LEANDER PAES: “NON ESCLUDO A BREVE IL MIO RITIRO”

Il tennista Leander Paes ha dichiarato, in un'intervista alla tv indiana ABP, che probabilmente questo sarà il suo ultimo anno da professionista...

Tennis – Leander Paes ha lasciato la porta aperta ad un suo futuro ritiro. In un’intervista alla tv indiana ABP, il numero 59 del ranking ATP ha affermato che “continuerò a  giocare per divertimento e perché amo il tennis, ma arriverà il giorno in cui terminerò questo viaggio” ha detto un Paes malinconico all’indomani della nomina di Mahesh Bhupathi come capitano della squadra di Coppa Davis.

Bhupati ha delle credenziali eccellenti e necessarie, vedremo come va” ha detto l’indiano prima di dichiarare come “la prima cosa è l’interesse dell’India e nessun titolo personale.

Devo ringraziare la mia famiglia e la mia squadra che mi stanno aiutando in questi ultimi mesi di carriera professionistoca…e per quello che farò dopo il mio ritiro” ha concluso Paes che sembra sia destinato a diventare allenatore di giovani talenti: “Il mio sogno è diventare un mentore per i giovani, aiutandoli a vincere qualcosa di grande“.

Leander Paes è uno dei pilastri del tennis indiano, nel singolare ha vinto un solo titolo in carriera (Newport 1998), ma è nel doppio e nel doppio misto che ha avuto delle vere soddisfazioni: 55 titoli, 1 Australian Open, 1 Wimbledon, 3 Roland Garros e 3 US Open nel doppio maschile; 9 titoli, 3 Australian Open, 1 Roland Garros, 4 Wimbledon e 2 US Open. Ha esordito in Coppa Davis a 16 anni sconfiggendo, assieme a Zeeshan Ali, la squadra giapponese e, nel 1993, ha raggiunto la semifinale.

In coppia spesso con Martina Hingis, ecco un video con i loro highlights:

 


Nessun Commento per “LEANDER PAES: "NON ESCLUDO A BREVE IL MIO RITIRO"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora