MIAMI, QUALIFICAZIONI: TROPPO BEDENE PER GAIO

Aljaz Bedene estromette Gaio dalla corsa al main draw della Florida, bastano due set. Male anche Napolitano al Challenger di Guangzhou

TENNIS – Archiviato Indian Wells con la vittoria di Roger Federer, è tempo di cambiare costa americana e fiondarsi in Florida per il Miami Open. In attesa di sciorinare analisi relative al main draw, il tabellone preliminare comincia a delineare le prime, importanti gerarchie in vista dei momenti più attesi della manifestazione. Purtroppo, i colori azzurri non brillano in questa prima fase e ci sono già da registrare le prime eliminazioni.

Federico Gaio è il primo degli italiani impegnati sulla costa dell’Atlantico. Nella giornata d’esordio delle qualificazioni, il tennista di Faenza esce sconfitto dal match contro il più quotato Aljaz Bedene. Tutto facile per il britannico, che si impone con il punteggio di 6-4 6-3 e vola al turno successivo, stoppando le speranze tricolori riposte nel giocatore romagnolo.

Negli altri match del tabellone preliminare, ancora in corso di svolgimento fino a stanotte, spiccano i successi di Youzhny, Stakhovsky e Kukushkin. L’Europa dell’est si fa valere con tre affermazioni di peso: eliminati rispettivamente Millot, un Gulbis sempre più in difficoltà e Gojowczyk, che invece si ritira dopo aver perso il primo set. Fuori a sorpresa, inoltre, un atteso protagonista come Ivan Dodig, costretto al ko da un brillante quanto sorprendente King. Il tennista delle Barbados sfrutta l’ormai lungo crollo verticale del croato, eliminandolo con un pesante 6-0 al terzo set. Out anche Kudla, Ymer e Giraldo.

Italiani in campo non solo a Miami, ma anche in Cina. Il Challenger di Guangzhou, esattamente come le qualificazioni a stelle e strisce, non regalano particolari gioie alla truppa azzurra, che deve registrare anche le sconfitte di Pellegrino e Napolitano in due set: il primo esce di scena contro O’Connell, il secondo lascia strada a Wu. L’unica soddisfazione arriva da Berrettini, che batte lo spagnolo Lopez-Perez dopo due tie-break e continua la sua avventura nel torneo asiatico.

Domani sarà anche il turno di Guadalajara, senza italiani in campo ma con Pospisil e Janowicz da tenere sotto controllo. A Guangzhou è derby tra Thomas Fabbiano e Lorenzo Sonego, mentre Luca Vanni se la vedrà con Karatsev. Massima attenzione anche a Miami, con il secondo turno delle qualificazioni che scatta a partire dalle 15:00 ore italiane.


Nessun Commento per “MIAMI, QUALIFICAZIONI: TROPPO BEDENE PER GAIO”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • MIAMI, QUALIFICAZIONI: FUORI YOUZHNY E STAKHOVSKY Prosegue il tabellone preliminare di Miami. Fuori a sorpresa il russo e l'ucraino, avanza Kukushkin in due set insieme a Bedene
  • BARLETTA, FINALE ELIAS-BEDENE Il portoghese e il britannico vincono le semifinali e si contenderanno il titolo di Barletta domattina. Cecchinato-Donati, vittoria nel doppio
  • MELBOURNE, QUALIFICAZIONI: ARNABOLDI OUT L'azzurro, all'ultimo turno del tabellone preliminare, si arrende al terzo set contro il francese Lokoli. Negli altri match di giornata, spicca l'eliminazione di Darcis e il pass […]
  • MIAMI, LE QUALIFICAZIONI DEGLI UOMINI Tabellone preliminare in corso di svolgimento a Miami, spiccano le vittorie di De Minaur e Fratangelo. Il prospetto del martedì
  • CHALLENGER: GIOIE PER ROLA, DE SCHEPPER ED ESTRELLA TENNIS - Tre tornei Atp Challenger nella scorsa settimana. A Guangzhou si è imposto lo sloveno Blaz Rola, mentre a Cherbourg e Salinas il successo è andato al francese de Schepper e al […]
  • CHALLENGER, SPICCA BAGNIS L'argentino, di pari passo con il belga Coppejans, è il protagonista della settimana nel circuito Challenger. Il sudamericano si impone a Santiago del Cile, il suo collega nella […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.