MASTERS 1000 MONTE CARLO, PRIMA SEMIFINALE RAMOS-POUILLE

Lo spagnolo ha eliminato Marin Cilic 6-2 6-7 6-2, il transalpino invece ha avuto la meglio su Pablo Cuevas

TENNIS – Saranno Albert Ramos-Vinolas e Lucas Pouille a giocarsi sabato la prima semifinale del Masters 1000 di Monte Carlo. Lo spagnolo infatti, dopo aver battuto Wawrinka negli ottavi, ha proseguito il suo “magic moment” superando un altro Top Ten come Marin Cilic (6-2 6-7 6-2 lo score conclusivo), mentre il transalpino ha superato Pablo Cuevas 6-0 3-6 7-5 al termine di una sfida altalenante nella quale l’uruguaiano ha anche servito per il match sul 5-4 del terzo parziale.

RAMOS-VINOLAS

Nel primo quarto di finale di giornata in programma sul centrale, Albert Ramos-Vinolas è riuscito ad imbrigliare il numero 8 del mondo con i suoi colpi da fondo campo, a cominciare da un primo set giocato con grande autorità, portato a casa 6-2 in maniera praticamente perfetta senza concedere alcuna possibilità a Cilic. E nel secondo la musica non è cambiata, visto che lo spagnolo ha continuato a giocare bene, riuscendo a rispondere al meglio alla tattica del croato che ha giocato spesso sul suo rovescio per provare a guadagnare campo, ma quando Ramos-Vinolas è andato a servire per il match sul 5-4, dopo il break ottenuto nel settimo game, Cilic ha avuto un sussulto, e dopo il contro-break del 5-5 ha conquistato anche il successivo tie-break 7 punti a 5, rimettendosi pienamente in partita. Lo spagnolo quindi è sembrato accusare il colpo, e all’inizio del terzo e decisivo set è andato subito sotto di un break (sul 2-0), ma dopo la grande rimonta di ieri contro il numero uno del mondo Andy Murray non si è perso d’animo, ha recuperato lo svantaggio sul 2-2 al termine di un quarto game molto combattuto (risolto soltanto ai vantaggi addirittura alla quinta palla-break) e da quel momento ha infilato altri quattro giochi consecutivi che hanno mandato completamente fuori giri il suo avversario, fino al definitivo 6-2 che ha regalato allo spagnolo la sua prima semifinale della carriera in un Masters 1000.

POUILLE

Dove troverà un Lucas Pouille certamente determinato a centrale la finale, soprattutto dopo aver rischiato grosso contro Pablo Cuevas nel secondo quarto di finale di giornata, visto che l’uruguaiano si è arreso soltanto alla distanza dopo aver sprecato la grande occasione di servire sul 5-4 in suo favore del set decisivo. Nel primo comunque il francese è stato praticamente perfetto, ha servito molto bene e ha giocato con grande aggressività e precisione anche in risposta, archiviando il parziale molto velocemente sul 6-0, ma nel secondo Cuevas ha trovato il modo di reagire, salendo lui rapidamente sul 4-0, e anche se Pouille ha recuperato uno dei due break di svantaggio per il momentaneo 4-2, l’uruguaiano ha gestito molto bene i successivi turni di battuta e si è assicurato il set sul 6-3. Nel terzo e decisivo parziale però a partire meglio è stato di nuovo il transalpino, che grazie al break del secondo game è salito sul 2-0, ma Cuevas è stato bravo a non farlo scappare ottenendo il contro-break del 2-2, e nel settimo gioco è stato lui a strappare il servizio al suo avversario, salendo poi sul 5-3. Ma al momento di servire per il match sul 5-4, dal 30-0 in suo favore l’uruguaiano ha avuto un vero e proprio black-out, del quale Pouille ha approfittato per ottenere il break del 5-5. Quindi, dopo aver salvato un’altra palla break nell’undicesimo game, il transalpino ha chiuso i conti sul definitivo 7-5 vincendo ancora un gioco sul servizio del suo avversario, tra gli applausi del pubblico del centrale che lo rivedrà in campo anche domani per la semifinale.

(Nella foto Lucas Pouille – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “MASTERS 1000 MONTE CARLO, PRIMA SEMIFINALE RAMOS-POUILLE”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.