LEMON BOWL, EPIFANIA DI FINALI PER BABY TENNISTI A ROMA

Epilogo entusiasmante per il Lemon Bowl 2017 appena conclusosi nella capitale. Tra gli under 14 vittoria del giordano Shelbayh

TENNIS – Cala il sipario non senza emozioni al New Penta 2000 di Roma, che ha ospitato l’edizione numero 32 del Lemon Bowl, classico appuntamento capitolino riservato ai campioni del futuro, a tutti quei baby appassionati della racchetta dai 14 anni in giù. Tante belle promesse si sono alternate sui campi in terra rossa del circolo romano, dimostrando che anche il tennis giovanile può raggiungere livelli altissimi. Nonostante freddo, neve e vento, il Lemon Bowl si conferma quindi come un appuntamento storico e rinomato, riconosciuto dalle grandi platee per la caratura dei prospetti che si presentano ai nastri di partenza.

Partendo dai più “anziani”, si aggiudica il titolo tra gli under 14 il mancino proveniente dalla Giordania Abedallah Shelbayh, capace di surclassare il pugliese Benito Massacri per 6-1 6-2 nell’atto finale della manifestazione. La “rivincita” per la Puglia arriva però in campo femminile, dove la portacolori del Circolo Tennis Foggia Alessandra Simone riesce a superare la coetanea toscana Beatrice Ricci per 6-2 6-4. Maggiore è invece l’equilibrio tra gli Under 12: al maschile, Giacomo Nosei deve ricorrere al terzo set e ad una rimonta da urlo per superare Federico Bondioli, tesserato per il Circolo Tennis Dario Zavaglia. Dopo il tie-break perso nel primo set, il tennista del Lerici CT ha imposto le sue regole fino al 6-4 6-2 finale. Tra le ragazze, sale sul gradino più alt del podio la portacolori di Fano Federica Urgesi, che supera con il punteggio di 6-4 7-5 Benedetta Sensi.

Passando ai più piccoli, tra gli Under 10 è il perugino Yannick Ngancha Lliso ad aggiudicarsi la finale, sconfiggendo nell’ultimo atto il romeno Yannick Alexandrescu con un periodico 6-3. Ancor più agevole, invece, la vittoria di Francesca De Matteo dell’ASD 2000, che in finale ha battuto con un doppio 6-2 l’empolese Vanessa Fratila. Non sono mancate le emozioni neppure tra i più piccoli. Nella categoria Under8 ragazzi, l’ASD 2000 raccoglie il secondo titolo con Federico De Matteo, che batte in rimonta Ljuca Cosimi, portacolori del team di Ostia Antica. Mai in discussione, infine, la vittoria della pariolina Alessia Chiriac, che in finale ha scardinato le certezze della pari età croata Milana Rasan-Buha.


Nessun Commento per “LEMON BOWL, EPIFANIA DI FINALI PER BABY TENNISTI A ROMA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.