LA KNAPP C’È, PENNETTA E SCHIAVONE OUT

TENNIS - Gran partita della bolzanina che manda a casa Dominguez Lino, mentre le sue connazionali devono arrendersi rispettivamente ad Arruabarrena Veci ed alla Ormaechea

Tennis. Si ferma al secondo turno il cammino di Flavia Pennetta. La brindisina, al ritorno sui campi di un torneo ufficiale dopo uno lungo stop durato circa sei mesi, si è arresa alla spagnola Laura Arruabarrena Veci alla fine di una battaglia di tre set. L’ultima sua partecipazione alla Copa Claro Colsanitas risaliva al 2009 e risultò non molto fortunata, perse infatti al debutto contro la slovena Masa Zec-Peskiric. Questa settimana, al rientro dall’ennesimo infortunio, sapevamo che non sarebbe stato facile sebbene Flavia partisse da favorita numero 5 del torneo. Contro la spagnola numero 97 del mondo la nostra tennista aveva già giocato lo scorso anno a Barcelona vincendo nettamente per 6-0 6-4 nell’allora match di primo turno. Quest’oggi purtroppo non è andata allo stesso modo. Prende subito l’iniziativa la Arruabarrena che nel primo parziale, sebbene vantasse percentuali realizzative tutto sommato equivalenti a quelle dell’avversaria, concretizza molto di più e viene premiata vincendo 6-3. Nel secondo c’è spazio per una mini riscossa di Flavia che fa tesoro di un numero molto più ingente di prime in campo rispetto all’iberica riuscendo a breakkarla ben tre volte. Alla fine del secondo set dunque il risultato è di perfetta parità. L’italiana numero 60 del mondo però non ha molte partite giocate nelle gambe e nel parziale decisivo questo si avverte. Crollano infatti le sue performance al servizio e la spagnola ha gioco facile nel rubarle il servizio per tre volte non concedendo praticamente nulla. L’esito del match purtroppo è severo, ma ci può stare. La cosa fondamentale è aver rivisto in campo una delle nostre tenniste più dotate. La forma migliore arriverà.

Restando in campo italiano esce anche la seconda azzurra presente nel tabellone di Bogota, nonchè numero 4 del seeding, Francesca Schiavone. La tennista milanese dall’inizio del 2013 ha collezionato solo primi turni e questa settimana aveva raggiunto quella che fino ad ora è il suo best placement annuale approdando al secondo round della Copa Claro. Quest’oggi le si opponeva una giovane argentina che non aveva mai incrociato prima, Paula Ormaechea. Partita molto ruvida che però comincia in modo incoraggiante per la ex numero 4 del mondo la quale nel primo set fa valere l’esperienza rischiando veramente poco ed aggredendo molto il servizio dell’avversaria. La tattica si rivela vincente ed il primo parziale va agli atti con il punteggio di 6-2 per la nostra atleta. La quale però registra immediatamente dopo una clamorosa involuzione nella prestazione che la porta a mettere in campo la miseria di 7 prime in campo esponendo così il fianco alla sudamericana che la breakka due volte e riporta il conto dei set in perfetta parità. L’ultimo parziale è molto avvincente con le tenniste che si scambiano diversi break non riuscendo però a prevalere l’una sull’altra. Il tie break è inevitabile come lo è anche l’esito in un certo senso. Ormaechea ha dimostrato alla resa dei conti di avere qualcosa in più rispetto all’avversaria aggiudicandosi con merito il match.

Nel serale cade anche la testa di serie numero 3, ma stavolta è un esito che ci sorride perchè favorevole alla nostra Karin Knapp che riesce a battere in tre set Lourdes Dominguez-Lino. Gran partita della bolzanina che mette subito le cose in chiaro nel primo parziale grazie ad un altissimo numero di punti portati a casa con la prima di servizio i quali le consentono di chiudere sul 6-3. Subito dopo è la spagnola a rendersi più pericolosa alzando il ritmo degli scambi e rischiando di più soprattutto in risposta. Il suo impegno viene premiato sebbene su sette opportunità di palla break riesca a concretizzarne solo due, ma tanto basta per riportare il match in parità. La Knapp però non si perde d’animo e ricomincia a macinare gioco. Dai e dai alla fine il break per l’italiana arriva ed è quello decisivo che le consente di approdare ai quarti di finale dove affronterà proprio la Arruabarrena-Veci.

