MIAMI, FEDERER: “TERRA ROSSA? SOLO AL ROLAND GARROS”

Lo svizzero, fresco di trionfo su Nadal a Miami, lancia la bomba in vista della stagione sul rosso. Niente Madrid e Roma, solo Parigi

TENNIS – L’Australian Open è stato il colpaccio, Indian Wells l’avvisaglia, Miami la conferma. Roger Federer è tornato e lo dimostra mettendo in fila la tripletta. In Florida arriva un successo in due set su Rafa Nadal, ma anche il titolo numero 91 della sua carriera. Nelle interviste post-match, però, lo sguardo al futuro stravolge i piani più imminenti, sia del diretto interessato sia dei suoi fan: ci si vedrà direttamente a Parigi.

Il Roland Garros sarà l’unica tappa sulla terra battuta per lo svizzero, attualmente al primo posto della Race: “È stata una giornata incredibile, sono contento ed emozionato per questo successo e per questo momento così positivo. L’aspetto fondamentale, però, è quello di non perdere la lucidità. Sto giocando come preferisco, mi sto divertendo, ma non ho più 24 anni. Le cose sono cambiate molto, non ho alcuna intenzione di forzare oltre le mie reali possibilità. È molto probabile che la mia stagione sulla terra rossa si limiti al Roland Garros“.

Federer è rimasto scottato dai sei mesi di stop nella seconda parte dello scorso anno. Lo dimostra la sua priorità: “Ho bisogno di tenere a riposo il mio corpo e rigenerarmi in vista di un appuntamento così importante. Voglio arrivarci al massimo delle mie possibilità, senza alcun rimpianto sull’aver forzato eccessivamente nelle settimane precedenti. Voglio prepararmi al meglio, Parigi è una tappa importante e voglio giocarmi le mie chances. Per farlo, è anche necessario prendere delle decisioni difficili“.

La finale di Miami, per quanto fondamentale sotto numerosi aspetti, rischia di passare in secondo piano per seguire passo dopo passo il percorso del giocatore elvetico. Una vittoria importante, incredibile anche per come sia riuscito a ripetersi dopo i trionfi di Melbourne e in California, ma già dal postpartita comincia a tener banco il suo futuro più immediato: non sarà a Madrid, così come non sarà ai nastri di partenza di Roma. Federer punta tutto sul Roland Garros, l’unico Slam che ha sollevato solo una volta nel 2009: eccesso di zelo o reale necessità? La lucidità con cui si è presentato davanti ai microfoni al termine della finale, in effetti, lasciano propendere per la seconda opzione.


Nessun Commento per “MIAMI, FEDERER: "TERRA ROSSA? SOLO AL ROLAND GARROS"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora