THIEM E NISHIKORI RE DI BAIRES E MEMPHIS, KLIZAN TRIONFA A ROTTERDAM

In Argentina l'austriaco ha battuto Almagro 6-7 6-3 7-6, in Olanda invece lo slovacco ha avuto la meglio su Monfils. Quarto trionfo del giapponese negli Stati Uniti

TENNIS – È stata una “battaglia” di oltre due ore e mezzo, ma alla fine a spuntarla è  stato Dominic Thiem (il “giustiziere” di Nadal in semifinale), che battendo Nicolas Almagro 6-7 6-3 7-6, con una prestazione fatta di qualità ma anche di tanto carattere, ha conquistato il titolo del torneo Atp 250 di Buenos Aires.

Nel primo set l’equilibrio è stato pressoché totale, visto che in dodici game si è materialzzata una sola palla break (salvata da Thiem), e l’epilogo del tie-break è stato invitabile: a quel punto è stato l’austriaco a giocare meglio, salendo prima sul 3-0 e poi sul 5-2, prima di chiudere i conti 7 punti a 2.

Poi però nel secondo set Almagro ha reagito, salvando prima una pericolosa palla break nel sesto game, e poi strappando il servizio al suo avversario nel gioco successivo per il 4-3 in suo favore. Lo spagnolo quindi ha tenuto il proprio turno di battuta per il 5-3, e subito dopo ha ottenuto un altro break che gli ha consegnato il secondo parziale 6-3.

Nel terzo e decisivo set poi Almagro è andato subito avanti 2-0, ma Thiem ha risposto ottenendo l’immediato contro-break. L’austriaco quindi ha salvato due delicatissime palle break (che avrebbero potuto mandare il suo avversario sul 3-1), e da quel momento i servizi l’hanno fatta da padrone, visto che il parziale è arrivato al tie-break senza che nessuno dei due giocatori potesse piazzare un allungo decisivo. Almagro  è andato avanti 3-1, ma Thiem non ha mollato, ha recuperato fino al 4-4 e poi ha infilato un parziale di tre punti consecutivi che gli hanno regalato il trionfo al torneo di Buenos Aires.

ROTTERDAM

Passando poi al torneo Atp 500 di Rotterdam, a trionfare è  stato Martin Klizan (al quarto titolo della carriera), che in finale ha battuto in rimonta Gael Monfils 6-7 6-3 6-1 al termine di un match in cui lo slovacco ha mostrato un ottimo tennis.

Klizan ha avuto il merito di non “uscire” dalla partita dopo un primo set piuttosto equilibrato e vinto al tie-break dal sul avversario, che sembrava sul punto di poter portare a casa il torneo visto il suo maggiore spessore. Ma lo slovacco, dopo aver salvato due pericolose palle break nel terzo game del secondo set, ha strappato il servizio al francese nell’ottavo gioco e, subito dopo, ha chiuso i conti sul 6-3 portando il match al terzo e decisivo set.

A quel punto ci si poteva aspettare un altro parziale equilibrato, invece Klizan ha cambiato decisamente marcia, “martellando” Monfils con una lunga serie di vincenti da fondo campo che gli hanno permesso di salire velocemente sul 5-0. Il francese quindi ha avuto un sussulto d’orgoglio ottenendo il break dell’1-5, ma subito dopo lo slovacco ha certificato il suo trionfo (salvando comunque altre due palle break) chiudendo il match sul definitivo 6-1.

MEMPHIS

Spostandoci infine al torneo Atp 250 di Memphis, Kei Nishikori ha conquistato il quarto titolo consecutivo sul cemento della città americana, battendo in finale il giovane talento statunitense Taylor Fritz con un doppio 6-4. Alla fine ha prevalso la maggiore caratura del tennista giapponese, ma Fritz ha giocato comunque una ottima finale, creando più di una difficoltà al numero 5 del mondo a coronamento di una settimana eccezionale per il 18enne americano.

Nella foto Dominic Thiem (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “THIEM E NISHIKORI RE DI BAIRES E MEMPHIS, KLIZAN TRIONFA A ROTTERDAM”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora