LORENZI LOTTA MA CEDE A NADAL A BUENOS AIRES

L'azzurro, protagonista comunque di un buon match, è stato battuto dall'ex numero uno del mondo 7-6 6-2

TENNIS – Ha lottato con tutte le sue forze, ed è stato in grado di mettere in difficoltà in più di una occasione un “big” come Rafa Nadal, ma alla fine Paolo Lorenzi (uscito comunque tra gli applausi) ha dovuto cedere in due set (7-6 6-2) e lasciare strada allo spagnolo verso le semifinali del torneo Atp 250 di Buenos Aires.

Nel primo set l’ex numero uno del mondo è partito subito forte, portandosi velocemente sul 4-1 senza lasciare alcuna possibilità all’azzurro. Lorenzi però è stato bravo a reagire, ha iniziato a trovare una buona efficacia con i colpi da fondo campo e, nell’ottavo game, è  riuscito a procurarsi una palla break e a sfruttarla per il momentaneo 4-4. Poi il senese ha continuato a servire bene, e il parziale è approdato inevitabilmente al tie-break: Nadal è andato avanti 3-0, ma Lorenzi è riuscito a recuperare sul 3-3, mostrando grande carattere. Poi però lo spagnolo ha allungato ancora e ha chiuso i conti 7 punti a 3, portando a casa il primo set.

Nel secondo quindi Nadal è ripartito subito forte, strappando la battuta a Lorenzi per il momentaneo 2-1 e servizio, l’azzurro però ha reagito ancora procurandosi due palle per l’immediato contro-break, ma lo spagnolo è riuscito a salvarsi e a salire sul 3-1. Poi Nadal ha gestito senza problemi il successivo turno di battuta, e nel settimo game, alla seconda opportunità, ha portato a casa un altro break che lo ha mandato a servire per il match sul 5-2 in suo favore. L’azzurro quindi ha cercato di non mollare fino alla fine, procurandosi una palla break del possibile 3-5, ma l’ex numero uno del mondo l’ha annullata e ha archiviato la pratica sul definitivo 6-2. Peccato dunque per Paolo Lorenzi, che però può essere ugualmente soddisfatto per l’ottimo tennis messo in campo in queste due settimane sudamericane.

ALTRI RISULTATI

Negli altri quarti di finale giocati in giornata, anche Dominic Thiem (testa di serie numero 5 del tabellone argentino) ha staccato il pass per la semifinale battendo nettamente Dusan Lajovic 6-4 6-2. Insieme a lui quindi si è qualificato Nicolas Almagro, vittorioso 6-2 7-5 sulla testa di serie numero 3 Jo-Wilfried Tsonga, mentre David Ferrer è stato fermato dalla pioggia mentre si trovava sul 4-2 nel primo set contro Pablo Cuevas

ROTTERDAM

Spostandoci poi al torneo Atp 500 di Rotterdam, Philipp Kohlschreiber è  stato capace di eliminare la testa di serie numero 2 Marin Cilic in tre set (3-6 6-3 6-4), mentre non ha avuto alcun problema Nicolas Mahut contro Viktor Troicki  (numero 8 del seeding), liquidato 6-1 6-2 in un match praticamente senza storia. Molto più avvincente invece è stata la sfida tra Martin Klizan e Roberto Bautista Agut: lo slovacco infatti si è imposto 6-7 7-6 6-0 dopo aver salvato ben quattro match point nel secondo parziale  (due sul 5-3 per lo spagnolo e altrettante subito dopo quando il suo avversario serviva per il match). Infine, a conquistare l’ultimo posto utile per le semifinali, è stato Gael Monfils, che ha battuto il giovane talento tedesco Alexander Zverev in due set (7-6 6-3).

MEMPHIS

Passando quindi al torneo Atp 250 di Memphis, hanno raggiunto le semifinali Kei Nishikori (6-2 6-4 a Kukushkin), Sam Querrey (6-3 6-4 al giapponese Nishioka), Taylor Fritz (6-4 5-7 7-6 a Benjamin Becker) e Ricardas Berankis (7-6 6-1 a Donald Young).

Nella foto Paolo Lorenzi (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “LORENZI LOTTA MA CEDE A NADAL A BUENOS AIRES”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.