MURRAY, MUGURUZA E L’ODIO PER MARIA SHARAPOVA

Murray, la Muguruza e Maria Sharapova: il caso della russa tiene banco nel circuito

Tennis. Maria Sharapova sta per tornare, mancano quasi due mesi al suo rientro a Stoccarda, ma le polemiche sono già cominciate. Soprattutto per via di alcuni tornei che avrebbero già contattato la bella siberiana per donarle una wild card. La russa è infatti senza classifica, cosa che avviene a chi viene squalificato per doping, a differenza di coloro i quali subiscono un infortunio. Ergo, non avrebbe la possibilità di prender parte ai tornei Wta, costretta a ripartire dagli Itf.

Il nome Masha, soprattutto per la grande attesa del suo ritorno all’attività agonistica, attira tifosi e botteghini soprattutto in un circuito femminile che oltre a Serena Williams offre ben pochi personaggi degni di attenzione mediatica. La reazione dei protagonisti non è però entusiasta, a partire dalla Muguruza: “Alle giocatrici questa faccenda interessa poco. Personalmente nemmeno mi ricordo di Sharapova. Si, per i tornei il suo ritorno rappresenterà una buona notizia perché lei catalizzerà tutta l’attenzione dei media, ma ripeto, a noi giocatrici tutto questo non interessa molto“.

La campionessa di Parigi non affronterà la bionda ex n.1 del mondo, visto che gli organizzatori hanno reso nota l’intenzione di non darle una wild card “Non si può decidere di aumentare fino ad 1 miliardo e mezzo i fondi destinati all’antidoping da un lato e poi invitare lei dall’altro“.

Chissà cosa farà Wimbledon, che ha un’immagine nobile da difendere e per questo Andy Murray si dice curioso di vedere cosa accadrà ai Championships con Maria: “Credo che ognuno debba conquistarsi il suo ritorno nel circuito, i tornei fanno ciò che reputano migliore per soddisfare i propri interessi e se credono che con i grandi nomi riempiranno le tribune, allora lo faranno. La Sharapova ha la possibilità di migliorare il suo ranking fin a quel momento (l’inizio di Wimbledon, ndr). Non ha bisogno di una wild card.





Nessun Commento per “MURRAY, MUGURUZA E L'ODIO PER MARIA SHARAPOVA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.