VINCI OUT, SEPPI OK A FATICA

Brutto ko della tarantina, che abbandona la scena del Sony Open all'esordio nel torneo. La Zahlavova-Strycova si impone al terzo set dopo una partita di attesa, caratterizzata dagli alti e bassi dell'azzurra. Passa il turno Seppi, ma per battere Stepanek gli occorrono quasi tre ore di gioco

TENNIS – L’inizio del weekend sulle coste della Florida non si colora certamente d’azzurro. All’esordio nel Sony Open di Miami, Roberta Vinci è costretta ai saluti dopo tre set. Fatale il confronto con la Zahlavova-Strycova, ben più lucida e concreta negli scambi pesanti del match. Sconfitta evitabile, che però conferma il momento decisamente negativo della giocatrice tarantina.

Dopo l’eliminazione prematura nell’evento di Indian Wells, era lecito aspettarsi una reazione decisa contro un’avversaria abbordabile. La testa di serie numero 13, però, incappa nel bruciante ko dopo una partenza attendista e raramente incalzante: più frizzante il gioco della ceca, abile a reggere la battaglia dei primi giochi ed intraprendente sul servizio dell’italiana. Due palle break annullate da entrambe nei primi due game del set, poi è necessario attendere il decimo gioco per un altro momento cruciale: la Vinci serve per rimanere nella partita, ma concede due set point alla Zahlavova-Strycova. Sventato il primo, a segno il secondo per il 6-4 della 28enne di Plzen. La favorita del match è costretta a rincorrere per riequilibrare il parziale. La reazione sembra quella giusta: subito un break a favore, ma il servizio tradisce entrambe le giocatrici e i primi tre giochi favoriscono chi risponde. Roberta torna così in vantaggio 2-1 e conserva la battuta, poi allunga sul 4-1 dopo un quinto game infinito: ben sei deuce prima della palla break che lancia definitivamente l’azzurra, concentrata alla prima occasione per chiudere 6-2.

Nel set decisivo arriva il crollo: la ceca annulla quattro palle break nel terzo game, poi strappa il servizio alla Vinci e conserva il proprio, volando 4-1. Con la forza della disperazione, la tarantina riesce a rispondere al settimo gioco e si riporta in parità fino al momento in cui serve per il tie-break. Sul 5-6 per la Zahlavova-Strycova, un clamoroso passaggio a vuoto regala tre match point alla rivale. L’ultimo è quello buono, la tennista di Plzen approda al terzo turno e si prepara alla sfida contro Elina Svitolina.

La giornata del tennis italiano la risolleva parzialmente Andreas Seppi, che riesce a strappare il pass per il terzo turno del Sony Open, battendo con grande fatica il ceco Radek Stepanek con il punteggio di 7-6(8) 4-6 6-4 in due ore e 54 minuti di battaglia. L’azzurro gioca una partita altalenante, dimostrando come il gioco del ceco, sia per lui particolarmente insidioso, a dispetto delle 36 primavere che Stepanek si porta sulle spalle. Vinto il primo set, dopo aver annullato ben quattro set point, l’altoatesino recupera inutilmente un break di svantaggio nel secondo parziale, mentre nel terzo fa di tutto per complicarsi la vita, sciupando prima un vantaggio di 3-1 e poi due match point sul 5-4. Alla fine, dopo aver annullato tre pericolose palle del 5 pari, l’italiano riesce a chiudere alla terza palla match, prenotando un posto ai sedicesimi contro David Ferrer, testa di serie numero 4.


Nessun Commento per “VINCI OUT, SEPPI OK A FATICA ”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.