MIAMI, LA FINALE SARÀ WILLIAMS-SUAREZ NAVARRO

Decisa la sfida finale dell’edizione 2015 del Miami Open: Serena Williams conquista il round dopo una maratona contro Simona Halep; tutto più semplice per la prossima top10 Carla Suarez Navarro che ha eliminato Andrea Petkovic.

Tennis. Una finale quasi inaspettata questa tra la numero 1 Wta e la spagnola attuale numero 12 del ranking, che grazie alla finale conquistata entra di diritto tra le migliori 10. 4 i precedenti tra le due: Serena rimane ancora un tabù per la Suarez Navarro; ora l’occasione per realizzare l’impresa. In caso di vittoria la spagnola sorpasserebbe nella Road to Singapore la numero 3 Maria Sharapova; in caso contrario, ha già guadagnato la 4° posizione. Per Serena invece aumentano il numero di vittorie e la cifra di finali raggiunte: 10 qui a Miami, solo 2 quelle perse. Dunque risultato prevedibile o finale tutta da giocare?

Epilogo di un match superlativo: Williams b. Halep 6-2, 4-6, 7-5. Si parte con Serena al servizio e fin dal primo punto si nota che in campo c’è un’altra numero 1 rispetto al precedente match contro Sabine Lisicki: più aggressiva, colpi profondi e meno errori. La statunitense si porta subito in vantaggio per 4-1: il match sembra a senso unico, la Halep corre da una parte all’altra del campo per recuperare i colpi della Williams che ha il controllo completo della partita. Il primo set si chiude 6-2 per Serena. Inizia il secondo: la Williams continua a bombardare la Halep in particolare sulla diagonale del dritto, rendendo spesso la palla irraggiungibile alla romena. Il punteggio però è meno tragico di quella che sembra: sul 2 pari Serena alza un imprendibile lob alla Halep scatenando gli applausi del pubblico di Miami. Inizia dunque una battaglia di nervi e resistenza per Simona: ogni scambio è fatica, ma alla fine la sua solita pazienza certosina la ripaga. Da 4-3 per la Williams, si ribalta la situazione: 5-4 per Simona che grazie ad un contropiede riesce a conquistare il secondo set per 6-4. Al terzo è ancora tutto da decidere: partenza di nuovo sprint della Williams che si porta sul 3-0, Simona continua a rimanere attaccata al match cercando di non sbagliare un colpo ma l’impresa non è semplice: Serena disegna bene ogni angolo del campo e spesso è lei a chiudere il punto. Sul 5-2 per la Williams la finale sembra vicina, ma un passaggio a vuoto fa rientrare in partita la Halep che game dopo game tiene il turno di battuta decisivo per riportare la situazione in parità. Ora è 5-5: Serena tiene il servizio e conquista il game che la proietta verso la finale. Sul match point un rovescio a rete della Halep chiude la partita. Per la numero uno ora c’è a sorpresa Carla Suarez Navarro.

Nella storia, Suarez Navarro b. Petkovic 6-3, 6-3. Meno rocambolesco il match tra la spagnola e la tedesca: la Petkovic ha reso più semplice il compito alla Suarez Navarro che doveva fare i conti con la storia spagnola. Primo punto dell’incontro, primo doppio fallo della tedesca: si parte così e questa volta è il prologo di un match altalenante. Il game è il più lungo del match: tra gli errori della Petkovic e alcuni illuminanti colpi della Suarez Navarro a conquistare il punto del 1-0 è la tedesca. Cambio campo e la spagnola entra in partita: è subito 3-1 per lei, Andrea non sembra sentire bene i colpi e se la prende più volte con se stessa. Così la spagnola in poco più di 40 minuti conquista il primo set. Al secondo Carla parte mettendo a segno 2 ace consecutivi. Si va sul 2-1: a comandare gli scambi lunghi è la Suarez Navarro che continua ad insistere sul dritto della Petkovic che spesso va fuori giri. La tedesca non riesce a gestire le traiettorie alte della spagnola, così al cambio campo chiede l’intervento del coach. La situazione però non migliora: la Petkovic riesce a conquistare solo un altro game, prima di stringere la mano a rete alla sua avversaria che vola in finale al primo match point utile. La spagnola oltre a conquistare la finale scrive la storia del suo paese come terza giocatrice ad aver raggiunto la top10 Wta, dopo Arantxa Sanchez-Vicario e Conchita Martinez. “Mi sento così felice, questo è un traguardo molto importante per me, abbiamo lavorato molto con la mia squadra per arrivare a questo momento.” Ha dichiarato Carla Suarez Navarro dopo la vittoria.

Foto: stretta di mano tra Carla e Serena, Us Open 2013 (zimbio.com)


Nessun Commento per “MIAMI, LA FINALE SARÀ WILLIAMS-SUAREZ NAVARRO”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Giugno 2017

  • Rafael e Roger all'arrembaggio
    I trionfatori dei primi due Slam stagionali vogliono entrambi Wimbledon. Lo svizzero ha saltato il Roland Garros per prepararsi al meglio proprio in vista dei Champioships, lo spagnolo invece ha vinto a Parigi e ora spera che il fisico lo assista anche a Londra..
  • I ventenni Zverev e Ostapenko incalzano
    Il tedesco sta riportando risultati interessanti che per un momento gli hanno fatto agganciare la top-ten, mentre la lettone come prima vittoria sul tour si è presa il titolo del Roland Garros. Teneteli d'occhio!
  • Alex Corretja si racconta
    In un'intervista esclusiva a Tennis Oggi il 43enne spagnolo, ormai brizzolato ma dal fisico integro, ricorda la sua carriera e parla del suo fenomenale connazionale Nadal.