MERTENS, CAMPIONESSA DI HOBART: “FELICE DI AVER GIOCATO AD ALTI LIVELLI”

Elise Mertens da n.127 Wta ha battuto Monica Niculescu in finale ad Hobart e ancora non ci crede: la vittoria di una tenace tennista, oltre le posizioni del ranking.

Tennis. È l’ultimo torneo prima di uno degli appuntamenti più importanti della stagione: gli Australian Open si avvicinano e intanto le belga Elise Mertens ha firmato la vittoria a Hobart, garantendosi un posto sotto i riflettori pre-slam, a cui ormai non potrà più partecipare in singolare per non aver disputato le qualificazioni. Ma la decisione è stata almeno ripagata…

È incredibile -dichiara la Mertens incredula in conferenza stampa- Non ho parole per descrivere tutto questo. Ho battuto quattro giocatrici tra le migliori prime 100. Credo di aver giocato ad un buon livello questa settimana, ho seguito il piano che avevo pensato ed ha funzionato. Sono felice di aver scelto di rimanere.
Contro Monica Niculescu, la Mertens non ci aveva mai giocato, eppure in finale decisa a vincere il titolo, non si è fatto intimorire dalla classifica e ha battuto la romena in due parziali (6-3, 6-1). Partita dalle qualificazioni, la giovane belga, ha superato 4 delle tenniste presenti tra le prime 100 posizioni del ranking: Nao Hibino n.99 (6-3, 6-4); Kristina Mladenovic n.45 (6-1, 6-2); Kiki Bertens n.22 (6-2, 7-5); e infine, la Niculescu.
Ho affrontato diverse giocatrici, tutte con un gioco diverso; penso di essere stata davvero forte mentalmente per preparare ogni partita. Ora il mio corpo deve recuperare, ma sono felice di aver giocato a questo livello” ha detto la Mertens.

Da n.127 del ranking Wta, la Mertens ha iniziato la sua carriera da professionista solo nel 2013 allenandosi presso l’Accademia di Kim Clijsters: “È davvero un modello per me –riferendosi alla connazionale Clijsters- Spero di poter essere come lei, la guardavo spesso in tv, ho ancora alcuni anni per diventarlo, quindi spero di andare avanti così.”


Nessun Commento per “MERTENS, CAMPIONESSA DI HOBART: "FELICE DI AVER GIOCATO AD ALTI LIVELLI"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • WTA HOBART, SORPRESA MERTENS Cade prima la numero uno, poi la numero tre in finale: Elise Mertens batte in due set Monica Niculescu e piazza il colpo prima di Melbourne
  • WTA HOBART: NICULESCU AL 2° ROUND, STANOTTE ERRANI E SCHIAVONE Al torneo di Hobart la num. 3 del seed, Monica Niculescu, ha rispedito al mittente Jelena Jankovic con facilità. C'è attesa per le azzurre Errani e Schiavone che stanotte scenderanno in […]
  • RISCATTO WOZNIACKI, DISASTRO KVITOVA È iniziato nella notte il torneo femminile di Sidney con il ritorno al successo della ex numero uno contro Urszula Radwanska e un’altra bruttissima sconfitta della ceca contro Cibulkova. […]
  • MONICA NICULESCU, COME VINCERE SENZA RACCHETTA Il secondo turno del torneo di Guangzhou tra Niculescu e Peterson è il teatro di uno dei match point più assurdi e divertenti della storia del tennis
  • LA CULTURA DEL TENNIS La Schiavone approda agli ottavi di Melbourne. Alla stampa parla della sua vita dopo il successo al Roland Garros... sperando che prima o poi in Italia il tennis avrà lo stesso peso del calcio
  • WTA, ERRANI IN FINALE A BUCAREST La bolognese vola all'ultimo atto del torneo rumeno, dopo la rimonta ai danni della Niculescu nella semifinale di oggi. In finale troverà la Schmiedlova. A Bastad finale Larsson-Barthel

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.