MIAMI, DONNE: OUT BOUCHARD

L'eliminazione della canadese è l'esito più clamoroso fino a questo momento. Meglio Kerber e Wozniacki, in palla Suarez-Navarro, Errani e Wozniacki. Attesa per le sorelle Williams e Aga Radwanska

TENNIS – Un sabato dalle grandi firme in campo, ma anche dai grandi scivoloni. Nulla di inaspettato a Miami fino a questo momento, eccezion fatta per la clamorosa eliminazione di Eugenie Bouchard, che abbandona così la Florida all’esordio nella manifestazione. Giornata ancora in corso: tante risposte convincenti da parte delle big, tante risposte ancora da ottenere nella notte americana.

La canadese rappresenta dunque il primo scossone di oggi, giunto contro un’avversaria che non rientra nemmeno tra le prime 100: il ruolo di carneade spetta alla tedesca Tatjana Maria, centotredicesima del ranking femminile, capace prima di infliggere un 6-0 nel primo set, poi di imporsi al fotofinish nel tie-break del secondo. La candidatura a rivelazione è ancora da assegnare, ma la carnefice di Genie è una seria candidata.

Diversa, invece, la situazione delle altre stelle di Miami, a partire da quelle italiane: Sara Errani vince e convince contro una Pavlyuchenkova da non sottovalutare. Finisce 61 76, con la bolognese che vince lo spareggio con il risultato di 7-5. Dagli altri campi arrivano due punteggi identici per altrettante teste di serie da tenere d’occhio, che rispondono al nome di Ekaterina Makarova e Carla Suarez-Navarro. La russa batte 60 64 Elina Svitolina, la spagnola la imita contro Alize Cornet. Va ancora meglio ad Andrea Petkovic, che amplifica l’ottimo sabato tedesco lasciando appena due giochi alla francese Mladenovic.

Vittoria in tre set per chi dovrà dare risposte importanti sul cemento statunitense. Caroline Wozniacki parte con il piede sbagliato, poi torna in carreggiata e supera Kaia Kanepi con il punteggio di 46 61 63. Discorso simile per Angelique Kerber, terza teutonica su tre a vincere la propria partita: 75 36 64 alla britannica Watson. Chiude la prima tranche la sfida tra Kurumi Nara e la russa Gavrilova, il cui match è in corso di svolgimento.

La serata di Miami si apre con le sorelle Williams in campo, osservate speciali del pubblico di casa. Grandi aspettative in Serena, chiamata a riscattare il problema fisico che l’ha colpita ad Indian Wells. A chiudere la giornata sarà Agnieszka Radwanska, in campo non prima delle 3 ore italiane.


Nessun Commento per “MIAMI, DONNE: OUT BOUCHARD”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • RANKING WTA, SALGONO BOUCHARD E IVANOVIC La canadese torna in settima posizione a discapito di Caroline Wozniacki, la serba approfitta del passo indietro di Angelique Kerber per tornare al nono posto. In crescita anche […]
  • WTA FINALS, UN MESE DI BAGARRE Serena Williams e Maria Sharapova sono le uniche due qualificate alle Final Eight di Singapore. Relative certezze per Halep, Kvitova e Radwanska, ancora indecifrabile la situazione di Na […]
  • WTA DOHA, COLPACCIO SUAREZ-NAVARRO La spagnola rimonta e batte la numero uno del torneo Petra Kvitova, guadagnando il pass per la semifinale. Dall'altra parte del tabellone, Venus e Azarenka ribaltano le gerarchie: fuori […]
  • US OPEN, DAY 6: LE STELLE CONTINUANO A BRILLARE Carrellata di big nel day-six, nessuna delude le aspettative: resta Venus Williams, nel match conclusivo di giornata contro la Siegemund
  • IL PAGELLONE WTA DEL 2014 Dopo una stagione lunga e combattuta tra i campi di tutto il mondo, ecco le pagelle di Tennis.it per il circuito WTA
  • TOP TEN WTA. SI CERCANO SOPRAVVISSUTE La nuova stagione non sembra essere iniziata sotto i migliori auspici per le stelle della Wta. Soltanto due top ten, Agnieska Radwanska e Angelique Kerber, sono sopravvissute a sconfitte, […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.