LEMON BOWL 2017: PRONTI, PARTENZA…VIA

Sono in corso le qualificazioni del Lemon Bowl 2017, che termineranno il 1 gennaio...il tabellone principale sarà in scena dal 2 al 6 gennaio con tutti i più forti giovani d'Italia.

Tennis – Le qualificazioni del Lemon Bowl 2017 hanno preso il via oggi sui campi di New Penta 2000, Eschilo 2 e Polisportiva Palocco con ben 150 incontri disputati. A sfidarsi nella prima giornata del Lemon Bowl, sotto uno splendido sole capitolino, sono stati i piccoli under 9, gli under 12 e gli under 14. Il tabellone cadetto verrà disputato sino al 1 gennaio, mentre il main draw si giocherà dal 2 fino alle finali del 6 gennaio.

Il torneo prettamente romano attira ogni anno un elevatissimo numero di iscritti arrivati, quest’anno, alla cifra di 1234. “È sempre un piacere iniziare la stagione agonistica con il Lemon Bowl – racconta Sandro Di Trento, maestro del circolo romano Empire –, evento durante il quale si respira una bellissima atmosfera di tennis vero e sani valori sportivi, conditi da una perfetta organizzazione”.

In accordo anche Riccardo Grassi, maestro e vice capitano della squadra di Serie A1 del Tennis Club Parioli: “Questo non è un torneo come gli altri e probabilmente non lo è mai stato. Ho iscritto undici dei miei ragazzi delle classi 2005 e 2006 e tutti sono emozionati e tesi in vista dell’esordio. Mi ripetono continuamente di non aver dormito la notte pensando al torneo”.

Il Lemon Bowl, giunto alla trentatreesima edizione, vedrà in campo 32 delle migliori promesse del tennis italiano, nate nel 2004 e nel 2005, in seguito all’accordo tra la Federazione Italiana Tennis e l’organizzazione dell’evento.

L’asticella al Lemon si alza sempre di più – racconta Valerio Prisco, maestro dell’Eur Sporting Club – e il raduno Fit del 2017 ne è una splendida testimonianza. Sarà un’edizione qualitativamente molto molto interessante”.

In passato hanno disputato questo torneo, senza alzare la coppa, tennisti del calibro di Borna Coric, Dmitry Tursunov, Igor Andreev e le azzurre Mara Santangelo e Camila Giorgi.

Vi sono casi in cui un genitore si esalta per la vittoria in un torneo giovanile – ha dichiarato ancora Prisco – ma noi dobbiamo essere bravi a far capire a padri, madri e ragazzi quali siano le priorità per una crescita tennistica completa. Bisogna avere pazienza, senza esaltarsi né deprimersi in base a vittorie e sconfitte”.

“Il maestro deve stare molto vicino ai genitori e ai ragazzi analizzando con loro il livello di gioco e non il risultato, cercando di spiegare in cosa si debba crescere senza l’assillo del successo a ogni costo” ha detto Di Trento.

La giornata di domani vedrà svolgersi altri 150 incontri delle categorie under 9, 12 e 14, sotto l’occhio attento di maestri, genitori e appassionati.

Foto: Biagio Milano


Nessun Commento per “LEMON BOWL 2017: PRONTI, PARTENZA...VIA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora