe, le quali vedono di cattivo gusto le continue wild card che le stanno recapitando alcuni tornei.

Fra questi c’è anche Roma, oltre al torneo tedesco, mentre è arrivato il no dal Roland Garros. Grande attesa per vedere cosa farà Wimbledon: nel frattempo alcune delle giocatrici più importanti hanno detto la sua a riguardo. La prima è stata la Muguruza, la quale addirittura aveva detto di non ricordare chi la Sharapova fosse e che nemmeno le interessava occuparsi della vicenda.

Sulla falsa riga della spagnola anche il n.1 al mondo Murray, il quale reputava poco giusto privilegiare la risalita nel Ranking della siberiana, che in questo momento non ha classifica a causa della squalifica. Un’altra n.1 del mondo, virtuale, in attesa di tornarlo ufficialmente dopo gli Indian Wells è la Kerber. “Avrei dato l’invito ad una giovane tennista tedesca, piuttosto. Maria avrà comunque modo di risalire la classifica, se però i tornei pensano di fare i loro interessi e con lei di riempire gli spalti, fanno bene”.

Più diplomatica la tedesca, che al termine del torneo americano in partenza quest’oggi tornerà al vertice della Wta in virtù del ritiro annunciato da Serena Williams.


Nessun Commento per “MASHA-ATTACK, AVANTI UN'ALTRA: KERBER, "WILD-CARD STRANA"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.