Per quanto attiene gli altri due match giocati oggi c’è da mettere a verbale la facile vittoria della favorita numero uno Jelena Jankovic sulla wild card Mariana Duque-Marino e quella in rimonta che si è aggiudicata Alexandra Cadantu sulla qualificata Tereza Mrdeza.

A Memphis oggi era giornata di quarti di finale. Si sono dunque decisi gli accoppiamenti per le semifinali che avranno luogo domani. In corsa vi erano ancora cinque teste di serie, andiamo a vedere come è andata.

La top seeded era Kirsten Flipkens. L’imperfetto è d’obbligo dato che la belga oggi è stata sconfitta da Magdalena Rybarikova in un match durissimo durato poco più di due ore e quaranta minuti. Solida la slovacca che sebbene abbia perso il primo set al tie break trova la forza di reagire e di portare a casa una vittoria importante. Deve faticare invece molto meno Sabine Lisicki, numero 3 del seeding, per regolare la sua avversaria di oggi, la giovanissima Kristina Mladenovic. La tennista francese è uscita sconfitta a causa di un doppio 6-3 inflittole dalla teutonica. Pratica, concreta e spietata oggi Stefanie Voegele che ha lasciato solo 3 game alla favorita numero 4 Heather Watson autrice di una prestazione davvero sottotono. A chiudere l’order of play di oggi vi erano Marina Erakovic e Jamie Hampton al loro secondo scontro diretto. Questa volta a spuntarla è stata l’australiana per 7-5 6-2.

Di seguito tutti i risultati di giornata:

Copa Claro Colsanitas – Secondo Turno

Jelena Jankovic [1] d Mariana Duque-Marino [W] 6-3 6-2

Alexandra Cadantu d Tereza Mredeza [Q] 4-6 6-3 6-4

Karin Knapp d Lourdes Dominguez-Lino [3] 6-3 4-6 6-4

Laura Arruabarrena-Veci d Flavia Pennetta [5] 6-3 4-6 6-0

Paula Ormaechea d Francesca Schiavone [4] 2-6 6-3 7-6(3)

U.S. International Indoor Tennis Championships – Quarti di Finale

Magdalena Rybarikova [7] d Kirsten Flipkens [1] 6-7 (11) 7-5 6-3

Sabine Lisicki [3] d Kristina Mladenovic [8] 6-3 6-3

Stefanie Voegele d Heather Watson [4] 6-1 6-2

Marina Erakovic d Jamie Hampton 7-5 6-2


Nessun Commento per “LA KNAPP C'È, PENNETTA E SCHIAVONE OUT”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • ERAKOVIC, È UNA VITTORIA DA RECORD TENNIS - Era dal 1989 che una tennista neozelandese non vinceva un torneo Wta. A Bogota Karin Knapp manca l’appuntamento con la finale
  • BARTOLI SI RIPRENDE IL NUMERO 7 TENNIS - Dopo il successo ottenuto ai Championships, Marion Bartoli torna in top 10 eguagliando il suo best ranking (7). Guadagna 6 posizioni l'altra finalista, Sabine Lisicki (18). Tra le […]
  • PRIMO TURNO DEI WTA DI STANFORD & WASHINGTON Va in scena sul cemento Americano di Stanford e Washington il tennis femminile del circuito Wta
  • IL RESOCONTO DELLA SETTIMANA Petra Kvitova punta la vetta della classifica con il successo a Dubai. Grande settimana per Errani e Vinci che conquistano punti importanti. A Memphis il primo successo della Erakovic. […]
  • CHE LA STAGIONE SULL’ERBA ABBIA INIZIO TENNIS - Stagione sull'erba al via. Al Queen's Club ritornano Murray e Del Potro, ad Halle ci sono Federer ed Haas che se la giocheranno anche nel tabellone di doppio. Schiavone cerca […]
  • ITALIANE ALLA RISCOSSA TENNIS – Roberta Vinci, Flavia Pennetta e Karin Knapp. L’Italia manda in campo le sue tre sorelle nel Super Monday, per riportare una o più bandiere tricolori ai quarti di finale di […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.