L’AGENDA DI ALEXANDER ZVEREV

Sarà un 2017 molto ricco per Alexander Zverev, passato dalla Top 90 alla Top 20 in un anno...il tedesco avrà l'agenda piena fino al Roland Garros

Tennis – Ha iniziato l’anno in Top 90 ed ha terminato in Top 20..tra i migliori al mondo. Il cambiamento di Alexander Zverev nella classifica ATP è stato così appassimento che il tedesco è stato costretto a progettare in anticipo il proprio programma del 2017.

Almeno fino al Roland Garros. Infatti il tedesco partirà subito con la Hopman Cup e Kooyong prima di raggiungere gli Australian Open. Successivamente verranno Montpellier, Rotterdam e Marsiglia nel mese di febbraio per finire a marzo con i Masters 1000 di Indian Wells e Miami. Con l’avvento della terra rossa, saranno cinque settimane di guerra: Monte Carlo, Barcellona, Madrid, Roma e infine Parigi. Tutto questo, naturalmente, assieme alla Coppa Davis in cui sarà sicuramente coinvolto.

Classe ’97 Alexander Zverev ha conquistato il 25 settembre del 2016 il titolo a San Pietroburgo battendo Stan Wawrinka in 3 set: 6-2 3-6 7-5, inoltre è riuscito ad arrivare alle finali di Nizza e Halle (sempre di quest’anno) perdendo contro Thiem e Mayer.


Nessun Commento per “L'AGENDA DI ALEXANDER ZVEREV”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.