MURRAY, ADDIO MIAMI: FORFAIT DEL NUMERO UNO

Andy Murray non sarà ai nastri di partenza in Florida. Un problema al gomito lo estromette dalla seconda prova stagionale del Masters 1000

TENNIS – La notizia che nessuno avrebbe voluto sapere, ovviamente, ma un cinico ragionamento della concorrenza apre a diversi spiragli in ottica torneo. Andy Murray non sarà presente al Masters 1000 di Miami, complice un problema al gomito destro che lo terrà bloccato ai box per tutta la durata della manifestazione. L’annuncio è arrivato proprio dal diretto interessato, che l’ha comunicato attraverso la sua pagina Facebook.

Nell’economia del ranking, lo scozzese non pagherà un pesante passo indietro con il suo forfait in Florida. L’anno scorso, infatti, è stato eliminato da Grigor Dimitrov al terzo turno: la mancata partecipazione nell’edizione di quest’anno gli causerà una perdita di soli 90 punti, che non andranno ad inficiare in maniera massiccia il suo punteggio nella classifica mondiale. La reale preoccupazione è però dovuta ad un avvio di stagione dal doppio volto, con una sola luce e diverse ombre ancora da schiarire. Il successo di Dubai rimane l’unica nota lieta di questi tre mesi, nei quali si registrano anche la finale persa a Doha e le delusioni di Australian Open e Indian Wells: nel primo Slam della stagione è uscito di scena agli ottavi contro Mischa Zverev, mentre in California è arrivata una bruciante sconfitta contro Pospisil all’esordio sul cemento del BNP Paribas Open.

Per forza di cose, la concentrazione di Murray si sposterà rapidamente verso la stagione su terra rossa e su tutto ciò che porterà al Roland Garros. Per sua stessa ammissione, la tournèe sul cemento è ormai da considerarsi un capitolo chiuso a tutti gli effetti, rimandando il suo ritorno al mese prossimo. Sarà anche un modo per ricaricare le pile e riordinare le idee dopo un inizio di 2017 non esattamente sui livelli di un numero uno, sia dal punto di vista dei risultati che sotto l’aspetto della tenuta psico-fisica.

Non parte sotto una buona stella, dunque, l’edizione 2017 del Miami Open. Con il forfait del primo della classe, le assenze eccellenti salgono a due: nei giorni scorsi, Jo-Wilfried Tsonga aveva già annunciato di non partecipare alla manifestazione per via dell’imminente paternità. Il tabellone perde pezzi importanti, ma allo stesso tempo si accende la lotta per il titolo.


Nessun Commento per “MURRAY, ADDIO MIAMI: FORFAIT DEL NUMERO UNO”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • ANDY MURRAY, LE PRIORITÀ DOPO GLI US OPEN Il tennista britannico interromperà il suo consueto lavoro invernale sui campi di Miami e trascorrerà più tempo con la sua Kim, in attesa della fase più delicata della gravidanza. Il suo […]
  • SRDIAN DJOKOVIC: “PERCHÉ FEDERER NON SI RITIRA? HA 34 ANNI” Il padre del numero 1 del mondo, intervistato da Newsweek, ricorda un episodio del 2006 e non nasconde l’astio nei confronti dello svizzero. Ma parla anche di Andy Murray: “Dovrebbe […]
  • ANDY MURRAY TRA MATRIMONIO E COMMENTO TV Lo scozzese, semifinalista a Indian Wells e finalista agli Australian Open, sembra aver ritrovato le certezze smarrite dopo l’operazione alla schiena del 2013. Il 2015 potrebbe riservagli […]
  • KYLE EDMUND SARÀ IL MIGLIOR TALENTO DELL’ANNO? Meglio di Thiem, Kyrgios, Zverev e tutti i coetanei etichettati come talenti prossimi all'esplosione. Kyle Edmund si fa largo tra le promesse mondiali
  • MIAMI, DAY-AFTER: LE VOCI DI NOLE E RAFA Il Sony Open incorona Djokovic per la quarta volta in carriera. Visibilmente soddisfatto il serbo: "E' stato un torneo fantastico". Nadal, sconfitto in finale, certifica il verdetto della […]
  • AUGURI ANDY MURRAY, NOBILTÀ BRITANNICA Lo scozzese compie 28 anni subito dopo il ritiro dagli Internazionali d'Italia. Testa al Roland Garros, corona che manca alla sua brillante bacheca: dopo Henman, il pubblico del Regno […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.