MIAMI: FOGNINI E BOLELLI KO, OK UN DISTRATTO DJOKOVIC

Sabato nero per gli italiani. Fabio cede in due set contro Sock, mentre Simone va al tappeto al terzo set contro Troicki. Tutto facile per Nishikori e Isner, mentre Tsonga brinda al rientro con una vittoria in tre set, che gli vale il derby con Monfils. Djokovic perde un set, ma passa senza rischiare. Avanzano brillando Raonic e Dimitrov

Key Biscane (Florida). L’Italia del tennis maschile saluta al secondo turno il Sony Ericsson Open di Miami. Fabio Fognini e Simone Bolelli sono stati infatti sconfitti nei rispettivi impegni odierni contro Jack Sock e Viktor Troicki. Il ligure ha giocato praticamente il solo primo set, perdendolo al tiebreak, prima di cedere di schianto nella seconda frazione. Alla fine l’americano Sock ha avuto la meglio per 7-6 (4) 6-1, sfruttando al meglio i 36 errori non forzati di un Fognini ancora molto spento sul cemento americano e incapace di togliere la battuta al suo avversario. Per l’emiliano invece sono tanti i rimpianti nel 7-5 3-6 6-4 che ha premiato il numero due di Serbia. Una sconfitta quella di Simone maturata in tre set, ma che poteva tranquillamente essere una vittoria in due, se il vantaggio di 5-3 nel primo parziale fosse stato concretizzato. Il numero 3 d’Italia ha infatti pagato a carissimo prezzo il passaggio a vuoto accusato nel primo parziale, che gli ha fatto perdere quattro giochi di fila, alla fine decisivi nel bilancio dell’incontro. Nonostante la buona reazione e la netta affermazione nella seconda partita, Bolelli non è riuscito a condurre in porto la rimonta, subendo l’unico break del set decisivo nel settimo gioco.

È tornato in campo e al successo Jo Wilfried Tsonga, contro l’americano Tim Smyczek, non senza soffrire e cedere un parziale. L’ex top ten parigini si assicurato al terzo turno il derby con Gael Monfils, venuto a capo di un incontro complicatissimo contro il giovane serbo Krajinovic, piegato solo per 3-6 6-2 7-6(4). Non ha incontrato alcun tipo di problema invece il giapponese Kei Nishikori, che in poco più di un’ora ha imposto un netto 6-1 6-2 a Mikhail Youznhy. Buona la vittoria di Isner contro il giovane Rublev, classe ’97, superato facilmente per 6-3 6-4 grazie ad un break per set. Al contrario, va fuori all’esordio, per l’ennesima volta in questa stagione, Ernests Gulbis, battuto 6-2 6-4 da Juan Monaco.

Qualche problema imprevisto lo ha incontrato il numero uno del mondo Novak Djokovic, che ha iniziato questa notte la sua rincorsa alla seconda accoppiata consecutiva Indian Wells – Miami. Il serbo ha rifilato un 6-0 ed un 6-1 allo slovacco Martin Klizan, ma nel mezzo ha lasciato per strada un set con il punteggio di 7-5, dopo essersi distratto quando stava servendo per chiudere la partita sul 5-3 in suo favore. Tutto facile invece per Milos Raonic, che non è dovuto rimanere in campo nemmeno un ora per piegare Teymuraz Gabashvili con il punteggio di 6-1 6-4. Buona la prima anche per un ottimo Grigor Dimitrov, che ha saltato a piè pari un ostacolo potenzialmente pericoloso come il connazionale di Raonic, Vasek Pospisil, la cui resistenza è durata appena un’ora, il tempo di subire un periodico 6-2. Dimitrov ora se la vedrà con Isner. Sorriso a metà per la Spagna, che ha salutato con piacere il comodo 6-1 6-1 di David Ferrer su Federico DelBonis, ma ha dovuto anche fare i conti con le sconfitte di Robredo, caduto per mano delll’estroso Dolgopolov e di Bautista Agut, superato in tre set dal redivivo Janowicz. Quest’ultimo al terzo turno se la vedrà con il belga David Goffin, che ha ridimensionato nella tarda serata italiana, l’astro nascente Borna Coric con un pesante 6-0 6-4.

 

Sony Ericsson Open – Secondo turno

1-Novak Djokovic (Serbia) beat Martin Klizan (Slovakia) 6-0 5-7 6-1
5-Milos Raonic (Canada) beat Teymuraz Gabashvili (Russia) 6-1 6-4
Alexandr Dolgopolov (Ukraine) beat 16-Tommy Robredo (Spain) 6-7(1) 6-3 7-5
Steve Darcis (Belgium) beat 30-Gilles Muller (Luxembourg) 6-4 6-7(2) 6-3
18-David Goffin (Belgium) beat Borna Coric (Croatia) 6-0 6-4
9-Grigor Dimitrov (Bulgaria) beat Vasek Pospisil (Canada) 6-2 6-2
Jerzy Janowicz (Poland) beat 13-Roberto Bautista (Spain) 6-4 1-6 6-4
31-Jeremy Chardy (France) beat Jurgen Melzer (Austria) 6-4 6-1
6-David Ferrer (Spain) beat Federico Delbonis (Argentina) 6-1 6-1
Alejandro Falla (Colombia) beat 20-Ivo Karlovic (Croatia) 6-4 6-2
17-Gael Monfils (France) beat Filip Krajinovic (Serbia) 3-6 6-2 7-6(4)
22-John Isner (U.S.) beat Andrey Rublev (Russia) 6-3 6-4
32-Viktor Troicki (Serbia) beat Simone Bolelli (Italy) 7-5 3-6 6-4
11-Jo-Wilfried Tsonga (France) beat Tim Smyczek (U.S.) 6-4 3-6 6-3
Jack Sock (U.S.) beat 21-Fabio Fognini (Italy) 7-6(4) 6-1
Juan Monaco (Argentina) beat 14-Ernests Gulbis (Latvia) 6-2 6-4
29-Fernando Verdasco (Spain) beat James Duckworth (Australia) 4-6 6-2 6-1
12-Gilles Simon (France) beat Mikhail Kukushkin (Kazakhstan) 6-3 6-7(5) 6-0
28-Adrian Mannarino (France) beat Albert Ramos (Spain) 6-4 3-6 6-2
26-Lukas Rosol (Czech Republic) beat Alexander Zverev (Germany) 7-6(0) 6-3
4-Kei Nishikori (Japan) beat Mikhail Youzhny (Russia) 6-2 6-1


Nessun Commento per “MIAMI: FOGNINI E BOLELLI KO, OK UN DISTRATTO DJOKOVIC ”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora